Home Gatti Alimentazione Gatti Il gatto può mangiare il fegato? Benefici e rischi per micio

Il gatto può mangiare il fegato? Benefici e rischi per micio

Il fegato è un alimento nutriente e come per tutti i cibi ci chiediamo se possiamo darlo a micio. Scopriamo se il gatto può mangiare il fegato.

il gatto può mangiare il fegato
(Foto Pinterest)

L’alimentazione è importante, per noi così come lo è per il nostro adorato felino. Ma sappiamo bene che non tutto quello che mangiamo noi possiamo darlo anche al gatto, o almeno non nelle stesse quantità che siamo soliti ingerire noi.

E ad ogni pasto, quando lo vediamo avvicinarsi alla ricerca di un pò del nostro cibo, i dubbi ci assalgono: possiamo darglielo? Forse gli farà male, forse no, ma prima di concedere a micio un boccone del nostro pranzo dobbiamo essere certi che può mangiarlo.

Questa regola, fondamentale, vale anche per il fegato: scopriamo questo alimento, se il gatto può mangiarlo e quali possono essere i benefici o i rischi per la sua salute.

Il gatto può mangiare il fegato? Cosa sapere

Ogni alimento ha per noi numerose proprietà benefiche, se seguiamo naturalmente una dieta sana ed equilibrata. E tra questi alimenti rientra il fegato: per alcuni è gustoso, per altri solo una necessità, ma in ogni caso fa bene al nostro organismo.

gatto mangia carne
(Foto Pinterest)

Quando mangiamo il fegato siamo tentati di darne un pò al nostro gatto. Ma sappiamo se il gatto può mangiare il fegato? Se questo alimento gli fa bene oppure no?

Siamo noi i responsabili della salute di micio, e siamo noi, quindi, a dover decidere cosa fargli mangiare, rispettando le sue esigenze alimentari. Fosse per lui, a maggior ragione se goloso, si fionderebbe con il muso in tutti i piatti contenenti le pietanze dei nostri pranzi.

Infatti, micio è attratto dal profumo di un alimento, dalla curiosità, non è consapevole degli effetti che può avere su di lui quando ne mangia un pò o quando ne abusa.

Dunque, anche quando per cena abbiamo cucinato il fegato, prima di dare qualche pezzettino a micio dobbiamo sapere se può mangiarlo.

Il fegato è nutriente, ricco di proteine, di ferro e ad alto contenuto di minerali e vitamine: è considerato uno degli alimenti con più apporti nutrizionali, quasi ineguagliabile.

Quindi scontato che aggiungerlo alla nostra alimentazione è importante. Ed in quella di micio? Ebbene, in piccole dosi e non quotidianamente anche il nostro gatto può mangiare il fegato.

Apporterà a lui gli stessi benefici che apporta al nostro organismo, ma quel “a piccole dosi” deve essere la regola fondamentale da rispettare sempre, per evitare di causare a micio seri problemi. Analizziamo benefici e rischi di questo alimento per micio.

Il fegato nell’alimentazione di micio: benefici

Appurato che micio può mangiare moderatamente il fegato, vediamo quali sono i benefici per il suo organismo.

benefici del fegato per micio
(Foto Pinterest)

Se bisogna guardare il bicchiere sempre mezzo pieno, meglio iniziare parlando dei benefici che il fegato apporta al gatto, facendo una piccola premessa sulla sua precedente vita da predatore.

Sappiamo benissimo che il gatto è un animale carnivoro e quando non ancora addomesticato cacciava prede per potersi nutrire (cosa che avviene tutt’oggi se pensiamo ai gatti randagi), ricavando dalle loro carni tutte le sostanze di cui aveva bisogno.

E mangiando anche il fegato delle sue predi assimilava sostanze nutrienti indispensabili per il suo organismo come:

  • la vitamina A: che aiuta il sistema immunitario, supporta la crescita e il buon funzionamento delle ossa, un valido aiuto anche per i denti, per la vista, per tessuti e cartilagine;
  • la taurina: un amminoacido che è alla base della composizione delle proteine. Quest’ultima, è essenziale per la dieta di micio, in quanto il suo organismo non ne produce abbastanza, ed è necessario integrarla nella sua alimentazione attraverso il giusto apporto di carne, per garantirgli un perfetto sviluppo corporeo.

Il fegato è anche ricco di:

  • ferro: un valido aiuto per il sangue;
  • rame: che facilita l’assorbimento del ferro, garantendo energia;
  • calcio: essenziale per la salute di ossa e denti, ma anche per sostenere diversi processi metabolici;
  • vitamine del gruppo B: riducono lo stress donando la giusta carica di energia.

E’ inoltre fonte di vitamine D, E, K, di minerali, come ad esempio zinco selenio e fosforo, di magnesio. Insomma il fegato è un ottimo alimento per micio, fonte essenziale per l’apporto al suo organismo di numerosi benefici.

Senza tralasciare il fatto che soddisfa il suo fabbisogno proteico, indispensabile per il rinnovo cellulare, per la crescita muscolare, per sostenere il sistema immunitario, ed altro ancora.

Oggi, è compito nostro badare alla sana ed equilibrata dieta di micio, e un pò di fegato tagliato in piccoli pezzettini ogni tanto non può altro che fargli bene.

Potrebbe interessarti anche: Taurina nel gatto: cos’è e perché è fondamentale per il tuo micio

I rischi del fegato per il gatto

Ma, il bicchiere è anche mezzo vuoto, ciò significa che dobbiamo prestare molta attenzione a quanto fegato facciamo mangiare a micio, per una importantissima ragione che vede protagonista la vitamina A.

gatto malato
(Foto Pinterest)

Quando ancora predatore, micio si nutriva di piccole prede, quindi la quantità di fegato che ingeriva era minima (pensiamo alla grandezza del fegato di un topo, ad esempio). Per questa stessa ragione anche la quantità di fegato che gli diamo noi oggi deve essere minima.

Questo perché il fegato contiene la vitamina A che, seppur faccia bene a micio, se assunta in dosi eccessive può diventare tossica per il gatto: causandogli gravi problemi di salute, e in rari casi può portarlo anche alla morte.

Far assumere a micio troppa vitamina A, e quindi fargli mangiare troppo fegato e per molto tempo, causerebbe in lui gravi problemi alla sua struttura scheletrica e alle ossa, problemi molto dolorosi come:

  • lesioni e deformità alle ossa;
  • crescita di speroni alle ossa su colonna vertebrale e gomiti;
  • osteoporosi;
  • rigidità articolari.

Questi sono solo alcuni dei gravi problemi a causa di una intossicazione da vitamina A. Accompagnati da sintomi come:

  • stanchezza;
  • diminuzione dell’appetito;
  • dimagrimento eccessivo;
  • molti altri ancora.

Quindi è nostro compito prestare la massima attenzione quando facciamo mangiare il fegato al nostro gatto. Non dobbiamo escluderlo dalla sua alimentazione per paura, ma stare attenti alle quantità che gli facciamo mangiare: servirglielo nel modo corretto, e cioè in piccole quantità ogni tanto, apporterà a micio solo tanti benefici, evitando così i rischi.

Potrebbe interessarti anche: Malattie del gatto dovute all’alimentazione: quali sono e cosa evitare

Consigli utili

Il fegato in piccole quantità e non spesso fa bene a micio, troppo invece è nocivo per il suo organismo.

consigli alimentazione gatto
(Foto Pinterest)

E siamo noi a dover definire le giuste quantità da fargli mangiare: poco è sinonimo di benefici, troppo consiste nell’intossicare il nostro gatto.

Ma oltre a questa importante “regola”, per evitare che il fegato diventi pericoloso per il nostro gatto dobbiamo prestare la massima attenzione ad un ulteriore fattore: la provenienza del fegato quando andiamo a comprarlo.

Scegliere solo fegato fresco e derivante da animali allevati al pascolo è garanzia di ottima qualità. Infatti questo alimento sarà privo di antibiotici ed ormoni, ideale per la sana alimentazione di micio.

Come far mangiare il fegato al nostro adorato felino? Possiamo preferire pezzettini di fegato sia cotto che crudo, ma purché sia fresco e di orine controllata.

Prestare attenzione a questo significa amare il nostro gatto, ma a volte due occhi non bastano, e se ci accorgiamo che micio ha rovistato in cucina rubando e divorando tutto il fegato che avevamo comprato è necessario portarlo subito dal veterinario.

Rossana Buccella