Home Gatti Mamma gatta dopo il parto: comportamenti comuni e mostruosi nel post-partum

Mamma gatta dopo il parto: comportamenti comuni e mostruosi nel post-partum

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28
CONDIVIDI

Pensate che mamma gatta dopo il parto stia sempre con i suoi cuccioli? Invece no! Può avere comportamenti strani: ecco perché.

Mamma gatta dopo il parto
Mamma gatta dopo il parto: cosa potrebbe fare (Foto AdobeStock)

Abbiamo l’immagine di mamma gatta che, dopo le fatiche del parto, si gode le coccole con i suoi piccoli appena nati? Pensiamo che il suo istinto sia sempre quello di stare accanto ai suoi gattini? Non è sempre così, poiché in alcuni casi la partoriente si comporta in maniera del tutto inaspettata. Ma può capitare e c’è un motivo alla base di questo suo atteggiamento. Vediamo cosa può fare una mamma gatta dopo il parto e come darci una spiegazione.

Potrebbe interessarti ancheGravidanza del gatto: le 5 fasi e come prendersi cura di mamma gatta

Il parto di mamma gatta: cosa succede in quel momento

Micio rosso
Micio rosso (Foto Pixabay)

Quando la gatta partorisce il nostro ruolo è assolutamente fondamentale, non tanto perché dobbiamo aiutarla in qualche operazione (i gatti si mostrano molto indipendenti anche in momenti come questi) ma soprattutto non dobbiamo arrecarle disturbo. Infatti la nostra presenza deve solo essere di supporto al felino, qualora se ne presentasse la necessità. E’ importante che qualsiasi contatto con la gatta e i suoi cuccioli non rilasci alcun odore su di essi: è meglio indossare dei guanti perché i nostri umori potrebbero confondere quelli dei piccoli nati, tanto che mamma gatta potrebbe non riconoscerli più (Leggi qui: Mamma gatta non allatta i suoi cuccioli? Ecco perché e come aiutarla).

Siamo attenti che mamma gatta non si comporti in modo ‘strano’ (come vedremo a breve): in caso contrario sarà opportuno intervenire e prendersi cura in prima persona dei cuccioli nati.

Come si comporta mamma gatta dopo il parto: i comportamenti più bizzarri

Cuccioli
Cuccioli (Foto Pixabay)

Solitamente mamma gatta, dopo il parto, si preoccupa della cura e dell’igiene dei piccoli nati, leccando via la placenta e aiutando il cucciolo a respirare meglio, per poi avvicinarlo alla mammella per allattarlo. Questa è la situazione più ‘normale’. Ma vi aspettereste mai che una mamma abbandoni i suoi figli subito dopo averli messi al mondo? Oppure che si rifiuti di allattarli? Purtroppo può accadere anche tra felini, ma c’è sempre una motivazione alla base.

  • Sta lontana dai suoi cuccioli: non si tratta di cattiveria o di assenza di amore materno, anzi forse è esattamente il contrario. Se mamma gatta non sta bene cerca di stare lontana dai suoi piccoli per evitare che possano contagiarsi. Allo stesso tempo potrebbe subire gli effetti dello stress da parto oppure sentirsi inadeguata nel suo nuovo ruolo di ‘madre’.
  • Allontana uno o più cuccioli dagli altri: solitamente la gatta si comporta così quando uno dei piccoli è malato. Per proteggere il resto della cucciolata, la mamma felina sceglie di tenere lontano il suo piccolo per evitare che possa contagiare gli altri.
  • Spostano i cuccioli in un altro luogo: l’istinto materno delle gatte le rende estremamente protettive nei confronti dei loro piccoli. Quindi, dopo aver costruito una sorta di nido durante la gravidanza, destinato ad accogliere i cuccioli, possono decidere arbitrariamente di spostarli in un luogo che ritengono essere più sicuro e al riparo da possibili pericoli (Approfondisci qui: Perché la gatta sposta continuamente i cuccioli? Ecco le motivazioni).
  • Affida i cuccioli al padrone: questa è una grande dimostrazione di amore e stima nei confronti del proprio umano. Affidare i propri cuccioli al padrone, è segno di grande fiducia: mamma gatta sa che può fidarsi ciecamente del suo umano e affida a lui il suo bene più prezioso, il suo cucciolo appunto.
  • Li abbandona: solitamente avviene a una settimana dal parto, perché la mamma avverte la necessità di riappropriarsi dei propri spazi e delle proprie ‘libertà. In realtà è improprio parlare di abbandono una volta superata la fase di svezzamento (Leggi qui: Svezzamento dei gattini: consigli, rischi e curiosità). Può capitare che una madre abbandoni i suoi cuccioli appena nati e non voglia prendersene cura, ma in realtà la mamma si allontana dai suoi piccoli, una volta finito di allattarli, per renderli indipendenti e farli abituare ai cibi solidi.

I comportamenti più ‘mostruosi’ della gatta che ha partorito

Mamma gatta dopo il parto
Mamma gatta dopo il parto: cosa può fare di pericoloso (Foto AdobeStock)

Purtroppo mamma gatta potrebbe comportarsi anche in modo spaventoso dopo il parto. Dobbiamo sempre pensare che si tratti di un animale che segue il suo istinto, che talvolta potrebbe non rispecchiare ciò che ci aspetteremmo da una mamma che ha appena dato alla luce i suoi piccoli. Non sono così rari i casi di ‘cannibalismo’ della mamma nei confronti dei suoi cuccioli. Sebbene possa sembrare raccapricciante (e lo è!), vi è una spiegazione anche a questo: mamma gatta li avverte come esemplari deboli, inadatti alla vita e non abbastanza forti da poter sopravvivere. E se pensa che non siano abbastanza forti, decide di ucciderli lei stessa!

Ma non è solo questa la motivazione che può spingere una gatta a mangiare uno dei suoi piccoli. Può anche darsi che il felino si senta molto stressato dopo il parto e che uno degli effetti sia proprio questo, il cannibalismo appunto. Anche una mastite nella gatta, sebbene in casi più rari, può avere questo tipo di conseguenze.

Francesca Ciardiello