Home Cavalli Salute dei Cavalli Anemia nel puledro appena nato: cause, sintomi e trattamento

Anemia nel puledro appena nato: cause, sintomi e trattamento

Anemia nel puledro appena nato è una condizione del sangue che può determinare dei seri problemi nell’animale. Vediamo le cause, i sintomi e la cura.

puledro e cavalla
(Foto AdobeStock)

L’anemia nel puledro appena nato si verifica quando la cavalla sviluppa anticorpi contro il gruppo sanguigno del puledro, il quale bevendo il colostro (il primo latte) della cavalla, con questi anticorpi questi ultimi distruggono le cellule del sangue del cavallino, causando un’anemia grave e pericolosa.

Ma di cosa si tratta in effetti? Come possiamo individuare questa problematica nel nostro cavallino appena nato? Cosa possiamo fare per aiutare il puledro? Scopriamolo insieme.

Cause dell’anemia nel puledro appena nato

Le cause dell’anemia nel puledro appena nato possono essere diverse.

Setticemia nel puledro
(Foto Pixabay)

Ecco le condizioni individuate come le cause dell’anemia nel puledro appena nato:

  • una discrepanza tra il gruppo sanguigno della cavalla e il puledro. Per verificarsi, il puledro deve ereditare dal padre un gruppo sanguigno specifico (Aa o Qa);
  • la madre deve diventare sensibilizzata al gruppo sanguigno del puledro;
  • attraverso l’emorragia transplacentare durante una precedente gravidanza.

Se sei a conoscenza che la tua cavalla ha subito una trasfusione di sangue, o ha già avuto un puledro con isoeritiolisi neonatale (NI), ovvero l’anemia nel puledro appena nato, non lasciare che allatti i suoi piccoli cavallini entro 24-48 ore dalla nascita.

Alcune razze come i cavalli arabi e i purosangue sono geneticamente più predisposti a trasportare i gruppi sanguigni Aa e Qa.

Perciò se si vuole creare un allevamento è opportuno cercare stalloni negativi per questi gruppi sanguigni specifici.

Sintomi

I segnali che si possono individuare nell’animale colpito da anemia, si manifestano entro i primi giorni dalla nascita del puledro e possono essere i seguenti:

  • letargia;
  • anemia (PVC < 20%);
  • battito cardiaco accelerato;
  • ingiallimento degli occhi e delle mucose (chiamato anche ittero o ittero);
  • urina scura.

Potrebbe interessarti anche: Morte improvvisa del cavallo: quali sono le cause più comuni

Diagnosi e trattamento dell’anemia nel puledro appena nato

Per effettuare la diagnosi di anemia nel puledro appena nato (con meno di 4 giorni di età), possono essere eseguiti dei test di laboratorio più specifici. 

Questi esami saranno utili per confermare la presenza di anticorpi materni sui globuli rossi del puledro.

Purtroppo però questi test richiedono un tempo eccessivo che  in questa situazione non è possibile concedere.

Il trattamento sarà adeguato a seconda della gravità della malattia nel puledro, perciò:

  • se l’anemia del puledro è grave, può essere necessaria una trasfusione di sangue;
  • se l’anemia viene diagnosticata quando il puledro ha meno di 24 ore, dovrebbe essere impedito l’allattamento;
  • se questa condizione viene notata dopo 24 ore dall’allattamento, non è necessario impedire più al puledro di allattare, in quanto la maggior parte degli anticorpi della madre sono scomparsi dal suo latte dopo 24 ore.

Infine un ulteriore terapia per aiutare a sostenere il sistema circolatorio del puledro e la funzione renale, consisterà nella somministrazione di ossigeno supplementare e antibiotici sistemici per prevenire infezioni batteriche secondarie.

In merito alla prognosi se l’anemia nel puledro appena nato anche detta isoeritiolisi neonatale viene diagnosticata abbastanza presto e il puledro non è gravemente compromesso è molto più favorevole, rispetto a un puledro che è stato notevolmente colpito giorni prima dell’inizio del trattamento.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta