Home Cani Salute dei Cani Trisma nel cane: sintomi e cause di tale disturbo

Trisma nel cane: sintomi e cause di tale disturbo

Una condizione molto dolorosa per la nostra palla di pelo. Vediamo insieme cos’è il trisma nel cane, quali sono i sintomi e le cause.

trisma nel cane
(Foto Pexels)

I nostri amici a quattro zampe molto spesso si ammalano e presentano sintomi visibili e non visibili. Come buon genitore di Fido, è compito nostro prenderci cura di lui e fare attenzione ai segnali di malessere.

Il trisma nel cane è proprio una delle condizioni che possono colpire il nostro amico a quattro zampe. Vediamo qui di seguito quali sono i sintomi di tale disturbo e quali sono le cause che possono provocarlo.

Trisma nel cane: sintomi e cause

Il trisma nel cane non è altro che l’incapacità della nostra palla di pelo di aprire e chiudere la bocca. Tale condizione è molto dolorosa per Fido.

cavo orale del cane
(Foto Pixabay)

Tutte le razze di cane di qualsiasi sesso ed età possono essere colpiti da tale disturbo. Solitamente la mascella bloccata viene connessa al tetano, in quanto è uno dei principali sintomi di tale patologia.

Tuttavia le cause di trisma nel cane possono essere molte, come:

Al trisma possono associarsi anche sintomi secondari a cui fare attenzione per il bene di Fido:

Nel caso in cui il vostro amico a quattro zampe presenti tali sintomi, è opportuno contattare il veterinario.

Potrebbe interessarti anche: Guancia gonfia nel cane: cause, sintomi, cura e prevenzione per fido

Incapacità di aprire e chiudere la bocca: diagnosi e trattamento

L’esame principale per evidenziare il trisma nel cane, è l’esame fisico. Il veterinario effettuerà, con attenzione, una manipolazione fisica della mascella, per evidenziare la gravità della situazione.

cane dal veterinario
(Foto Adobe Stock)

Inoltre lo specialista potrebbe eseguire un’analisi del sangue, per evidenziare un’eventuale aumento di enzimi muscolari o la presenza di autoanticorpi che potrebbero diagnosticare la presenza di tetano nel cane.

Inoltre dalle analisi del sangue possono essere evidenziate anche la presenza di eventuali malattie. Infine il veterinario potrebbe richiedere anche altri esami:

  • Radiografia
  • TAC
  • RM cranio e mascella
  • Elettromiografia
  • Biopsia

Potrebbe interessarti anche: Rottura del crociato del cane: sintomi, quando è necessario operare, tempi di recupero

Il trattamento del trisma dipende dalla causa che l’ha procurato. Nel caso in cui dalle analisi viene diagnosticato il tetano alla nostra piccola palla di pelo, lo specialista potrebbe trattare il disturbo con antibiotici e antitossine.

In caso di anchilosi temporo-mandibolare, invece, il veterinario potrebbe ricorrere alla chirurgia. In casi più gravi purtroppo non vi è alcun trattamento che potrebbe aiutare Fido.