Home Gatti Le cause di aggressività nel gatto: fisiche e psicologiche

Le cause di aggressività nel gatto: fisiche e psicologiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:59
CONDIVIDI

L’aggressività nel gatto è un segno di dolore, è importante riconoscere quali siano le cause. Ecco quali sono le cause principali di aggressività nel gatto.

le cause di aggressività nel gatto
Le cause di aggressività nel gatto: fisiche e psicologiche (Foto Adobe Stock)

Molto spesso i gatti, proprio come i cani, possono diventare aggressivi. Se ciò avviene alla base c’è sempre un motivo, anzi più di uno, ed è importante riconoscerlo. La causa principale per cui un gatto non vuole essere toccato, graffia o morde, è perché sente dolore. Ma le motivazioni dell’aggressività del gatto possono essere tante, sia fisiche che psicologiche. Vediamo qui di seguito quali sono.

Potrebbe interessarti anche: Gatto aggressivo: comportamento, cause e rimedi

Le cause di aggressività nel gatto: cause fisiche

gatto aggressivo
Comportamento del gatto dopo un infortunio: i vari tipi di atteggiamento

Prima di pensare che la causa di aggressività nel vostro gatto sia collegata a problemi comportamentali, è importante escludere prima le condizioni mediche. Ecco qui di seguito alcuni problemi che possono causare aggressività nel felino.

Una ferita 

Qualche volta il gatto potrebbe presentare un ascesso o una ferita non visibile sotto il suo pelo che gli provoca dolore. Proprio quest’ultimo potrebbe rendere il vostro gatto aggressivo.

Rabbia

La rabbia è una malattia che causa aggressività nel gatto. Questa patologia può essere riscontrata in gatti randagi o gatti non vaccinati che hanno la possibilità di passeggiare fuori casa.

Malattie croniche

Anche malattie croniche come l’artrite o le malattie dentali possono causare l’aggressività nel felino. È risaputo che i felini tendono a nascondere il loro dolore in quanto sono animali da preda, quindi è importante che portiate il vostro felino dal veterinario per controllare la presenza di eventuali patologie.

Potrebbe interessarti anche: Artrite nel gatto: come curarla con rimedi naturali

Ipertiroidismo

gola del gatto
(Foto Adobe Stock)

I felini affetti da ipertiroidismo oltre ai sintomi specifici come:

  • Aumento del consumo d’acqua
  • Aumento della minzione
  • Perdita di peso
  • Diarrea nel gatto
  • Vomito

Possono presentare dei cambiamenti comportamentali come  aggressività, nervosismo e iperattività. Per questo è importante eseguire un esame tiroideo nel caso in cui il vostro amico a quattro zampe presenta un comportamento mai avuto.

Iperestesia

L’iperestesia nel gatto , conosciuta anche come disturbo della pelle increspata, non è una patologia molto conosciuta. Il felino che presenta questo disturbo, potrebbe iniziare a correre senza motivo e iniziare ad autolesionarsi, dandosi morsi e grattandosi.

Se il vostro amico a quattro zampe presenta questa malattia, è importante portarlo dal veterinario in quanto la sua ”sofferenza” potrebbe renderlo aggressivo nei vostri confronti.

Potrebbe interessarti anche: La rabbia nel gatto: la causa, i sintomi, il trattamento e il contagio

Cause psicologiche di aggressività nei gatti

Giochi da fare con il gatto
Un gatto aggressivo può essere ansioso. (Foto Unsplash)

Una volta che vengono escluse dal veterinario tutte le cause mediche, è necessario tenere presente le cause psicologiche che potrebbero portare il gatto a diventare aggressivo.

E’ necessario sapere che qualsiasi tipo di cambiamento potrebbe causare l’aggressività nel gatto, in quanto i felini sono animali abitudinari e cambiare la loro routine è causa di stress e ansia. Ecco una piccola lista di problemi psicologici che possono far diventare il vostro micio aggressivo.

Aggressione per disconoscimento

Molte volte il gatto può essere aggressivo quando non riconosce l’odore di un altro felino. Ciò accade spesso quando in casa sono presenti due gatti e uno dei due viene portato dal veterinario o fuori casa. Al suo ritorno il gatto in casa potrebbe aggredirlo in quanto non riconosce l’odore del suo amico.

Molte volte questo problema viene risolto portando entrambi i gatti dal veterinario o fuori casa, oppure passando un asciugamano con qualche profumo su tutti e due i gatti, in modo tale che entrambi abbiano lo stesso odore.

Aggressione rediretta

Quando un gatto è molto stimolato e frustrato può presentare un’aggressione rediretta. Ciò avviene se per esempio il vostro amico peloso vede fuori dalla finestra o dal balcone un altro gatto o un cane e non avendo la possibilità di interagire con quest’ultimo, reindirizza la sua aggressività su di voi.

Aggressione per un nuovo micio

Avete appena adottato un nuovo gatto e il vostro gatto più anziano diventa aggressivo e minaccioso nei suoi e nei vostri confronti? Questo accade in quanto il gatto deve proteggere il suo territorio. Questo tipo di aggressione scompare quando i due gatti iniziano a conoscersi. E’ importante però non forzare l’amicizia, ma bensì dare tempo ai due felini.

Potrebbe interessarti anche: Presentare un gattino ai gatti adulti: 5 consigli per farlo al meglio

Il gatto aggredisce perché non vuole essere toccato

gatto
(Foto Adobe Stock)

Alcuni gatti si fanno accarezzare solo per poco, dopodiché quando non vogliono essere più toccati iniziano a diventare aggressivi. E’ necessario, riconoscere i segnali precedenti all’attacco del micio per evitare il peggio, a volte i felini possono mordere più di un cane.

La gatta attacca per difendere i cuccioli

Se la vostra piccola gatta ha dato alla luce dei gattini, potrebbe diventare molto aggressiva nei vostri confronti. Non perché sia ”pazza”, ma è un istinto naturale che la neo-mamma presenta per proteggere i suoi gattini.

Aggressività durante il gioco 

L’aggressività durante il gioco si presenta spesso nei gattini. Per esempio il gatto potrebbe mordere le caviglie o i piedi del suo umano, ciò non è un gesto di aggressività vero e proprio, ma un modo per il piccolo felino di giocare con il suo padrone. Nel caso in cui il vostro amico a quattro zampe sta per tendervi ”un agguato”, provate a reindirizzare la sua attenzione gettandogli un giocattolo.

Marianna Durante