Home Cani Salute dei Cani Cura del pelo dell’Epagneul de Pont Audemere dalla spazzola al bagno

Cura del pelo dell’Epagneul de Pont Audemere dalla spazzola al bagno

Come prendersi cura del manto del tuo quattro zampe? Tutto quello che dovresti sapere sulla cura del pelo dell’Epagneul de Pont Audemere.

Cura del pelo dell'Epagneul de Pont Audemere
(Foto Pinterest-
Kathy Kosierowski)

Come fare per avere un manto del cane lucido e in forma? Bisogna averne cura con tanto olio di gomito. Ecco dunque quali sono tutti i consigli utili e le indicazioni per la cura del pelo dell’Epagneul de Pont Audemere dall’uso della spazzola alla frequenza del bagnetto per gli esemplari di questa razza.

Com’è fatto il pelo dell’Epagneul de Pont Audemere

Come riconoscere questo cane di taglia media dalle antiche origini francesi? Dal manto, naturalmente. A vederlo sembra quasi indossare una pelliccia, una parrucca di vari colori. I peli sono molto spessi e grossi, ricci e leggermente lucidi perché grassi.

Alimentazione dell'Alimentazione dell'Epagneul de Pont Audemere
(Foto Google Images)

Il tratto caratteristico è sicuramente il ciuffo che troneggia sulla testa e il manto che ricopre anche le orecchie pendenti. Non è un cane che perde molto pelo, quindi non ci ritroveremo spesso a raccogliere ciuffi in giro per casa. Ma attenzione ad averne cura: ecco tutti i consigli utili.

Cura del pelo dell’Epagneul de Pont Audemere con la spazzola

Prima di scegliere la spazzola per cani che fa per noi, dobbiamo sapere che questo tipo di manto non si ‘terrà pulito e ordinato’ da solo, senza il nostro fondamentale contributo. L’Epagneul de Pont Audemere infatti dovrà essere spazzolato almeno una volta alla settimana.

Alimentazione dell'Epagneul de Pont Audemere
(Foto Pinterest-Psy-pies wszystko o psach)

Oltre al pericolo di nodi, è importante anche per la pulizia di questo cane spazzolarlo frequentemente, magari approfittando di questo momento di intimità per creare una sintonia tra padrone e quattro zampe.

E il bagnetto?

Per fortuna si tratta di un cane che ama il contatto con l’acqua, quindi uno shampoo non sarà un trauma per lui. Trattandosi di un cane non molto diffuso nelle nostre zone, non si hanno notizie certe sulla frequenza del bagno.

E’ ipotizzabile quindi che si segua quella ‘comune’ per la gran parte dei nostri amici a quattro zampe: un bagno, fatto con prodotti specifici, ogni 30-40 giorni. Ovviamente i tempi si restringeranno qualora fosse necessario farlo prima.