Home Curiosita Il gatto rovina il parquet: consigli efficaci su come comportarsi

Il gatto rovina il parquet: consigli efficaci su come comportarsi

Il gatto rovina il parquet, preso dall’impulso irrefrenabile di graffiarlo e fare danni di ogni tipo. Vediamo quali sono i rimedi possibili al comportamento felino insieme a qualche consiglio utile su come fare prevenzione con il nostro peloso domestico.

Il gatto rovina il parquet
(Foto Pixabay)

Spesso è complicato controllare il proprio peloso domestico. Un giorno lo troviamo a far danni saltando da un mobile all’altro, un altro giorno lo becchiamo mentre graffia i divani del salotto. Ecco, i graffi di micio sono un bel problema nella convivenza con questo animale che, ogni tanto, ci può far perdere la calma. Se il suo padrone ha il parquet in casa, la pazienza necessaria per affrontare il suo atteggiamento è ancora maggiore. Oggi, vediamo di capire perché graffia così tanto. Quali sono i motivi per cui il gatto rovina il parquet e come si può risolvere questa fastidiosa situazione.

Micio graffia i pavimenti: i motivi per cui lo fa

Ogni padrone di un micio sa bene quanto l’animale ami graffiare i pavimenti. Si tratta di una vera e propria attrazione che lui prova verso le superfici, ancora di più se queste sono in legno! Non è facile avere un salotto in ordine e perfetto con un felino nei paraggi. Leggiamo di più su questo curioso comportamento felino.

Il comportamento del gatto
(Foto Pexels)

Vi sarete chiesti perché il gatto ama tanto graffiare pavimenti e oggetti, in generale. Dobbiamo sapere che questo bisogno ha a che fare con la sua natura, una pratica automatica dettata dalla sua indole: graffiare mobili, tessuti, oggetti e pavimenti è per il felino una necessità, in quanto lui lo fa per un motivo ben preciso e del tutto privo di cattive intenzioni nei confronti del padrone e delle sue cose. Micio graffia per affilarsi le unghie e lo fa su qualsiasi cosa risulti adatta a questo scopo.

Non parliamo, quindi, di un dispetto nei nostri confronti o di un atteggiamento nato per noia, ma di un semplice istinto che il gatto deve seguire e soddisfare per se stesso. Ci rendiamo conto che per noi umani è difficile da comprendere e “sopportare”, in quanto siamo dotati di ragione e controllo, ma nel momento in cui decidiamo di vivere con un felino come animale domestico, dobbiamo imparare a rispettare le sue esigenze e, quindi, la sua natura, in tutte le sue manifestazioni, anche se possono sembrarci assurde.

Quando vediamo il nostro peloso graffiare qualcosa, anche i pavimenti, cerchiamo di resistere nel riprenderlo o punirlo. Si tratta di un impulso che non può controllare e che ha bisogno di praticare. Vedremo, più avanti, quali sono le soluzioni possibili per rimediare. Il felino, poi, tende ad avere una sua routine precisa in questo comportamento e si sfoga, di solito, su quelle superfici pratiche all’atto. É anche un metodo di sfogo per ridurre lo stress nel gatto o è un modo con cui il micio marca il territorio in casa.

L’attrazione maggiore per il peloso è proprio la superficie del pavimento, il legno soprattutto. La necessità felina di mantenere sani i suoi artigli lo spinge ad accanirsi anche sul parquet. Il gatto rovina il parquet proprio perché soddisfa a pieno questa sua attività. Avere un micio e il parquet nella stessa casa può essere, dunque, problematico. Più che preoccuparsi per le unghie dell’animale, infatti, un problema serio nasce quando il gatto fa la pipì ovunque, su una superficie che si danneggia a contatto con quel tipo di liquidi e da cui è difficile eliminarne l’odore.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto graffia le coperte: perché lo fa e come impedirglielo

Il gatto rovina il parquet: consigli su cosa fare

Cosa possiamo fare per evitare danni importanti del nostro parquet con il micio in casa? Ecco quali sono i migliori consigli su come comportarsi in questo caso, senza far soffrire troppo il nostro amico domestico.

L'atteggiamento del felino
(Foto Pixabay)

Se abbiamo intenzione di continuare a convivere con il nostro amico a quattro zampe e, allo stesso tempo, non vogliamo rinunciare alla bellezza del parquet in casa, possiamo seguire dei consigli pratici per rendere serena la nostra vita con entrambi. Quando il nostro peloso è particolarmente tentato e vuole fiondarsi sul parquet lucido e in buone condizioni, bisognerebbe assicurarsi di aver scelto un parquet molto resistente e a prova di usura che sopporti bene anche l’acqua, come parquet in bamboo o quello in jatoba. In ogni caso, si può intervenire sulla superficie con oli naturali e cera, per proteggere il legno.

Ovviamente, per fare in modo che la perfetta condizione del parquet duri nel tempo, è molto importante riuscire ad educare il proprio gatto, insegnandogli che non deve mai graffiare o danneggiare le cose presenti in casa. Per quanto riguarda i suoi bisogni, l’utilizzo preciso della lettiera è fondamentale, con un tappetino in aiuto per evitare spargimento di sabbia ovunque durante il suo utilizzo. Una soluzione semplice è data anche dal classico e diffuso tiragraffi. Insegnare al gatto a usare il tiragraffi può liberarci da questa preoccupazione quotidiana e abituare il peloso a rispettare ciò che è nostro.

Si consiglia di averne più di uno in diversi ambienti domestici, proprio per andare incontro ai bisogni del felino donandogli un accessorio personale, di piccola o grande dimensione, su cui potersi sfogare liberamente e senza sensi di colpa, affilando le sue unghie quando e come vuole. Una soluzione simile è la tavola di cartone molto spessa, così come ricoprire il parquet con tappeti doppi o con altri mobili di arredamento. In caso di qualche graffio leggero, si può intervenire facendolo limare, e restituendogli tutto il suo fascino.

Ilaria G