Home Curiosita Mangiapillole per il gatto: cosa sono, quando e come usarle

Mangiapillole per il gatto: cosa sono, quando e come usarle

I mangiapillole per il gatto una buona alternativa per poter somministrare senza stress i farmaci al micio e a tutti gli animali. Vediamo cosa sono e come si usano.

gatto e mangiapillola
(Foto AdobeStock)

Sappiamo bene quanto difficile possa essere la somministrazione di farmaci ai nostri animali domestici.

In particolare per il gatto che si mostra sempre alquanto diffidente, è necessario trovare una soluzione che possa raggirarlo senza che si possa rendere conto della “presa in giro”.

Ecco perché dell’importanza dei mangiapillole per il gatto. I mangiapillole per il gatto è un’ottima soluzione per risolvere il problema della somministrazione dei farmaci agli animali.

Il gioco è presto fatto, basterà inserire la pillola all’interno di una porzione adeguata di prodotto e modellarla a forma di pallina.

Nascondendo in questo modo anche i sapori e gli odori più sgraditi. Dopodiché l’elevata appetibilità dell’articolo farà il resto.

Cosa sono i mangiapillole per animali

nascondi pillole
(Foto AdobeStock)

I mangiapillole per il gatto è un mangime complementare composto da: derivati di origine vegetale, oli e grassi, glicerolo, lieviti, pesce e derivati del pesce, proteine animali idrolizzate (origine avicola), prodotti del lievito, minerali additivi tecnologici.

Questo prodotto permette di rendere pratica la somministrazione di farmaci al gatto mascherando gli aromi delle compresse.

La consistenza particolarmente morbida ed adesiva, è in grado di essere unito saldamente a qualsiasi tipo di capsula o pillola.

In questo modo per il gatto, durante la masticazione e deglutizione, è fisicamente impossibile separare il medicinale dal mangiapillole.

La formulazione modellabile, permette inoltre di poter lavorare la parte e razionare a seconda della necessità di prodotto utile a rivestire ogni singola e diversa pillola.

Questo permette di evitare sprechi e non lasciare fastidiosi residui o odori sulle mani del proprietario durante l’utilizzo.

Potrebbe interessarti anche: I farmaci, i cibi e le sostanze umane più velenose e pericolose per un gatto

Quando usare i mangiapillole per il gatto

gatto prende pillole
(Foto AdobeStock)

I mangiapillole per il gatto è un prodotto da considerare al pari di un medicinale, per quanto esso sia utile per la somministrazione dei farmaci al gatto.

Tutti coloro che vivono con un gatto, sanno benissimo quanto diffidente questo animale possa essere. La fiducia che si conquista in mesi di conoscenza, con questo animale si perde in pochi attimi.

La cosa si complica quando poi il micio si ammala, la sua diffidenza prende il sopravvento sull’affetto. Le cure diventano sempre più complicate e la somministrazione dei farmaci diventa praticamente impossibile.

In merito a questo diventa fondamentale trovare una soluzione che possa essere pratica per il padrone e adeguata alle esigenze del gatto.

Diventa quindi un’alternativa molta valida utilizzare i mangiapillole per il gatto.

Una risoluzione davvero efficace, contro i capricci e i timori dell’animale, a cui difficilmente si potrà poi rinunciare.

Per quanto riguarda la fiducia del gatto, gli esperti consigliano di rispettare gli spazi dell’animale e lasciarlo molto libero di fare ciò che vuole nei limite del possibile.

Cercando di tenere sempre a mente la tecnica del rinforzo positivo, che consiste nel dare una ricompensa al gatto quando ha fatto qualcosa di buono. In questo modo riuscirai a conquistare un gatto diffidente.

Modi d’uso dei mangiapillole per il gatto

Per poter somministrare il medicinale attraverso l’utilizzo dei mangiapillole per gatti, occorre inserire la compressa all’interno della porzione.

Modellare il prodotto con le mani creando una pallina non eccessivamente grande.

Naturalmente occorre adattare la quantità di prodotto in relazione alla dimensione della compressa, al numero di compresse da somministrare ed alla razza del cane.

Grazie alla consistenza per prodotto ed al forte e consistente richiamo accattivante della formulazione, l’animale gradisce molto l’alimento.

La compressa viene ingerita, durante la masticazione, senza alcun problema. Lasciare sempre acqua fresca a disposizione del gatto, per ogni eventualità e completare con l’alimento abituale nella razione giornaliera consueta.

Alternative al mangiapillole per il gatto

Ci sono casi in cui il gatto risulta meno diffidente, più collaborativo e ci permette di utilizzare tecniche alternative. Conquistarlo con il cibo è certamente la soluzione più semplice e meno stressante per tutti. Di seguito alcuni suggerimenti di alimenti dove poter introdurre il farmaco per camuffare il suo odore e sapore:

  • alimenti particolarmente appetibili è molto profumati (macinato di carnetonnopelle del pollo arrosto o ancora cibo umido per gattini);
  •  grasso del prosciutto e avvolgerlo attorno alla compressa ricoprendola completamente;
  • ungere la compressa polverizzata con del burro inserendo quindi il composto in un cibo appetitoso;
  • diluire la compressa polverizzata in pochissima acqua ed aspirarla con una siringa senza ago per somministrarla direttamente nella bocca;
  • spalmare il farmaco sulla zampa o in prossimità della bocca.

Eventualmente è sempre meglio rivolgersi al veterinario che nel caso potrà prescrivere una soluzione diversa dalle compresse che sono sgradevoli e difficili per il gatto.

Raffaella Lauretta