Home Cavalli Salute dei Cavalli Placca uditiva nel cavallo: cause, sintomi e trattamento

Placca uditiva nel cavallo: cause, sintomi e trattamento

La placca uditiva nel cavallo, una condizione che colpisce l’interno dell’orecchio di un cavallo. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

cavalli
(Foto AdobeStock)

La placca uditiva nel cavallo è un materiale bianco che si mostra simile ad una placca all’interno dell’orecchio dell’animale.

Talvolta dalla consistenza densa e croccante e molto spesso nella maggior parte dei casi, al di sotto di essa si trova una tenera pelle rosa.

Per fortuna si tratta di una condizione benigna, chiamata anche papilloma auricolare, che non crea alcun fastidio al cavallo, ma si tratta principalmente di un problema estetico.

Tuttavia, pur non creando grossi fastidi, l’animale può sviluppare sensibilità all’orecchio ed inoltre una volta che la placca uditiva nel cavallo si sviluppa, è difficile eliminarla in modo definitivo. Vediamo quali le cause i sintomi e il trattamento.

Cause della placca uditiva nel cavallo

La spiegazione più valida che si è dati per la formazione di queste placche uditive nel cavallo riguarda un virus.

Si pensa infatti che la causa di queste placche sia il papillomavirus che si diffonde con l’aiuto delle mosche.

Sintomi

Per poter individuare la presenza di una placca uditiva nel cavallo è sufficiente osservare il padiglione auricolare. 

orecchie cavalli
(Foto AdobeStock)

Tale padiglione si ha una forma ad imbuto e dentro il quale si può formare la placca.

I segnali che si possono identificare nell’orecchio del cavallo sono:

  • placca bianca, croccante, generalmente in rilievo e ruvida;
  • pelle spessa e rosa sotto le lesioni.
  • scuotimento della testa;
  • difficoltà a mettere una cavezza o una briglia.

Potrebbe interessarti anche: Il cavallo è arrabbiato: cosa fa, come capirlo e tutti i rimedi per calmarlo

Diagnosi e trattamento della placca uditiva nel cavallo

Diagnosticare questa condizione nel cavallo è molto semplice, anche i meno esperti ci possono riuscire, poiché basterà osservare l’orecchio del cavallo e ritrovarci al suo interno, come precedentemente descritto, una placca biancastra croccante.

Perciò, poiché i segnali sono piuttosto evidenti un proprietario attento e il veterinario possono ben presto accorgersi della condizione.

Tale condizione, pur non creando grossi problemi al cavallo, diventa però maggiormente fastidiosa nel periodo estivo, quando la prevalenza di piccole mosche nere che mordono l’orecchio del cavallo, tendono ad aggravare ulteriormente la condizione.

È possibile intervenire con alcuni trattamenti, rimuovendo la placca e trattando la pelle rosa sottostante con un unguento lenitivo e curativo.

Lo scopo del trattamento è quello di ridurre le dimensioni dell’area interessata e diminuire il dolore.

Non si tratta, però di una cura definitiva che purtroppo non esiste.

C’è da dire però che essendo un problema puramente estetico, non infastidisce il cavallo e nella maggior parte dei casi, non è necessario avviare alcuna terapia.

Tuttavia, se il cavallo ha sviluppato sensibilità all’orecchio a causa di queste placche, è necessario intervenire con il trattamento e prima che si possa riformare la placca, fornire al cavallo un paio di copriorecchie da indossare all’esterno.

Questi accessori proteggono l’orecchio del cavallo dalla puntura delle mosche nere, che aumentano la produzione di placca e peggiorano il dolore.

I paraorecchi sono accessori utili anche a prevenire la condizione delle placche, poiché impediscono alle mosche di mordere l’orecchio all’animale.

Ricordatevi che i papillomavirus possono non andarsene mai veramente, una volta che un cavallo sviluppa la placca uditiva, tende a tornare alla fine, perciò la soluzione è proprio quella di evitare la formazione con la prevenzione.