Home Cani Come insegnare al cane a venire da te: metodo e consigli

Come insegnare al cane a venire da te: metodo e consigli

Come insegnare al cane a venire da te? Si tratta di un metodo basato sulla fiducia e sulla personalità. Vediamo di cosa si tratta nello specifico e quali errori evitare.

Come insegnare al cane a venire da te
(Foto Unsplash)

Uscire di casa con il proprio amico a quattro zampe, per il passeggio o per farlo correre libero in un parco, significa divertirsi e stare bene insieme ma comporta anche tante responsabilità tra le persone e in presenza di altri animali. É importante, quindi, che fido ascolti e obbedisca sempre il suo padrone, soprattutto quando lo si richiama. Vediamo, allora, come insegnare al cane a venire da te.

Come insegnare al cane a venire da te: l’approccio giusto

Capita a tanti padroncini di chiamare il loro fido per averlo vicino e il tutto avviene con poca facilità. L’amico peloso può essere difficile da gestire fuori casa, in particolar modo negli spazi grandi con molte persone intorno. Leggiamo, qui, cosa occorre conoscere per far venire il cagnolino da noi, quando è necessario.

Insegnare a bau a venire da te
(Foto Unsplash)

Ogni volta che il cane esce dal suo ambiente domestico viene esposto a tante distrazioni di vario tipo. Fido è sempre curioso di conoscere ed annusare chiunque capiti sul suo cammino e scoprire il contatto con i suoi simili.

Il peloso domestico è sotto una continua attrazione verso il mondo che lo circonda, che si amplifica quando si allontana dalla casa.

Nonostante sia importante per il caro bau sentirsi libero e fare le giuste esperienze, sta al suo padrone riuscire a controllarne l’istinto e alcuni comportamenti.

Per un proprietario alla prima esperienza con un cagnolino non sarà semplice farsi ascoltare ed avere successo immediato con l’animale domestico. Vediamo, quindi, come insegnare al cane a venire da te, qualora fosse necessario.

Se ti capita spesso di non essere obbedito quando richiami il tuo fido, completamente distratto dalla circostanza in cui si trova, devi sapere che esiste un metodo efficace basato su alcuni atteggiamenti da assumere.

Innanzitutto, è essenziale scegliere un segnale per chiamare il peloso, come “qui” o “vieni”. Usare questi comandi soltanto nei momenti positivi, in modo tale che possa associare l’essere richiamato a ricordi felici, come quando gli fai le coccole o se mangia.

L’importanza della pratica

Fare pratica con il proprio cane in casa è fondamentale, per addestrarlo step by step e renderlo pronto ad affrontare la vita fuori senza rischiare danni o pericoli sociali.

Inizia a farlo venire da te chiamandolo da una distanza corta e attirandolo con dei gustosi premi per lui. Per tutte le volte che obbedisce e corre da te, accarezzalo e digli paroline gentili. Mano a mano, distanziati sempre di più e mostrandogli da lontano il suo premio.

Se le prime volte non dovessi avere successo, evita di chiamarlo ancora o di usare il suo nome per un po’ di tempo, altrimenti ne perderà di valore l’addestramento.

Quando si va al parco, è meglio optare per una zona tranquilla e poco frequentata anche da animali. Una volta lì, utilizzando il guinzaglio estensibile, prova a richiamarlo verso di te, premiandolo se lo fa e facendogli complimenti.

Ricorda di non comandargli di sedersi quando fido viene da te, perché può indurlo a credere che otterrà un premio soltanto sedendosi e non se tornerà dal proprio padrone.

Potrebbe interessarti anche: Come insegnare al cane a fare l’inchino: i passaggi da seguire

Fido e il rapporto con il suo umano: fiducia reciproca

É determinante per l’amico a quattro zampe capire che andare incontro al proprio padrone è una cosa positiva e che può sempre sentirsi al sicuro tra le sue braccia. Vediamo come comportarsi ancora con fido per ottenere la sua attenzione e addestrarlo a vivere bene in mezzo agli altri.

Addestrare il cagnolino a venire da te
(Foto Pixabay)

Far comprendere al caro fido che può affidarsi completamente al padrone è un compito che dobbiamo realizzare con l’obiettivo di ottenere la sua fiducia, oltre che il suo amore.

Quando avrà fatto un po’ di pratica in casa e anche all’esterno, continua a liberarlo in un parco o dovunque preferisca esprimersi e giocare, e approfittare di quei momenti per richiamarlo a te ricordando gli step precedenti.

Nel caso in cui bau non dovesse tornare subito da te, prova a rincorrerlo e prenderlo, per poi lasciarlo libero ancora e ritentare più volte.

Come insegnare al cane a venire da te: strategia e crescita

É bene sapere che più ci sono distrazioni e ostacoli, più è complesso ottenere l’attenzione del peloso. Allo stesso tempo, per insegnargli a venire da te è ottimo fare in modo che venga distratto il più possibile.

La presenza di altre persone e quella dei suoi simili non deve obbligarti a rinunciare, anzi. Si tratta delle situazioni in cui può verificarsi la necessità che fido torni da te al guinzaglio per allontanarsi.

Se il cane risponderà bene al tuo comando, dopo vari episodi, si può pensare a rinunciare alla strategia dei premi dolci e all’uso del guinzaglio in pubblico. Ricordiamo che si deve imparare quando dare dei premi al cane e quando può far male alla sua salute.

Molta pratica e pazienza, insieme all’amore per lui, sono alla base di un buon addestramento e una corretta crescita per il peloso domestico.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.