Home Gatti Quando il gatto inizia a spruzzare: età, fattori e differenze tra spruzzo...

Quando il gatto inizia a spruzzare: età, fattori e differenze tra spruzzo e urina

Quando il gatto inizia a spruzzare e cosa significa? I fattori che determinano questo suo comportamento e che differenze ci sono tra lo spruzzo e l’urina.

Quando il gatto inizia a spruzzare
(Foto Pixabay)

Che il micio sia un animale molto territoriale è una cosa risaputa, ma quando il gatto inizia a spruzzare che età ha? Ma soprattutto qual è il significato di questo suo comportamento e le differenze che dobbiamo notare noi tra l’urinare e il semplice ‘spruzzo’ di urina? Il linguaggio del corpo del felino è un mondo assolutamente affascinante da conoscere ma anche da interpretare.

Quando il gatto inizia a spruzzare: età e significato

Hai notato che il tuo micio ‘disdegna’ la sua lettiera profumata e pulita per urinare in giro per casa? Anche questo fa parte del complesso insieme dei comportamenti del linguaggio del suo corpo: sta a noi interpretarli.

Micio
(Foto Pixabay)

Ma a che età il gatto inizia a spruzzare e lasciare le sue tracce in giro per casa? In realtà è piuttosto precoce in questo atteggiamento e dipende non solo dall’età ma anche dal sesso: gli esemplari maschi pare lo facciano già intorno ai 4-5 mesi di vita, mentre le femmine raggiungono questa maturità intorno ai 6-7 mesi.

Infatti è proprio di maturità che si tratta, sebbene il significato della ‘marcatura’ non sia unico. Se è accompagnato da miagolii e versi particolari, il micio sta proprio invitando il potenziale partner all’accoppiamento. Ma può anche significare che:

Potrebbe interessarti anche: Il gatto gioca con la lettiera: cause e tutti i rimedi per evitarlo

Il micio spruzza: cosa fare

Sebbene si tratti di un comportamento del tutto naturale da parte di tutti i felini domestici, ci sono alcune cose che possiamo fare noi padroni per non ‘alimentare’ questa sua abitudine. Il contesto in cui vive deve essere quanto più possibile sereno e tranquillo, specialmente se si tratta di un esemplare molto giovane.

Quando il gatto inizia a spruzzare
(Foto Pixabay)

Se non si vuole sterilizzare il gatto, bisogna usare calma e pazienza per far abituare il micio alla lettiera: non bisogna mai urlargli contro o spaventarlo. Per quanto possibile, è sempre bene evitare liti e urla in casa, perché i gatti sono animali molto sensibili ed ‘assorbono’ gli umori di casa.

Tutto ciò che può stressarlo dovrebbe essere eliminato e, quando non è possibile perché magari si tratta di un nuovo arrivato in casa o un trasloco, bisogna dare al felino il giusto tempo per abituarsi alle condizioni ed adattarsi ai cambiamenti: d’altronde sappiamo quanto siano gelosi della propria routine, no?

Potrebbe interessarti anche: Riconoscere i problemi urinari del gatto per trattarli e curarli

Quando il gatto inizia a spruzzare: differenza tra urina e spruzzo

Spesso non è solo una semplice curiosità a spingerci ad indagare il comportamento del micio, ma una vera e propria necessità: non è piacevole bagnarsi il piede nelle pozze di urina che lascia a terra o sentire il cattivo odore di esse su mobili e superfici. Ma che differenza c’è tra spruzzo e urina?

Gatti randagi
(Foto Pixabay)

E’ sicuramente una questione di ‘quantità’, o meglio di volume: quando il gatto urina, accovacciandosi, rilascia una dose di liquidi molto maggiore rispetto a un semplice spruzzo. Tale comportamento è spesso accompagnato da una sorta di scavo e avviene quasi sempre in determinati posti (divano, tappeti etc.).

Nell’atto di spruzzare invece non si abbassa con tutto il corpo, ma resta in piedi e alza la coda: il getto è direzionato all’indietro e spesso su muri e superfici verticali. Distinguere i due comportamenti sarà fondamentale per capire se si tratta del problema di abituare un gattino alla lettiera oppure c’è qualcosa che in casa lo turba.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Francesca Ciardiello