Home Cani Il cane si arrabbia se corri: cosa lo innervosisce di questo comportamento

Il cane si arrabbia se corri: cosa lo innervosisce di questo comportamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:44
CONDIVIDI

Ci sono cosa che facciamo che danno molto fastidio a Fido: ecco perché il cane si arrabbia se corri e come dimostra questo suo disagio.

Il cane si arrabbia se corri
Il cane si arrabbia se corri: tutti i motivi (Foto Pixabay)

Poche cose mettono a disagio il nostro cane e a volte le facciamo senza neppure rendercene conto: una di queste è sicuramente darci alla fuga sotto ai suoi occhi. Basterà fare una piccola prova per notare che se corri il cane si arrabbia: vediamo cosa lo infastidisce tanto del nostro comportamento e come far tornare la serenità. Inoltre quando si arrabbia rischia di fare delle cose molto pericolose per la sua stessa salute. Ecco come spiegarselo.

Potrebbe interessarti anche: Il cane morde la coperta: cosa significa questo gesto e che rischi ci sono

Il cane ti rincorre se corri: questione di DNA

Cani
Cani (Foto Puxabay)

Per quanto sia o diventi il nostro migliore amico non dobbiamo mai dimenticare la sua natura: si tratta pur sempre di un discendente dei lupi. Ciò cosa significa? Che il nostro Fido avrà sempre l’istinto di cacciare, rincorrere la preda e difendere il suo territorio. In realtà sono queste tre ottime motivazioni che possono rispondere alla domanda del perché il cane si arrabbia se corri (Leggi qui: Razze di cani più veloci: dai cani da caccia ai levrieri). Vedere qualcosa in movimento sotto i suoi occhi fa scattare in lui l’istinto cacciatore, da predatore, esattamente come i suoi antenati.

Si tratta di DNA, di istinto da sfogare nella preda occasionale e non dobbiamo offenderci se in quel momento ci vede come un ‘estraneo’. Non è sempre così, poiché il cane potrebbe arrabbiarsi perché associa la nostra fuga a qualcosa di negativo. Ma vediamo nel dettaglio perché un cane si arrabbia se corri.

Potrebbe interessarti anche: Le razze di cani più nervosi e scontrosi: non disturbateli troppo

Il cane si arrabbia se corri: le 2 cause principali (oltre all’istinto)

Il cane si arrabbia se corri
Il cane si arrabbia se corri: le cause principali (Foto Pixabay)

Se un cane vede qualcosa, o qualcuno, che si muove, tende ad irritarsi. Questo per varie ragioni, oltre che per l’istinto: vediamole tutte.

Paura: solitamente i cani molto ansiosi e poco sicuri di sé, tendono ad arrabbiarsi se vedono qualcosa muoversi, perché non sanno cosa sta succedendo ed avvertono il pericolo (Leggi qui: Le 10 più comuni paure del cane e come gestirle al meglio). Solitamente infatti associano il correre allo sfuggire al pericolo. Quindi non sanno perché ma sanno che devono scappare.

Territorialità: il cane si arrabbia perché teme che qualcuno stia ‘minando’ alla incolumità di una persona, del suo padrone o magari del suo territorio. E’ come se Fido si sentisse in qualche modo responsabile dell’incolumità di luoghi e persone (leggi qui: Il cane morde? In assenza del padrone la responsabilità è di chi lo porta a spasso).

Cosa fare se il cane ci rincorre arrabbiato

Cane che tira al guinzaglio
Cane che tira al guinzaglio (Foto Pixabay)

E se non si trattasse di una moto o di una macchina, bensì di un essere umano? Innanzitutto se scegliamo di fare jogging o qualsiasi altra attività che preveda una corsa, vediamo bene se in giro non ci sono cani e se sono tenuti al guinzaglio (Leggi qui: Il cane rincorre le auto, le bici e le moto: cause e rimedi). Tenderebbe immediatamente a rincorrerci per attaccarci. Se si tratta del nostro stesso cane, allora bisognerà fare in modo che si abitui a vederci correre: basterà fargli fare contemporaneamente attività fisica in modo da stancarlo e, allo stesso tempo, fargli capire che non c’è nulla di strano o pericoloso se ci vede correre.

Certo parlare è semplice, ma magari mettere in atto quello che abbiamo appena detto non è semplice e soprattutto non immediato. Se infatti il problema dovesse persistere e il cane si trovasse spesso ad attaccare altre persone ed oggetti, è il caso di ricorrere ad un educatore cinofilo.

Francesca Ciardiello