Home Cani Il tuo cane fa pipì in casa? Quali possono essere le cause...

Il tuo cane fa pipì in casa? Quali possono essere le cause e i rimedi

CONDIVIDI

Il nostro cane continua a fare pipì in ogni angolo della casa e non sai più cosa fare? Ecco il perché e le soluzioni al problema

Se il tuo cane fa pipì in casa quali possono essere le cause?

Qualsiasi sia la causa che spinge il nostro cane a urinare in casa, arrabbiarsi e urlare non servirà a nulla. Potrebbe essere un problema legato alle sue abitudini oppure, nei casi peggiori, legato a qualche disfunzione fisica. E’ fondamentale osservare il cane e notare se ha cambiato le sue abitudini.

Perché il cane urina in casa

Urinare improvvisamente è un atto definito ‘minzione’: tutti gli atteggiamenti involontari che provocano la fuoriuscita dell’urina. Questo atteggiamento involontario può avere diverse cause.

Gioia: una grande felicità potrebbe provocare nel cane una sovra-eccitazione. E’ nostro dovere cercare di calmare il nostro cane e limitare la sua euforia, per evitare che non riesca a ‘contenersi’.

Paura:  in particolare nei cuccioli, rimproverare il cane o provocargli uno spavento può provocare un’emozione negativa che provoca la pipì. Spesso situazioni di forte stress e panico possono incutere nel cane un atteggiamento di sottomissione. Essa può deteriorare il rapporto con l’umano, o peggio, stroncarlo sul nascere: il cane gli obbedirà solo per paura delle urla o delle percosse da parte sua.

Ansia da separazione: quando il cane sa che sta per arrivare il momento in cui resterà solo potrebbe reagire urinando. L’ansia da abbandono nel cane che si traduce in spruzzi di urina sparsi per casa potrebbe essere legata alla volontà di richiamare la vostra attenzione. Siete certi di dare al vostro cane le giuste cure e attenzioni di cui necessita o lo lasciate troppo tempo da solo?

Problemi di salute: purtroppo alcune malattie possono essere alla base di un comportamento anomalo da parte del nostro cane, come quello di urinare dove non è mai stato abituato a farlo. Problemi ai reni, diabete, infezioni alle vie urinarie o calcoli potrebbero essere la causa di tale comportamento. Sarà fondamentale contattare il veterinario e programmare una visita. Inoltre dall’urina del cane è possibile contrarre malattie dannose per l’uomo.

Quando urinare è un atto volontario

Marcare il territorio: fare pipì per il cane che si sente minacciato potrebbe avere anche un risvolto sociale, soprattutto con gli altri animali. In questo modo il cane delimita il territorio con l’urina per far sapere agli altri animali che quello è il suo spazio.

Addestramento: anche noi potremmo avere la nostra parte di responsabilità se il cane urina in casa. Mostrare scarsa pazienza è altrettanto sbagliato quanto il non riconoscere i progressi del nostro Fido quando ha dei comportamenti corretti. Un biscotto, uno snack sono utili a premiare il nostro cane e a fargli capire che è lì il posto dove poter fare i suoi bisogni.

Come educare il cane a fare pipì

E’ bene ribadire che la pazienza è un’arma fondamentale per educare il nostro cane. Le urla sono assolutamente inopportune, quanto inutili: il cane infatti non è in grado di associare il rimprovero a qualcosa fatto in precedenza, fosse anche un attimo prima. Le punizioni corporali sono sufficienti a formulare accuse di maltrattamento verso gli animali: quini mai usare le mani!

Ammonirlo: va bene, ma è necessario farlo con fermezza e nel momento stesso in cui sta compiendo l’azione. Dopo sarebbe troppo tardi e indurlo in confusione: i cani infatti non hanno la percezione del tempo che passa. Evitate anche discorsi troppo lunghi: un ‘No’ secco e sicuro sarà sufficiente.

Dargli giuste ricompense: perché non aiutare il nostro cane a capire quando ha un comportamento corretto? Snack, regalini o dolcetti possono essere un’ottima idea per gratificarlo quando rispetta le regole che gli avete impartito.

Rispettare gli orari: cambiare continuamente orari nel portare il cane fuori casa a fare i suoi bisogni per assecondare le tue esigenze, potrebbe essere dannoso per la sua salute psico-fisico. Altrettanto difficile sarà per il vostro cane trattenere la pipì se non lo portate fuori spesso. I momenti migliori per portarlo a fare i suoi bisogni sono dopo il pasto per  15-30 minuti.

Usare feromoni  o ansiolitici: solo in casi gravi e patologici, e sempre dopo il consulto veterinario, potrebbe essere opportuno adottare queste terapie farmaceutiche.

Prodotti enzimatici: molto utili per la pulizia della casa, dopo che il cane ha orinato. A differenza dei normali detersivi, ma anche della candeggina e di ammoniaca, questi prodotti smembrano la materia organica grazie ad enzimi e batteri.

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI