Home Cani Cosa fare nel periodo di muta del cane

Cosa fare nel periodo di muta del cane

CONDIVIDI
@Getty images
@Getty images

La muta del cane si verifica due volte l’anno, nel periodo primavera-estate e in autunno. Tuttavia vi sono delle differenze tra i cani che vivono in appartamento e quelli all’esterno. Si tratta di un fenomeno fisiologico con il quale l’animale perde il pelo per rinnovare il suo manto: il vecchio pelo viene sostituito da quello nuovo.  La muta viene influenzata da due fattori: il tipo di luce e la temperatura. La luce costante e le temperature miti di una casa favoriscono condizioni per una muta più lenta, che potrebbe accavallarsi con l’altra muta.

All’esterno, il periodo di muta è più veloce, mentre per i cani che sono in casa è più lungo e potrebbe rivelarsi fastidioso per i proprietari. Recentemente abbiamo riservato una simpatica galleria fotografia a questo fenomeno che in alcuni casi è un vero incubo per i padroni che si riempiono i vestiti di peli. Inoltre, ci sono alcune razze di cani che non hanno la muta e perdita di pelo, per cui potrebbero essere una vera salvezza in questi casi.

Nel periodo di perdita di pelo, i veterinari suggeriscono di spazzolare spesso l’animale, soprattutto gli esemplari a pelo lungo, per togliere il pelo morto. Nei cani a pelo lungo vi è il rischio che il pelo vecchio si aggrovigli e non faciliti la ricrescita di quello nuovo creando difficoltà anche nella spazzolatura.

Ci sono alcuni modi di cui abbiamo già parlato per ridurre la perdita di pelo ma in ogni caso la frequenza della spazzolatura è fondamentale e per i cani a pelo corto è sufficiente una volta a settimana, mentre per i cani a pelo lungo sarebbe necessaria una spazzolatura quotidiana.

Nel periodo estivo per i cani a pelo lungo viene suggerito di accorciare il pelo per evitare che soffra il caldo.  Per quanto riguarda il tipo di shampoo è meglio prediligere prodotti specifici in modo da non irritare la pelle del cane o seccarla.