Home Cani Salute dei Cani Bartonella nel cane: cause, sintomi e trattamento

Bartonella nel cane: cause, sintomi e trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:23
CONDIVIDI

Detta malattia da graffio del gatto, anche se, i principali colpevoli solo i batteri. Vediamo le cause, i sintomi e il trattamento della Bartonella nel cane.

french-bulldog
Malattia zoonotica manifestata dalla malattia da graffio di gatt.(Foto Pixabay)

La Bartonella è un batterio unicellulare gram-negativo che aggredisce i globuli rossi nel cane, causando infezione da bartonella o bartonellosi, una malattia zoonotica manifestata dalla malattia da graffio di gatto (CSD). Nell’uomo, la trasmissione avviene attraverso gatti domestici infetti(riserve naturali di batteri), e quindi “febbre da artiglio di gatto”, anche se i graffi non sono l’unica modalità di trasmissione.

I batteri possono anche essere trasportati dagli ectoparassiti; pulci, pidocchi, farfalle e zecche, che sono maggiormente i trasmettitori più comuni della malattia nel cane. Il cane con sistema immunitario compromesso come per tutte le malattie, è quello maggiormente a rischio di infezione.

Sintomi della Bartonella nel cane

cane bianco piccolo
Molti cani sono asintomatici e non presentano segni clinici di infezione.(Foto Pixabay)

In questo paragrafo andremo a segnalare quali i sintomi più diffusi, in quanto molti cani sono asintomatici e non presentano segni clinici di infezione. Ecco perché, la morte improvvisa può verificarsi nei casi più gravi in ​​cui i precedenti sintomi non sono stati rilevati o evidentemente trascurati. Perciò se il tuo cane presenta uno dei seguenti sintomi, consulta immediatamente un veterinario:

  • rossore o piccola gobba solida (papula) o graffio sul sito di una puntura di insetto;
  • nausea;
  • diarrea;
  • vomito;
  • perdita di appetito;
  • perdita di peso;
  • depressione;
  • letargo;
  • ritmo cardiaco irregolare (soffio cardiaco, aritmia cardiaca);
  • linfonodi ingrossati o dolorosi, specialmente vicino al sito del morso o dell’infezione;
  • febbre;
  • dolore muscolare;
  • brividi visibili (brividi);
  • infiammazione della congiuntiva dell’occhio (occhio rosa);
  • debolezza;
  • secrezione nasale;
  • sanguinamento dal naso;
  • epatite;
  • convulsioni nel cane.

Cause della Bartonella nel cane

cane con pulci
Cane infestato dalle pulci (Foto Pixabay)

Alcune persone che sono più esposte a trattare con cani e gatti, hanno maggiori probabilità di sviluppare la Bartonellosi, stiamo parlando degli allevatori di cani o gatti, venditori, veterinari e assistenti veterinari. Laddove i fattori di rischio per lo sviluppo della malattia da graffio di gatto sono preventivati.

In effetti, un ulteriore fattore di rischio per lo sviluppo della bartonella nel cane, può derivare anche dal cattivo trattamento contro pulci e zecche nel cane, ma anche la scarsa igiene e la cattiva gestione delle ferite possono essere fattori che aggravano i sintomi.

Cerchiamo anche di non favorire il rischio di graffi e /o morsi. Un cattivo atteggiamento nei confronti del cane può portare questi animali in una situazione di difesa e a reagire graffiando.

Diagnosi della Bartonella nel cane

cane dal veterinario
Cane a visita dal veterinario (Foto Pixabay)

Se si sospetta che il cane sia infetto da Bartonella, il veterinario eseguirà un esame completo, che includerà test di laboratorio (profilo biochimico e analisi delle urine e analisi al sangue del cane). Possono verificarsi diverse anomalie, come un numero ridotto di piastrine ( cellule necessarie per la coagulazione del sangue ) o anemia.

Il profilo biochimico può rivelare enzimi epatici anormali e una ridotta quantità di albumina (proteine del sangue) nei cani affetti. Un aumento del numero di globuli bianchi o leucocitosi. La conferma della presenza di Bartonella avrà esito positivo, in una coltura ottenuta da un campione di sangue infetto. Un metodo diagnostico più avanzato è la PCR.

Trattamento

cane trattamento medico
In generale, è indicato un trattamento antibiotico di 4-6 settimane.(Foto Pixabay)

La prognosi del tuo cane dipenderà dalla gravità dell’infezione e varia notevolmente a seconda dei sintomi clinici. Inoltre, nei cani immunocompromessi, la malattia può essere più difficile da trattare. Come viene trattata questa batteriemia?

In generale, è indicato un trattamento antibiotico di 4-6 settimane, che in alcuni casi può richiedere un trattamento a lungo termine. Ma non ci sono linee guida concrete che sono state adottate, ma il discorso della prevenzione non è fattibili, in quanto non è consigliabile trattare animali sani.

Ci sono stati studi dove sono stati testati antibiotici come enrofloxacina, doxiciclina, eritromicina, amoxicillina e tetraciclina; ma, sono necessari ulteriori studi per determinare la sua efficacia contro diverse specie di Bartonella negli animali infetti.

L’azitromicina è stata suggerita a causa della sua attività intracellulare, ma non ci sono stati dati o prove sufficienti per determinarne l’efficacia in questi casi. In tutti i casi, è necessario un lungo ciclo di terapia antibiotica (da quattro a sei settimane), non solo per eliminare l’infezione, ma per ridurre il rischio di sviluppare batteri resistenti.

Prevenire un’infezione da Bartonella

Innanzitutto puoi impedire alle zecche di entrare nella tua proprietà mantenendo il prato e il fogliame ben tenuti, applicando regolarmente pesticidi perimetrali regolari e installando recinzioni per escludere la fauna selvatica che porta zecche.

Come per tutte le malattie batteriche infettive causate da pulci e zecche, i farmaci per le pulci e le zecche per il tuo cane sono la tua prima linea di difesa. Facile da applicare per via topica o da somministrare ogni tre mesi.

Ad esempio, ci sono una varietà di prodotti relativamente convenienti disponibili su prescrizione medica e da banco, per proteggere il tuo cane da zecche e pulci. Il controllo delle pulci è essenziale anche all’interno della casa una volta che hai effettuato la protezione al tuo cane e altri animali in casa.

Le pulci non vivono sul cane, ma saltano su di lui per succhiare il sangue e nutrirsi, dopodiché si nascondono nei divani, mobili, nelle crepe, nelle fessure della casa. Il controllo dei parassiti è il modo migliore per mantenere la tua casa libera dalle pulci.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

 

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI