Home Cani Salute dei Cani Malattie più comuni dell’Alpenlaendische dachsbracke: quali sono, sintomi e cure

Malattie più comuni dell’Alpenlaendische dachsbracke: quali sono, sintomi e cure

Malattie più comuni dell’Alpenlaendische dachsbracke: dermatite

Se lo vediamo grattarsi spesso e sempre nello stesso punto, questo potrebbe essere un ‘campanello d’allarme’: l’Alpenlaendische dachsbracke infatti soffre spesso di dermatite canina, che induce appunto l’animale a grattarsi con le unghie fino a sanguinare.

Alimentazione dell'Alpenlaendische dachsbracke
(Foto AdobeStock)

Oltre al dolore fisico e al fastidio di un prurito continuo, c’è da considerare che la pelle si rovina così tanto fino a desquamarsi e infettarsi ancora.

Cura

Per fortuna la dermatite si può curare e ci sono sicuramente dei farmaci a trattamento topico che possono alleviare il fastidio del prurito. Però il lavoro principale del veterinario sarà capire qual è la natura della dermatite, poiché ne esistono di vari tipi, per poi procedere ad una cura mirata e più specifica.

Otite

E’ una delle zone che (purtroppo) viene spesso ‘tralasciata’ nella sua toelettatura, eppure è fondamentale andare a fondo nella pulizia delle stesse. In particolare le orecchie dell’Alpenlaendische dachsbracke, essendo lunghe, possono ‘raccogliere’ una grande quantità di polvere e elementi esterni.

L’accumulo di questa ‘sporcizia’ provoca infezioni e danni all’udito del cane, ma anche assenza di equilibrio e dunque problemi di deambulazione. Per non parlare dell’umidità, che può creare ulteriori danni alle sue orecchie.

Cura

Se fa molto freddo proviamo a coprirgli le orecchie con un para-orecchie e facciamo molta attenzione a non tralasciare la pulizia delle stesse quando ci occupiamo della sua toelettatura e della cura del pelo dell’Alpenlaendische dachsbracke.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio D’Agostino