Home Gatti Fischietto a ultrasuoni per gatti: cos’è, come funziona, perché usarlo

Fischietto a ultrasuoni per gatti: cos’è, come funziona, perché usarlo

Esiste un fischietto a ultrasuoni per cani, e per i gatti? Anche per i nostri amati felini c’è uno strumento analogo: ecco come funziona.

Fischio felino
(Foto Canva)

Tendenzialmente i gatti, a differenza dei cani, sono meno obbedienti: fanno ciò che desiderano quando vogliono e come vogliono, indipendentemente dalla nostra volontà. Del resto, il fascino felino risiede anche in questo loro atteggiamento. In realtà, però, è possibile insegnare loro un richiamo, utilizzando il fischietto a ultrasuoni per gatti: ecco cosa sapere su questo strumento.

Fischietto a ultrasuoni per gatti: cos’è

Sappiamo bene che l’udito felino risulta ben più sviluppato rispetto a quello umano. Per questo, i mici sono in grado di percepire suoni e rumori a lunga distanza.

Fischio gatto
(Foto Canva)

Allo stesso modo, a differenza dei membri della nostra specie, i gatti riescono a sentire i cosiddetti ultrasuoni, prodotti a frequenze superiori a 20mila heartz.

La frequenza uditiva dei mici, infatti, è davvero sbalorditiva: va da 70 Hz a 70.000 Hz, superando per ben tre volte il nostro limite e per quasi il doppio quello di Fido.

Per questo, possiamo sfruttare le incredibili capacità uditive dei felini per insegnare loro un richiamo unico, che nessun essere umano è in grado di sentire.

Potrebbe interessarti anche: Richiamo per il gatto: cosa può essere e cosa può essere efficace

Come funziona e perché usarlo

Il fischietto a ultrasuoni, come facilmente intuibile, è uno strumento che permette di emettere suoni a una frequenza superiore a 20mila Hz, udibili ai mici e non alle persone.

Se il nostro amico a quattro zampe vive all’esterno e tende ad allontanarsi, questo strumento può rivelarsi utile per produrre un richiamo che lo solleciti a tornare.

Anziché chiamare ad alta voce il gatto, infatti, potremo utilizzare il fischietto. Come far sì che il micio associ il fischio prodotto al fatto che lo stiamo cercando?

Potrebbe interessarti anche: Gatto dentro o fuori casa? Ecco dove vive meglio il micio

In primo luogo, dovremo far abituare progressivamente il quattro zampe al suono emesso dallo strumento.

Dopodiché, potremo iniziare a chiamare per nome il felino, facendo seguire al richiamo orale il fischio a ultrasuoni.

🐾💖 SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 🐶🐱

Ogni volta che il pelosetto si avvicinerà, dovremo premiarlo per associare lo stimolo alla corretta risposta, per mezzo del rinforzo positivo.

Si tratta di un esercizio che richiede costanza e pazienza, ma può rivelarsi decisamente utile per instaurare con l’animale una comunicazione segreta e sicura.