Home Curiosita Curiosità sullo Scottish Straight Longhair: origini, aneddoti e chicche

Curiosità sullo Scottish Straight Longhair: origini, aneddoti e chicche

Curiosità sullo Scottish Straight Longhair: le nozioni, le imperdibili chicche e la vera storia di questa stupenda razza di gatto.

scottish straight longhair
(Foto AdobeStock)

Ogni razza di gatto nasconde la sua storia nelle origini ma tante notizie si acquisiscono tramite le curiosità che si conoscono sulla razza.

Quando si è decisi ad adottare una razza di gatto in particolare è importante informarsi sullo stile di vita, sul carattere ma mai sottovalutare le origini e le curiosità che girano su di essa.

In questo articolo in particolare andremo a conoscere le imperdibili chicche e le curiosità sullo Scottish Straight Longhair.

Curiosità sullo Scottish Straight Longhair: lo sapevate che…?

Scopri le curiosità sullo Scottish Straight Longhair, andando a fondo nelle sue origini.

Scottish Straight Longhair
(Foto AdobeStock)

Lo Scottish Straight Longhair nasce nel 1961, in una fattoria della Scozia, quando fu trovato un gattino bianco di nome Susie che presentava una caratteristica mutazione spontanea.

Questa mutazione dava origine a delle particolari orecchie piegate in avanti e quando la gatta Susie diede alla luce i suoi cuccioli, alcuni di essi nacquero con la stessa particolarità , ovvero le orecchie ripiegate in avanti.

Solo 5 anni dopo ovvero, nel 1966 i coniugi Rosses proprietari della fattoria iniziarono l’allevamento.

Ci vollero però diversi studi per stabilire che per trasmettere il gene delle orecchie piegate bastava un solo gatto con la mutazione. Da quel momento in poi fu fatto accoppiare con un British o un American Shorthair.

Ecco tutte le singolari curiosità sullo Scottish Straight Longhair:

  • sia lo Scottish Straight che lo Scottish Fold nascono dalla stessa nidiata;
  • non tutti i cuccioli dello stesso parto presentano le caratteristiche orecchie ripiegate, solo quelli senza la mutazione sono Scottish Straight Longhair.
  • solo trascorsi 15/20 giorni, è possibile stabilere se si tratta di Scottish Straight o Scottish Fold;
  • può vivere fino a 15 anni di età;
  • il colore del suo pelo può essere rosso, nero, blu, argento, crema, dorato;
  • esistono due varietà di pelo per lo Scottish Striaght Longhair: il pelo corto o lungo;
  • può essere soggetto ad alcune patologie: cardiomiopatia ipertrofica familiare felina, Osteocondrodisplasia e rene policistico.

Potrebbe interessarti anche: Rene policistico nel gatto: cos è, come si manifesta, quali sono le cure

Nomi per il tuo Scottish Fold Longhair

Esistono delle regole non scritte per attribuire il nome al gatto. Vediamo quali sono.

cucciolo di Scottish Straight Longhair
(Foto AdobeStock)

Molto spesso è il gattino stesso, grazie al suo aspetto o al comportamento, a renderci le cose più semplici, in quanto ti basterà osservarlo per poterti ispirare e dare il nome che più gli si addice.

Gli esperti suggeriscono di non dare al gatto né un nome troppo lungo né troppo corto. Cercare di non confondere l’animale dandogli un nome simile ad un comando.

Lasciare spazio alla fantasia va più che bene ma se proprio nulla vi dovesse ispirare, potrete dare un’occhiata all’elenco di nomi che troverete di seguito lo Scottish Stright Longhair.

Scottish Straight Longhair maschio:

  • Ercole;
  • Erik;
  • Felix;
  • Fuffy;
  • Frodo;
  • Giove
  • Jack;
  • Lucky;
  • Miao;
  • Micio;
  • Milo;
  • Oliver;
  • Pongo;
  • Prince;
  • Pablo;
  • Pulce;
  • Puma.

Scottish Straight Longhair femmina:

  • Batuffolina;
  • Bea;
  • Beatrix;
  • Becky;
  • Brenda;
  • Bubi;
  • Chantilly;
  • Charity;
  • Curly
  • Evita;
  • Fairy;
  • Faith;
  • Ermione
  • Iside;
  • Lilla
  • Lilla;
  • Lola;
  • Luna;
  • Magda;
  • Micia;
  • Morgana;
  • Ysolde;
  • Yoyo.

A voi la scelta!

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea