Home Cani Salute dei Cani Leucopenia nel cane: cause, sintomi, terapia della malattia

Leucopenia nel cane: cause, sintomi, terapia della malattia

Leucopenia nel cane, una situazione molto grave per lui. Vediamo di capire le cause che la scatenano, i sintomi che si manifestano e come intervenire per aiutare fido.

Leucopenia nel cane
(Foto Unsplash)

Ci sono alcuni disturbi che possono togliere energie e vitalità al caro amico a quattro zampe. Abituati a vedere fido pieno di entusiasmo nei confronti della vita e sempre felice di rapportarsi in famiglia, non è facile accettare di vederlo sofferente per una patologia. Quando accade, è bene informarsi su ciò che gli sta accadendo e intervenire presto per poterlo curare. Vediamo, qui, cos’è la leucopenia nel cane e come agire a riguardo.

Leucopenia nel cane: cause e sintomi tipici

Parliamo di una condizione molto grave nel peloso domestico, tenendo conto che può trovarsi in seria difficoltà dovendo lottare con estrema debolezza. Questa malattia riguarda i suoi globuli bianchi. Leggiamo, nello specifico, da cosa è causata e come si presenta in lui.

La leucopenia del cane
(Foto Pexels)

Quando l’amico cane inizia a soffrire di una malattia non ancora chiara al suo padrone, le sue energie vengono subito meno e l’animale appare sofferente e bisognoso di aiuto.

Qualsiasi patologia mette a dura prova la resistenza di fido e non è semplice capire cosa lo stia torturando così. Tra le varie malattie per questo peloso, bau può essere colpito all’interno e provocare più conseguenze collegate tra loro.

Una diminuzione dei globuli bianchi o leucociti definita, in medicina veterinaria, come leucopenia nel cane, va a provocare determinati problemi.

Una volta colpiti i leucociti, si possono presentare varie condizioni, quali neutropenia, linfopenia, eosinopenia nell’animale. I globuli bianchi bassi in fido dipendono da vari fattori ma le conseguenze salutari sono gravissime.

É stato provato che le razze canine più piccole e deboli sono predisposte ad ammalarsi di neutropenia e non riescono a resistere ai sintomi, come diarrea, febbre, dolori articolari, riuscendo a sopravvivere per miracolo.

Un abbassamento dei globuli bianchi si può verificare facilmente nei cuccioli, più a rischio poiché molto deboli.

Cause e sintomi a cui fare attenzione

Le cause di leucopenia nel cane sono diverse in base alla popolazione leucocitaria che viene colpita e queste sono le seguenti:

I sintomi che si presentano nell’animale colpito vanno riconosciuti come pericolosi e per essi va informato il veterinario di fiducia immediatamente:

Nel caso il proprio cane sia di piccola taglia e presenta uno o più sintomi tra quelli elencati è essenziale agire il prima possibile e portarlo in clinica veterinaria.

Potrebbe interessarti anche: Leucocitosi nel cane: definizione, classificazione e cause

Fido e i globuli bianchi bassi: diagnosi e terapia

Come abbiamo accennato, è proprio la razza canina ad indicare la probabile presenza di questo grave problema. Una volta giunto in clinica, il cane verrà sottoposto ad una serie di test per effettuare la diagnosi e decidere sulla terapia migliore in base alla sua condizione.

La malattia in fido
(Foto Pixabay)

Nel caso in cui il proprio fido appartenga ad una razza piccola predisposta a questa malattia, è necessario recarsi dal suo veterinario per effettuare tutti gli esami e test utili a scongiurare questo problema.

Il medico in clinica richiederà gli esami del sangue, tutti i farmaci assunti in precedenza dal cane, una possibile esposizione a radiazioni o tossine ed anche l’emocromo completo.

Dovrà essere esclusa anche una infezione da zecche, tramite gli ultrasuoni e i raggi X.

Per escludere altre patologie, occorrerà verificare la produzione di neutrofili. La terapia per fido sarà decisa in base alla zona di infiammazione. Qualora non fosse presente la febbre, si deciderà per una terapia di antibiotici per il cane.

Se dovesse manifestarsi anemia nel cane, la terapia dovrà essere più aggressiva. Fido verrà ricoverato in clinica e verrà effettuata una trasfusione; gli antibiotici, inoltre, saranno somministrati per endovena.

Queste iniziali terapie sono soltanto il primo passo verso la cura dell’animale, per cui è d’obbligo agire con urgenza, in modo tale da salvarlo dal pericolo di perdere la vita.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.