Home Gatti Salute dei Gatti I farmaci, i cibi e le sostanze umane più velenose e pericolose...

I farmaci, i cibi e le sostanze umane più velenose e pericolose per un gatto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:03
CONDIVIDI

Il gatto è per sua natura un animale molto curioso, e esplorando la casa, potrebbe imbattersi in sostanze pericolose, cibi umani e farmaci velenosi per lui.

piante sostanze pericolose gatto
In casa ci sono molte piante, farmaci e altre sostanze pericolose per il gatto. (Foto Pixabay)

I gatti sono animali molto curiosi, e durante le loro esplorazioni possono ficcare il naso un po’ in tutti i luoghi della nostra casa, spesso senza nemmeno che lo veniamo a sapere. Ma ci sono molte sostanze nelle nostre case che sono potenzialmente pericolose per il gatto. Per questo, è meglio conoscerle in modo da tenerle in luoghi chiusi e totalmente lontane dalla portata dei nostri pelosetti, così da evitare potenziali avvelenamenti o problemi alla loro salute.

Potrebbe interessarti anche: Le piante non velenose per i gatti: quale possiamo tenere in casa

Farmaci umani pericolosi per il micio

cura gatto medicine
Alcuni farmaci umani sono molto pericolosi per il gatto (Foto iStock)

Alcuni comuni medicinali usati da noi umani, sia da banco che soggetti a prescrizione, possono essere un grande pericolo per il nostro gatto.

Questi farmaci infatti vanno tenuti in un posto a cui il micio non può accedere, così da evitare ogni problema.

I più comuni sono:

  • Medicine contro il raffreddore
  • Antidolorifici (paracetamolo, aspirina, ibuprofene)
  • Antidepressivi
  • Farmaci contro il cancro
  • Vitamine e altri integratori
  • Pillole dietetiche

Inoltre, i farmaci per esseri umani non funzionano allo stesso modo per i nostri gatti. Non dobbiamo mai dare medicinali non prescritti da un veterinario al nostro pelosetto.

Il veterinario può consigliare i farmaci adatti al nostro gatto, in modo da evitare eventuali problemi. Un medicinale errato o in quantità eccessiva può anche essere letale.

Cibo e bevande umani dannosi per il micio

Cibo adatto ai cuccioli
Attenzione a cosa lasciamo in tavola: potrebbe essere pericoloso. (Foto Unsplash)

I nostri gatti, potrebbero implorarci di ricevere un po’ di cibo mentre mangiamo, o cercare di rubare un pezzetto del nostro pranzo quando siamo distratti.

Ma non dobbiamo essere così superficiali, perché alcuni alimenti e bevande che sono comunemente sulle nostre tavole, sono potenzialmente velenosi per un gatto.

Tra questi, i più pericolosi sono:

  • Cipolle;
  • Aglio;
  • Erba cipollina;
  • Uva;
  • Uva passa;
  • Cioccolato;
  • Pasta lievitata (per pane, pizza, ecc);
  • Xilitolo (solitamente si trova in caramelle e gomme senza zucchero, o nel dentifricio);
  • Bevande alcoliche;
  • Bevande a base di caffeina (caffè, tè, molte bevande gassate come la soda).

Quando parliamo di alcuni alimenti, come si evince da questa lista, dobbiamo fare attenzione. Alcuni cibi sono letali per il gatto.

Piante pericolose per il micio

Piante velenose per il gatto (Foto Adobe Stock)
Alcune comuni piante sono velenose per il gatto (Foto AdobeStock)

Alcune piante d’appartamento, nonché alcune da giardino o che possiamo mettere in balcone, possono essere meravigliose per noi umani, ma dannose per il gatto.

Bisogna fare attenzione alle piante che portiamo in casa se abbiamo un micio, perché possono essere potenzialmente letali per questi animali. Tra queste ci sono:

  • Tulipano;
  • Aloe;
  • Azalea;
  • Crisantemo;
  • Giglio;
  • Stella di Natale;
  • Vischio;
  • Giacinti;
  • Rododendro;
  • Marijuana.

Prodotti chimici e detergenti velenosi

Cose velenose per il gatto
Il gatto è una creatura curiosa per natura: teniamolo al sicuro (Foto Pexels)

Nonostante per noi umani siano solitamente poco interessanti dal punto di vista alimentare, alcuni prodotti chimici hanno un sapore appetitoso per un gatto.

Per questo, dovremmo fare attenzione ad alcuni detergenti e prodotti che vengono solitamente utilizzati in casa, perché possono avvelenare il micio.

In particolare, i prodotti più pericolosi per un gatto sono:

  • Candeggina;
  • Farmaci per cani, contro pulci e zecche (che si tratti di shampoo, prodotti spray, collari, pillole, ecc);
  • Esche per insetti;
  • Esche per roditori;
  • Erbicidi;
  • Fertilizzanti;
  • Detergenti;
  • Antigelo (in ogni forma, anche quello che si sparge in terra. I gatti potrebbero leccarlo o camminarci dentro).

Altri rischi domestici per un micio

L'importanza del gioco per il gatto
Un giocattolo troppo piccolo potrebbe venir ingoiato dal micio. (Foto AdobeStock)

Ci sono altre cose che dovremmo tenere d’occhio quando abbiamo un gatto. In casa ci sono tanti potenziali pericolo cui fare attenzione.

Alcuni comuni oggetti domestici possono soffocare o strangolare il nostro gatto, se ci si arrotola dentro, ad esempio.

Altri possono venire mangiati dal gatto, che può soffocare o soffrire di blocchi intestinali se li ingoia. I più comuni sono:

  • Giocattoli con piccole parti, o facilmente smontabili;
  • Decorazioni natalizie (luci, oggetti che si appendono, ecc);
  • Ogni tipo di filo o spago, compreso il filo interdentale;
  • Ossa di pollo (spesso presenti nei rifiuti).

Potrebbe interessarti anche: I sintomi di avvelenamento nel gatto: come comportarsi

Cosa fare se il gatto è stato avvelenato?

gattino dal veterinario
Una volta che il micio si sarà ripreso, portiamolo dal veterinario. (Foto AdobeStock)

Se il nostro gatto ingoia una sostanza potenzialmente velenosa, dobbiamo intervenire tempestivamente: ogni momento è importante per salvare la sua vita.

Prima di tutto chiamiamo il nostro veterinario o il pronto soccorso veterinario, che ci sapranno consigliare sul da farsi immediatamente.

Raccogliamo poi i campioni di feci, vomito e sostanza mangiata dal micio. Possono essere utili per il veterinario, e per curare il gatto.

I sintomi di un gatto avvelenato sono vari, alcuni dei quali possono mostrarsi gradualmente. I segnali che dobbiamo tenere d’occhio sono i seguenti:

  • Tosse;
  • Diarrea;
  • Vomito;
  • Debolezza;
  • Salivazione eccessiva;
  • Convulsioni;
  • Confusione;
  • Mal di stomaco;
  • Brividi;
  • Bere più del solito, ed urinare più del solito;
  • Pupille dilatate;
  • Problemi respiratori;
  • Depressione;
  • Tremore;
  • Irritazione della pelle.

Sarà importante, una volta che il gatto si è ripreso, contattare il centro antiveleni o il veterinario, per avvisare di cosa è successo. Questo eviterà problemi in futuro ad altri gatti.

F. B.