Home Cani Salute dei Cani Ernia del disco nei bassotti: cause, sintomi e trattamento

Ernia del disco nei bassotti: cause, sintomi e trattamento

Ernia del disco nei bassotti, una patologia molto frequente per questa razza canina molto particolare. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

bassotto dal veterinario
(Foto AdobeStock)

Tutti coloro che amano i bassotti e ne hanno uno in casa, se non di più, sanno molto bene che l’ernia del disco nei bassotti è una patologia che di frequente colpisce questa razza.

Non è raro per loro riscontrare nel cane, da un momento all’altro, problemi deambulatori con gli arti posteriori. Un grave errore è pensare di sottovalutare il problema e che la condizione possa rientrare da sola.

In genere sembra avere dei miglioramenti per poi peggiorare ulteriormente. Vediamo quali sono le cause, i sintomi e il trattamento per l’ernia del disco nei bassotti.

Cause dell’ernia del disco nei bassotti

I dischi fungono da veri e propri cuscinetti in grado di ammortizzare le sollecitazioni e i carichi della colonna.

Curiosità sul Bassotto
(Foto Pixabay)

L’ernia del disco nei bassotti consiste nella fuoriuscita del disco intervertebrale dalla sua sede fisiologica e conseguente compressione del midollo spinale.

Questo si verifica quando diventano particolarmente fragili e suscettibili per gli anni che passano o per una predisposizione della razza come nei bassotti.

Una predisposizione possiamo dire familiare, cioè bassotti imparentati tra loro possono ereditare dai loro genitori o dai loro nonni la propensione a sviluppare una degenerazione discale. Tuttavia tutti i cani, compresi i meticci, possono sviluppare tale patologia.

Sintomi

I sintomi possono interessare solo gli arti posteriori o i 4 arti a seconda di dove è localizzata l’ernia del disco.

Bassotto
(Foto Pixabay)

I sintomi si classificano in base ai gradi di gravità a seconda dell’entità dei deficit neurologici. Perciò avremo che:

  • se l’ernia del disco nei bassotti è a carico della colonna vertebrale toracolombare si riscontra una difficoltà motoria solo sugli arti posteriori (paraparesi o paraplegia);
  • se l’ernia coinvolge il midollo spinale cervicale si riscontrano deficit neurologici anche sugli arti anteriori (tetraparesi o tetraplegia).

Volendo dividerla per gradi, abbiamo:

  • grado I: è il grado più lieve, in cui è presente dolore acuto, anche senza nessun fattore scatenate apparente. Il cane mostra dolore, zoppica, oppure è paralizzato. Il dolore può manifestarsi in diversi modi: con guaiti, tremori, incurvamento della colonna vertebrale;
  • grado II: il cane perde la percezione della disposizione degli arti nello spazio (è sempre presente il dolore, ma si hanno anche deficit propriocettivi agli arti posteriori);
  • grado III: il cane perde la capacità motoria degli arti posteriori, ma riesce ancora a compiere movimenti volontari degli arti se sorretto con un sospensorio (in questo caso si ha paraparesi non deambulatoria);
  • grado IV: c’è una perdita completa dei movimenti volontari degli arti posteriori.
  • grado V: il cane non riesce a muoversi e non riesce autonomamente ad urinare.
  • grado VI: è quello più grave, in cui si ha anche perdita del dolore profondo.

Potrebbe interessarti anche: Curiosità sul Bassotto: nome, razze, origini, fatti e cosa assolutamente sapere

Diagnosi e trattamento dell’ernia del disco nei bassotti

Il proprietario di fronte a questa patologia del suo bassotto, deve essere molto bravo e rapido a valutare la condizione e rivolgersi immediatamente al veterinario.

Nei casi gravi che necessitano dell’intervento chirurgico, la tempestività è fondamentale. Il medico dopo aver valutato i sintomi clinici ed aver individuato la localizzazione della compressione, la diagnosi si effettua mediante Risonanza Magnetica.

Valutata la risonanza magnetica, il medico sarà in grado di stabilire il grado dell’ernia del disco. Perciò nel caso in cui si dovesse trattare dei gradi I e II della scala di sintomatologia clinica, si può optare per la terapia conservativa (tenere il caso a riposo e in un piccolo spazio, in modo che non si possa muovere e fare sforzo).

La terapia adeguata al bassotto servirà a cicatrizzare del materiale erniato e consentire al tessuto nervoso compresso di riassorbire gradualmente l’edema conseguente.

Nel caso invece l’ernia del disco nel bassotto fosse di III o VI grado è necessario l’intervento chirurgico il più tempestivo possibile, ossia entro le 12-36 ore.

Successivamente all’operazione il bassotto dovrà restare confinato a riposo, per poter permettere al corpo di ristabilirsi per almeno 4-6 settimane.

Passato questo periodo si dovrà intervenire con la fisioterapia per il cane, in quanto è importante far compiere dei movimenti controllati agli arti, rispettando i tempi di guarigione dei tessuti.

A circa 3 mesi dall’intervento, ovviamente dopo un programma di recupero e di esercizio fisico del cane, il Bassotto può tornare alla sua vita normale.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea