Home Gatti Educare un gattino che morde: come capire e correggere questo comportamento in...

Educare un gattino che morde: come capire e correggere questo comportamento in 5 mosse

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19
CONDIVIDI

Il piccolo micio ha preso la brutta abitudine di mordere ogni cosa? Come educare un gattino che morde e capire perché lo fa.

Educare un gattino che morde
Educare un gattino che morde: come farlo in 5 mosse (Foto AdobeStock)

Tenero e dolce, ma i suoi morsi possono essere fastidiosi e fare anche male. Per non parlare di mobili, divani e tutto ciò che capita sotto i suoi denti e le sue unghie. Insomma il gattino che morde può diventare un vero problema se non si trova una soluzione. Ma prima sarebbe il caso di capire cosa lo spinge a farlo: magari non si tratta solo di un istinto aggressivo. Ecco tutto quello che c’è da sapere su come educare un gattino che morde e tutte le mosse da fare e da evitare.

Potrebbe interessarti ancheGattino orfano: come prendersi cura di un micio rimasto senza mamma

Il gattino morde: perché lo fa

Cucciolo di gatto in un prato
Cucciolo in un prato (Foto Pixabay)

Il fatto che il gattino sia come un bimbo in esplorazione non esula dalla necessità di educarlo a non farlo (leggi qui: Come possiamo educare il nostro gattino? Consigli utili). Infatti le cause per cui un micio appena nato prenda facilmente l’abitudine si mordere e graffiare ogni cosa gli capiti a portata di zampa e bocca, sono sostanzialmente tre: conoscere, avere il controllo e disturbo comportamentale.

  • Sete di conoscenza: i gatti appena nati utilizzano tutti gli ‘strumenti’ a loro disposizione per scoprire il mondo che li circonda, e spesso utilizzano il senso del gusto. Quindi in realtà non vogliono fare male a qualcuno o rovinare qualche oggetto o pezzo di arredamento: ne stanno solo ‘sperimentando’ la consistenza.
  • Mania del controllo: fin da piccolo, il micio ama avere il pieno controllo e la padronanza della situazione. Non è un caso se scelgono sempre le superfici alte, per tenere appunto sott’occhio tutto ciò che succede (Leggi qui: Il gatto ama dormire in posti alti della casa: i motivi). E anche il fatto di afferrare ogni cosa con i dentini è un modo per controllarla.
  • Disturbo comportamentale: se i consigli e i tentativi di educarlo vanno sempre a vuoto, allora è il caso di contattare uno specialista del comportamento felino poiché potrebbe trattarsi di un disturbo che si è manifestato precocemente (Leggi qui: Le cause di aggressività nel gatto: fisiche e psicologiche).

Educare un gattino che morde: le 5 mosse giuste

Educare un gattino che morde
Educare un gattino che morde: consigli ed errori (Foto AdobeStock)

Vogliamo che il nostro gattino perda immediatamente la brutta abitudine di mordere qualsiasi cosa, comprese le nostre mani e caviglie? Allora possiamo seguire questi 5 fondamentali consigli.

  1. Dargli un’alternativa: se vediamo che il gattino si ‘appassiona’ a mani, piedi e mobilio in casa, allora procuriamogli sempre un diversivo, un giocattolo che sia solo suo. Insomma spostiamo la sua attenzione e la sua energia su un oggetto che abbiamo comprato per lui e che abbia anche dei benefici, come ad esempio un tira-graffi, un pupazzo in gomma o qualsiasi altra cosa possa mordere senza fare danni.
  2. Dedicargli tempo ed attenzione: spesso capita di avere vite molto impegnative e, per quanto si possa pensare il contrario, il gatto è un animale che ha constante bisogno di attenzioni, le nostre (Leggi qui: Giocattoli per il gatto: come scegliere e organizzare i suoi passatempi ideali). Infatti il suo mordere potrebbe anche essere frutto di una richiesta di attenzioni, un modo per ‘punirci’ per la nostra assenza.
  3. Interrompere il gioco: se vediamo che il gattino insiste a usare morsi e graffi, allora facciamo in modo di non giocare più. Se vedrà allontanarci il micio capirà che a noi non piace giocare in questo modo; e pur di farci ritornare a giocare sarà probabilmente spronato a comportarsi bene.
  4. Usare la voce: basteranno delle piccole esclamazioni di dolore per far capire al gattino di smetterla. Meglio usare sempre un tono di voce pacato e non allarmante: basta essere fermi e decisi, senza fare scenate!
  5. Crea un ambiente sereno: una stanza rumorosa o con un continuo viavai di gente non è mai l’ideale per educare un gattino. C’è bisogno di relax e di metterlo a suo agio, per fare in modo che il micio sia ‘predisposto’ ad ascoltarci, magari anche utilizzando dei feromoni per gatti.

Gli errori da evitare

Cucciolo morde mobile
Micio morde un mobile (Foto Pixabay)

Attenzione a non perdere mai la pazienza! Non serve mai (tanto meno in questo caso) arrabbiarsi e perdere la calma. Si potrebbe solo ottenere l’effetto opposto, e cioè che il gattino non si fidi più di noi e non  si riesca a costruire un rapporto con lui. Quindi, per quanto difficile, bisogna fargli capire in modo pacato ma deciso e fermo che il suo comportamento non è corretto. La violenza non è mai ammessa! Inoltre dobbiamo evitare di istigare il gattino alla violenza: punendolo con le mani o utilizzando la voce urlando, non faremo altro che istigarlo a reagire con altrettanti morsi e graffi.

Francesca Ciardiello