Home Cani Salute dei Cani Shunt portosistemico nel cane: che cos’è, quali sono i sintomi e come...

Shunt portosistemico nel cane: che cos’è, quali sono i sintomi e come si cura

Avete mai sentito parlare di shunt porto sistemico nel cane? Scopriamo insieme quali sono gli effetti di questa rara patologia.

Shunt porto sistemico nel cane
(Foto Adobe Stock)

Lo shunt portosistemico nel cane è una patologia piuttosto e rara e per questo motivo poco conosciuta. Anche la sintomatologia della malattia non è facilmente ricollegabile al disturbo, per la cura del quale è necessario un intervento tempestivo.

Di cosa si tratta

Lo shunt portosistemico indica un’anomalia che contraddistingue un vaso sanguigno, singolo e multiplo, dell’organismo del cane.

Radioterapia nel cane
(Foto Adobe Stock)

A causa della malformazione il sangue proveniente dalla zona addominale si immette direttamente nel circolo sistemico, eludendo l’azione depuratrice del fegato, cagionando gravi danni all’organismo dell’animale.

La patologia può essere congenita, dunque presente fin dalla nascita del cucciolo, oppure acquisita. Esistono due forme di shunt portosistemico congenito nel cane:

  • Intraepatico, dunque all’interno del fegato. Si tratta di una forma di shunt portosistemico piuttosto rara. Purtroppo non consente alcun intervento chirurgico risolutore, sia a causa della posizione, sia perché di norma coinvolge più vasi sanguigni;
  • Extraepatico, ovvero presente all’esterno dell’organo. È la forma più frequente in cui si presenta l’anomalia congenita. Di norma è operabile, poiché coinvolge un unico vaso sanguigno all’esterno dell’organo.

I sintomi appariranno entro il primo anno di vita del cucciolo.

Quando non congenito (e dunque acquisito) lo shunt portosistemico insorge come conseguenza di patologie epatiche del cane; anche in questo caso, purtroppo, non è possibile intervenire chirurgicamente.

Potrebbe interessarti anche: Insufficienza mitralica nel cane, che cos’è? Cause e possibili rischi per Fido

Quali sono i sintomi

Non è affatto semplice comprendere quando il cane possa essere affetto dallo shunt portosistemico.

Perché il cane mangia il suo vomito
Perché il cane mangia il suo vomito? Scopriamolo insieme (Foto Adobe Stock)

D’altronde si tratta di una patologia piuttosto rara e poco conosciuta. Senza contare che i segni clinici tipici della patologia sono ricollegabili a diverse altre malattie.

Infatti lo shunt portosistemico si manifesta con sintomi quali vomito e diarrea nel cane (in particolare dopo i pasti), letargia ed eccessiva salivazione.

Potrebbe interessarti anche: Malattie cardiache del cane: quali sono le razze di solito più colpite

Shunt porto sistemico nel cane: come si cura

La patologia richiede un intervento tempestivo.

cane dal veterinario
(Foto Adobe Stock)

L’approccio terapeutico sarà diverso, a seconda della tipologia di shunt portosistemico che ha colpito il cane; in particolare occorrerà valutare se l’animale è operabile o meno. È proprio l’intervento chirurgico l’unico rimedio realmente risolutivo; tuttavia non è attuabile, come visto, per tutte le forme di shunt portosistemico.

Senza contare, inoltre, che non si tratta di un’operazione di routine, e pertanto presenta un certo grado di rischio. La procedura standard prevede la legatura del vaso sanguigno anomalo, che dovrebbe portare alla chiusura graduale dello stesso in un arco di tempo variabile (anche fino ai tre mesi).

Le ore immediatamente successive all’intervento sono particolarmente delicate, in quanto è in questo arco temporale che si può registrare la morte dell’animale.

Quando l’intervento chirurgico non è possibile, sarà necessario optare per una terapia di sostegno, basata su un regime alimentare povero di proteine, coadiuvato dalla somministrazione di antibiotici.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.