Home Cani Salute dei Cani Uretere ectopico nel cane: cause, sintomi e cura della malattia

Uretere ectopico nel cane: cause, sintomi e cura della malattia

Uretere ectopico nel cane, una patologia a cui alcune razze sono predisposte. Vediamo, qui, quali sono le cause principali, i suoi sintomi e come è possibile curare l’animale.

Uretere ectopico nel cane
(Foto Unsplash)

Il cane può vivere felice e al sicuro insieme al suo padrone umano, condividendo tanti momenti ed esperienze che lo fanno diventare adulto. Nel corso della sua vita, però, fido può essere soggetto a disturbi improvvisi ma anche a malattie di origine genetica. Parliamo, in questo articolo, di uretere ectopico nel cane e di come risolvere per aiutarlo.

Uretere ectopico nel cane: cause e sintomi tipici

Si tratta di un’anomalia che comporta importanti conseguenze nel meccanismo urinario dell’animale. Vediamo cosa viene colpito nello specifico e per quali cause, soffermandoci anche sui sintomi che si manifestano e quali sono le razze canine più predisposte.

Uretere ectopico del cane
(Foto Pexels)

Ci sono delle malattie non molto diffuse che possono colpire alcune razze canine. Fido può essere soggetto a disturbi gravi in grado di compromettere le funzioni fondamentali del suo organismo.

Esiste un’anomalia congenita che intacca tutto l’apparato urinario del cane: l’uretere ectopico. Questo è un problema che può interessare uno o entrambi gli ureteri, provocando disfunzioni fisiologiche non indifferenti.

Ma cos’è l’uretere? L’uretere è ciò che collega i reni alla vescica favorendo il passaggio dell’urina e permettendo, dunque, la minzione.

É una malformazione congenita che, se diagnosticata e trattata nel modo corretto, può consentire al proprio animale di vivere bene. Vediamo, insieme, quali sono le cause.

L’uretere ectopico (cioè in un’altra zona rispetto a quella fisiologica) nel cane viene provocato da malformazioni quali ureteri extraluminali e ureteri intraluminali.

Gli ureteri extraluminali superano la vescica di fido, connettendosi con l’uretra pelvica. Gli ureteri intraluminali, invece, passano al di sotto della mucosa della vescica, aprendosi in zona uretrale o vaginale dell’animale.

Alcune razze canine sono più soggette a soffrire di uretere ectopico, in particolare gli esemplari femmina e queste sono: il Golden Retriever, il Barboncino, il Cavalier King Charles Spaniel.

I sintomi tipici dell’uretere ectopico nel peloso

In una condizione simile che comporta disagio e debolezza nell’animale, si può assistere a dei segnali e sintomi che si verificano, come la presenza di peli bagnati nella zona perepuziale o vulvare, gocciolamento persistente e incontinenza urinaria nel cane.

Potrebbero esserci altre patologie presenti nel peloso, cause di incontinenza, quali l’incontinenza iatrogena, la cistite del cane oppure una carenza di estrogeni nella cagna che è stata sterilizzata.

Potrebbe interessarti anche: Vie urinarie del cane: sintomi pericolosi e malattie correlate

Fido e la sua patologia: diagnosi e trattamento

In caso di sospetto uretere ectopico nel cane, è importante notare i sintomi tipici, perché accorgersene in tempo permetterà al suo veterinario di poterlo aiutare e tutelare la sua salute. Leggiamo come si effettua la diagnosi e qual è il trattamento previsto.

La malattia nel cane
(Foto Pexels)

Bisogna dire che la malattia dell’uretere ectopico nel cane è piuttosto rara. Ma quando si manifestano uno o più sintomi tra quelli riportati sopra, è bene agire subito e informare il proprio veterinario di fiducia.

Per questa condizione nell’animale è prevista una diagnosi attraverso due strumenti: ecografia ed urografia discendente.

É possibile sottoporre il cane malato ad un’intervento per l’uretere ectopico, il quale ha un costo di circa 500 euro. L’intervento prevede la collocazione del peloso in decubito dorsale, post anestesia generale.

Allora verrà eseguita una celiotomia, ovvero una incisione sulla parte anteriore dell’addome dell’animale, con lo scopo di stabilire la posizione, il diametro e il decorso dell’uretere. Una volta raggiunta la vescica, verranno ispezionate le aperture uretrali.

Dopodiché, verrà effettuata una neostomia, cioè una nuova apertura nella posizione normale. Insieme a questo intervento, sono previsti i trattamenti post operatori e la cura farmacologica per il cane.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.