Home Cani Alimentazione Cani Tiamina nel cane: perché è fondamentale nell’alimentazione di Fido

Tiamina nel cane: perché è fondamentale nell’alimentazione di Fido

Sai cos’è la tiamina e quali importanti funzioni svolge per la salute del cane? Vediamo quali sono gli alimenti in cui si trova.

tiamina cane
(Foto Pixabay)

La tiamina, anche nota come vitamina B1, è essenziale per il corretto svolgimento di numerosi processi metabolici nel cane. Scopriamo come farla assumere al nostro amico a quattro zampe nelle corrette dosi, per evitare carenze e squilibri che potrebbero mettere a repentaglio il suo benessere.

Tiamina nel cane: cos’è e a cosa serve

La tiamina è la prima vitamina idrosolubile essenziale del gruppo B.

cane triste
(Foto Adobe Stock)

Questa sostanza svolge numerose e importanti funzioni per l’organismo di Fido, tra cui:

  • ha un effetto regolatore sul metabolismo  di proteine, grassi e carboidrati;
  • contribuisce alla trasmissione degli impulsi nervosi;
  • contribuisce alla regolazione delle funzioni muscolari;
  • partecipa alla sintesi degli acidi nucleici.

La vitamina B1 può subire un processo di disattivazione o distruzione da parte della Tiaminasi. Questo enzima può essere prodotto da funghi, piante, batteri e animali.

In particolare, esso è contenuto in numerose specie di pesci, tra cui:

  • alici;
  • merluzzo;
  • gamberetti;
  • persico spigola;
  • pesce spada;
  • cozza mediterranea.

Tra i tipi di pesce che non contengono Tiaminasi, ci sono:

  • nasello;
  • persico trota;
  • anguilla;
  • platessa;
  • salmone.

Potrebbe interessarti anche: Carenza di magnesio nel cane: come riconoscerlo e tutti i rimedi

L’apporto di vitamina B1 nella dieta di Fido

Poiché la tiamina non può essere sintetizzata autonomamente dall’organismo del cane, è fondamentale che Fido la assuma tramite una alimentazione corretta e bilanciata.

cane tiamina
(Foto Adobe Stock)

Vediamo quali sono gli alimenti che contengono la vitamina B1:

  • riso;
  • piselli;
  • carne di maiale;
  • cuore di vitello;
  • fegatini di pollo.

Animali alimentati con mangimi ad alto contenuto di carboidrati possono sviluppare delle carenze di tiamina. Una dieta non equilibrata, infatti, è la prima causa del deficit di vitamina B1.

I cani maggiormente predisposti a questa condizione seguono una dieta prevalentemente a base di pesce crudo e crostacei, o di cibi industriali di scarsa qualità.

Potrebbe interessarti anche: Carenza di calcio nel cane: come riconoscerla e tutti i rimedi

Carenze di tiamina nel cane: sintomi e rischi

Un deficit di tiamina nel cane può essere molto pericoloso per la sua salute.

Fido
(Foto Adobe Stock)

Come individuarlo? In caso di carenza, Fido tenderà a manifestare i seguenti sintomi:

Qualora non si intervenga tempestivamente, le condizioni di salute dell’animale potrebbero peggiorare, determinando la comparsa di:

  • nistagmo nel cane;
  • cecità;
  • coprofagia
  • atassia e perdita di coordinazione;
  • convulsioni.

La carenza di tiamina nel cane può causare danni irreversibili a sistema cardiaco, sistema nervoso e tessuti cerebrali, fino a determinare la morte improvvisa dell’animale.

Per questo, non solo occorre rivolgersi tempestivamente al veterinario qualora Fido manifesti sintomi preoccupanti, ma anche assicurarsi che la sua alimentazione preveda il corretto apporto di tutti i nutrienti essenziali per l’animale.

Laura Bellucci