Home Gatti Gatto chiede cibo ma non lo mangia: le cause e come aiutarlo...

Gatto chiede cibo ma non lo mangia: le cause e come aiutarlo a mangiare

E’ uno strano atteggiamento felino ma frequente. Se il gatto chiede cibo ma non lo mangia potrebbe avere un problema di salute o è spinto da altri motivi: ecco quali sono.

Gatto chiede cibo ma non lo mangia
(Foto AdobeStock)

Si avvicina, lo chiede con insistenza e una volta che ci ha convinti a dargliene non lo mangia: è solo un dispetto oppure c’è qualche problema di salute per cui un gatto chiede cibo ma non lo mangia? Ecco come capire se questo strano ma frequente atteggiamento felino nasconde una patologia o è magari è solo una sua forma di ‘prepotenza’ nei nostri confronti: tutto quello che c’è sapere.

Il micio e il cibo: un rapporto non sempre semplice

Se il cane è onnivoro e (tendenzialmente) mangia e assaggia qualsiasi cosa gli capiti sotto al muso, non si può dire lo stesso del micio: quest’ultimo infatti può essere anche piuttosto ‘schizzinoso’ in fatto di alimentazione.

Micio e ciotola
(Foto Pinterest)

Non a caso infatti diventa uno dei problemi più frequenti che affligge ogni proprietario: come e cosa dare da mangiare al gatto, che sia nutriente, adatto alle sue esigenze e soprattutto di suo gradimento.

E non è detto che una volta tanto che gli piace qualcosa, vi si affeziona: potrebbe cambiare facilmente idea e non volerne più. Non è detto che si tratti sempre di cibo umido o di crocchette: è indifferente la scelta.

Il gatto chiede cibo ma non lo mangia: cause possibili

Tra gli atteggiamenti più ‘dispettosi’ del gatto col cibo, vi è anche questo: il micio ci chiede con insistenza qualcosa, insomma vuole farci capire che ha appetito e, una volta ottenuta, ci gira le spalle e se ne va. Vediamo quali sono le cause possibili di questo suo atteggiamento.

Micio ci guarda e non mangia
(Foto Pinterest)

Problemi alla bocca

Tra le patologie più frequenti che colpiscono la bocca del nostro amato felino, vi sono quelle ‘dentali’, come tartaro, gengivite felina e periodontite, ma anche fratture e infezioni alla bocca o alla lingua, nonché un dannoso assorbimento dello smalto e della dentina. Infine, nei casi peggiori può anche trattarsi di carcinoma. Se il micio è stato coinvolto in una lotta o ha subito dei colpi al muso, potrebbe anche avere fastidi dovuti ad un trauma.

Questione di ‘gusto’

Per fortuna spesso non si tratta di una patologia, bensì del cibo in sé che non gli piace oppure che non gli è ‘presentato’ in maniera consona (secondo lui). Non pensiamo mai di somministrare il cibo al nostro felino viziato in una ciotola sporca, oppure di offrirglielo accanto alla lettiera: non riuscirebbe ad accettare un simile ‘affronto’ anche se fosse il cibo più saporito del mondo!

Cambiamenti repentini?

Avere a che fare con un animale tanto esigente e abitudinario, vuol dire anche non poter fare cambiamenti improvvisi: sia che si tratti della sua casa sia della marca o della tipologia di cibo che solitamente mangia, poco importa. Il micio non accetta facilmente i cambiamenti e potrebbe indispettirsi al punto di non voler mangiare.

Potrebbe interessarti anche: Cosa fare se il gatto mangia crocchette scadute: i rischi e i rimedi

Il gatto chiede cibo ma non lo mangia: quando preoccuparsi

Se vediamo che il micio ha fame, anche perché è ora della pappa oppure stiamo notando in lui un certo deperimento, è opportuno andare a fondo: sottoporlo a visita potrebbe aiutarci a capire se ci sono problemi di salute molto gravi, che hanno tra gli effetti anche alcuni dei problemi alla bocca che abbiamo elencato in precedenza. Ulcere e stomatite alla bocca del gatto possono infatti essere segnali di patologie molto gravi come la Fiv, la Felv o un’insufficienza renale.

Gatto chiede cibo ma non lo mangia
(Foto AdobeStock)

Quindi se vediamo che il gatto ci chiede del cibo ma non lo mangia, non pensiamo che lo faccia apposta: in realtà non è colpa sua e non è necessariamente viziato. Potrebbe stare male e, come per tutti i segnali che il suo corpo ci invia, è opportuno non sottovalutarli e andare a fondo.

Francesca Ciardiello