Home Cronaca Asia Argento e Chiambretti: ambigui sul tema della zooerastia

Asia Argento e Chiambretti: ambigui sul tema della zooerastia

CONDIVIDI

Lo 12 maggio è andata in onda su canale 5 la puntata di Matrix Chiambretti condotta da Piero Chiambretti con ospite Asia Argento, la figlia del noto regista Dario Argento. Durante l’intervento, sottolinea Lorenzo Croce, presidente Aidaa “è stato trasmesso un video tratto da un film di qualche anno fà il cui la Argento dopo un ballo erotico, si bacia di fatto con un cane rotweiller”.

Dopo la visione del video, i commenti successivi di Chiambretti e la Argento sarebbero stati ambigui sul tema della zoorestia, ovvero rapporti intimi e sessuali con gli animali. Tuttavia, specifica Croce, non vi è stata “alcuna esplicita denuncia del fenomeno del sesso con animali”.

E’ seguita un’ampia polemica tra Croce, Chiambretti e la Argento sui social ma in nessuno caso è emersa anche dopo il programma una condanna.

Ecco perché, il presidente Aidaa ha tenuto a ricordare, in una nota, che “in Italia il sesso con animali non è un reato in quanto tale ma si configura in alcuni casi come un maltrattamento ai sensi dell’articolo 544 del codice penale, certo far vedere anche se in orari serali video dove non si fa seguire una vera e propria condanna della pratica del sesso con animali è diseducativo”.

Croce ha poi invitato i due personaggi pubblici ad “essere chiari nella condanna del sesso con animali e di essere meno ambigui, specialmente alla signora Asia Argento che parla di tabù con i cani ma non si capisce a cosa si riferisce, dica chiaramente che il sesso con animali è una pratica orribile e magari faccia da testimonial nella nostra campagna contro la zoorestia”.

La zooerastia è un fenomeno preoccupante e secondo i dati diffusi nel mese di marzo del 2017 sarebbe in aumento Anche se non è vietato in molti paesi, spesso la detenzione e la diffusione di materiale pornografico è invece proibito. Tra gli aspetti più sconcertanti, in questo settore, come ricordato bene dallo stesso presidente Aidaa è che spesso non viene controllato ed è facile trovare in rete filmati con scene agghiaccianti di sesso con animali e bambini.

Una forma di depravazione che va sicuramente condannata per cui non è lecito far finta di nulla oppure ometterlo.