Home Gatti Il gatto fa pipì sui vestiti: perché lo fa e come farlo...

Il gatto fa pipì sui vestiti: perché lo fa e come farlo smettere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:08
CONDIVIDI

Il micio urina ovunque ma mai nella lettiera? Ecco perché un gatto fa pipì sui vestiti e come abituarlo a cambiare abitudine.

Il gatto fa pipì sui vestiti
Il gatto fa pipì sui vestiti: cause e rimedi (Foto AdobeStock)

Si sa che il micio, specialmente il gattino, ha bisogno di tempo per abituarsi alla lettiera e il padrone, di contro, dovrà avere molta pazienza e buona volontà nel fargli capire che quello è il posto giusto per i suoi bisogni. Ma quando il gatto è già grande e inizia ad urinare in casa, anche sui nostri e altrui capi di abbigliamento, il problema può diventare molto fastidioso. Non solo per una questione di igiene ma anche perché questo suo comportamento potrebbe sottendere un problema di salute, su cui sarebbe meglio indagare. Vediamo perché il gatto fa pipì sui vestiti e come correggere questo suo comportamento.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto dorme nella lettiera: perché lo fa e come evitarlo

Il micio e i suoi bisogni: quando tutto è cambiato

Micio
Micio (Foto AdobeStock)

Se non si tratta di un gatto in tenera età è probabile che il problema sia sopraggiunto successivamente: sì, ma quando? E’ importante capire in che momento (e in seguito a quale avvenimento) il gatto ha iniziato ad urinare ovunque, non risparmiando neppure i nostri vestiti (Leggi qui: Il gatto fa pipì ovunque: cause e rimedi per farlo smettere). E’ probabile che tra le prime cause vi sia una motivazione di salute, ma prima di indagare sui motivi, cerchiamo di ricordare cosa è successo poco prima che il micio iniziasse ad avere (e a creare) questo problema.

Questi ‘indizi’ possono risultare molto utili al nostro veterinario di fiducia per formulare la sua diagnosi. Può essere anche utile indagare sul tipo di azione del micio: si tratta di perdite di urine o di spruzzi? Infatti le cause alla base potrebbero essere diverse: o per marcare il territorio in presenza di altri gatti o animali, avvertiti come minaccia, oppure per problemi fisiologici come infiammazioni alle vie urinarie del gatto (Leggi qui: Le infezioni delle vie urinarie del gatto: quali sono e come curarle).

Potrebbe interessarti anche: Il gatto puzza: le cause del cattivo odore felino

Il gatto fa pipì sui vestiti: cause

Gatto sotto al letto
Gatto sotto al letto (Foto Pixabay)

La prima cosa da fare è sottoporre il gatto a visita dal nostro veterinario per escludere la presenza di problemi di salute. Un’analisi delle urine sarà la soluzione per escludere qualsiasi dubbio: un problema alle vie urinarie potrebbe essere la causa della sua incontinenza. Ecco perché il gatto fa la pipì sui vestiti e non sulla lettiera.

Ha il trauma della lettiera: a volte alcuni posti gli fanno venire in mente brutti ricordi, come ad esempio la lettiera. Soprattutto se ha problemi intimi, il gatto si ricorda il dolore provato quando si accovacciava sulla sabbia… e la evita.

Ansia: se il micio non è tranquillo, non è sereno, potrebbe essere stressato al punto di non fare i bisogni nella lettiera ma in luoghi non appropriati come i vestiti.

La lettiera è sporca: sappiamo quanto è importante l’igiene per il micio, tanto che lui stesso se ne prende cura. Deve essere sempre pulita ed igienizzata, e soprattutto la sabbia non deve essere troppo profumata. Proviamo a capire quale sia il fondo migliore da stendere nella nostra lettiera dopo vari tentativi.

Assenza del proprietario: così come altri fattori che inducono stress nel gatto, anche la solitudine e la mancanza del proprio umano possono indurre il micio a comportarsi così.

Il posto è sbagliato: se abbiamo posto la lettiera in un luogo rumoroso, troppo caotico, troppo illuminato o magari troppo ‘a portata di bimbi’. Questo spinge il gatto a non usarla.

Come rimediare al gatto che fa pipì sui vestiti

Il gatto fa pipì sui vestiti
Il gatto fa pipì sui vestiti: cosa fare (Foto Pixabay)

La prima cosa da fare è evitare ogni cosa che possa indurre il gatto in ansia, per quanto possibile. Se si tratta di un evento ‘inevitabile’, come ad esempio fare un trasloco con il gatto, allora diamogli il tempo di adattarsi alla nuova situazione e non forziamolo a fare ciò che, per il momento, non vuole fare.

Una buona idea potrebbe essere quella di utilizzare dei feromoni per gatti, che hanno un effetto calmante sul micio. Farmaci, cambiamenti nell’alimentazione possono essere utilizzati, ma sempre dietro suggerimento del medico (Leggi qui: Problemi urinari del gatto: la giusta dieta salverà lui e i mobili della casa). Non bisogna mai usare violenza sugli animali, tanto meno per motivazioni del genere. Bisogna avere pazienza e lavare i vestiti!

Francesca Ciardiello