Home Curiosita Miti sulla quarantena per gli animali domestici in viaggio: sfatiamoli

Miti sulla quarantena per gli animali domestici in viaggio: sfatiamoli

Per chi pianifica dei viaggi internazionali con i loro amici pelosi, c’è bisogno di sapere come funziona la quarantena per gli animali domestici.

quarantena per gli animali domestici in viaggio
La quarantena per gli animali domestici in viaggio: come affrontarla? (Foto Flickr)

Se stiamo pianificando un viaggio di lavoro fuori dallo stato, un viaggio internazionale magari per le vacanze, è importante sapere come funziona la quarantena per gli animali domestici quando siamo fuori dall’Italia. Come funziona? Si tratta di una situazione obbligatoria? Può essere veramente terribile per i nostri amici pelosi? Sarebbe possibile evitarla, o comunque gestirla nel modo più sicuro possibile? In giro si possono avere opinioni contrastanti a riguardo, e magari le notizie che ci arrivano non sono reali o sono esagerate. Vediamo di capire meglio come va affrontata davvero la quarantena per gli animali domestici fuori dallo stato.

La quarantena per gli animali domestici

quarantena animali domestici
Il cane viaggiatore (Foto Pixabay)

Ogni paese richiede la quarantena all’arrivo?

Molti proprietari di animali domestici che effettuano ricerche sui viaggi internazionali con i loro pelosetti presumono che ogni paese richieda la quarantena per gli animali domestici all’arrivo, ma la verità è che solo una manciata di paesi lo richiede davvero. Solitamente sono i paesi totalmente liberi da una determinata malattia.

Trasferirsi in paesi rigorosamente liberi dalla rabbia come Australia, Nuova Zelanda e Singapore significa dover effettuare una quarantena di pochi giorni, ma per la maggior parte dei luoghi in Nord America, Sud America, Unione Europea, e gran parte del resto dell’Europa e dell’Asia, non esiste alcuna quarantena. Cerchiamo di informarci sul paese di destinazione o verifichiamo con le autorità competenti per scoprire se esiste una quarantena. A volte, addirittura, i requisiti della quarantena dipendono dal paese di origine.

I servizi in quarantena sono simili a una prigione

Non è vero. Le strutture di quarantena sono strutture organizzate dal governo e gestite da professionisti qualificati e, sebbene non siano eleganti come un grazioso hotel per animali domestici, sono semplici, sicure e sufficienti: probabilmente ci ricorderanno solo una struttura di imbarco standard, con aree per cani, aree separate per gatti e un spazio esterno in cortile per consentire di avere aria fresca e fare un po’ di esercizio fisico

Dopo il periodo di quarantena, gli animali cambiano sempre

quarantena viaggio cane
La quarantena durante un trasferimento all’estero può essere vissuta al meglio (iStock Photo)

Dalle esperienze che hanno avuto la maggior parte delle persone, gli animali domestici stanno bene durante e dopo aver adempiuto alla loro quarantena. Di volta in volta attraverso gli aggiornamenti post-spostamento, i proprietari degli animali domestici trovano certamente difficile il dover stare separati dai loro pelosetti, ma questi ultimi sono rimasti in salute, e alla fine la vita è stata in grado di tornare alla normalità molto rapidamente dopo il loro rilascio.

Pagando supplementi si può evitare la quarantena

Non importa quanto si è ricchi o famosi, è altamente improbabile che si possa evitare una delle fondamentali regole ufficiali sull’importazione di animali domestici di un paese. Se pianifichiamo tutto correttamente, il nostro animale domestico dovrà solo affrontare la quarantena minima (che è spesso solo di 7-10 giorni), ma non dobbiamo pensare minimamente alla possibilità di evitarla del tutto.

Gli animali non hanno cibo e medicine durante la quarantena

Ogni stazione ha le sue regole, ma la salute e la sicurezza degli animali domestici sono la priorità per ognuna di esse. Ad esempio, la stazione di quarantena per animali di Kuala Lumpur (Malesia) consente visite ogni giorno, quindi i padroni possono somministrare i farmaci necessari ai loro amici pelosi durante queste visite (questa struttura ospita anche richieste speciali di cibo).

Le stazioni di quarantena australiane non consentono attualmente visite, ma il personale gestirà i farmaci a condizione che vengano fornite istruzioni dettagliate e i padroni hanno anche l’opportunità di fare una richiesta dietetica speciale quando si richiede il permesso di importazione. Nel complesso, al momento della prenotazione, è meglio chiedere tutte le regole della struttura con largo anticipo, in modo da potersi preparare adeguatamente.

Consigli finali

Curare l'ansia del gatto
Anche dopo un viaggio, il nostro amico peloso deve essere curato al meglio. (Foto Unsplash)
  • Richiediamo in anticipo i requisiti tramite le autorità competenti per il paese in cui ci stiamo trasferendo, per scoprire se è necessaria la quarantena; se lo è, scopriamo il più possibile sulla struttura e le sue procedure al fine di semplificare il processo ed evitare problemi.
  • Iniziamo questa ricerca all’inizio del processo, poiché molte strutture hanno un numero elevato di animali domestici che transitano, e hanno liste di attesa durante i periodi più impegnativi dell’anno.
  • Le regole di quarantena possono cambiare in qualsiasi momento (proprio come i requisiti generali per l’importazione di animali domestici), quindi assicuriamoci di avere sempre le informazioni più aggiornate.
  • Leggiamo le esperienze degli altri padroni, cercando online blog di espatriati e diamo un’occhiata alle loro esperienze per approfondimenti dettagliati.

Infine, soprattutto quando lo spostamento di un animale domestico comporta la quarantena, è consigliabile assumere un aiuto esperto per guidarci. Con l’esperienza che ci guida nel processo di quarantena per gli animali domestici, gli specialisti dei viaggi per i nostri amici a quattro zampe possono facilitare una quarantena meno stressante e il trasferimento in generale per gli animali domestici e i loro padroni.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello