Home Gatti Razze di gatti che assomigliano al Caracal splendido felino selvatico

Razze di gatti che assomigliano al Caracal splendido felino selvatico

Razze di gatti che assomigliano al Caracal, esemplari con particolari caratteristiche fisiche ricordano questo enorme gattone selvatico.

caracal
(Foto AdobeStock)

Molti gli appassionati di gatti e di felini in generale, sono stati incuriositi dall’aspetto di un felino selvatico particolarmente somigliante ad un gatto ma dalle dimensioni alquanto superiori.

Ragion per cui essendo la convivenza con un animale selvatico molto pericolosa ed essendo dannosa la costrizione alla vita domestica per l’animale, alcuni studiosi e allevatori hanno deciso di creare delle razze di gatti che assomigliano al Caracal, felino che ha destato in loro molta curiosità per la bellezza e il fascino.

Razze di gatti che assomigliano al Caracal

caracal
(Foto AdobeStock)

Il Caracal il cui nome ha origine dalla parola turca “karakulak”, vuol dire orecchie nere. È un gatto selvatico molto particolare con l’aspetto di un gatto dalle grandi dimensioni ma con il corpo di una pantera vigorosa.

Si tratta di un animale di taglia media che misura circa 60 e i 75 cm per un peso di circa 11-14kg.

Le caratteristiche principali per cui questo animale viene riconosciuto sono la testa che possiede due strisce nere scure sotto gli occhi e intorno al muso e l’altra peculiarità riguarda le orecchie che possiedono una macchia nera sulle punte.

Anche il suo mantello è una parte di questo animale che lo aiuta ad identificarsi, in quanto si tratta di un color rame particolare che gli consente di mimetizzarsi nell’ambiente circostante.

Il Caracal vive in Asia e in alcune regioni dell’Africa, dove si nutre di piccoli mammiferi, come lepri e roditori. In altre parole, si tratta di un felino così affascinante che ha catturato la curiosità di tanti appassionate.

Siccome non è stato possibile addomesticarlo hanno tentato di creare degli esemplari di gatti molto simili nelle caratteristiche fisiche di questo felino. Vediamo quali le razze di gatti che assomigliano al Caracal.

Caracat

Il Caracat è un gatto ibrido, un incrocio tra il Caracal (lince del deserto) un felino selvatico e un gatto domestico abissino.

caracat
(Foto AdobeStock)

Si tratta di un gatto molto grande che arriva a pesare fino a 15 chili, possiede un corpo possente e massiccio, ma allo stesso tempo elastico e atletico.

È un incrocio azzardato che l’uomo ha creato per soddisfare egoisticamente il suo bisogno di selvatico.

È molto raro come gatto ed estremamente costoso ma non è adatto ad una vita al chiuso in appartamento, oltre al fatto che è molto pericoloso con bambini e anziani, in quanto il suo modo di giocare è molto irruento.

Inoltre il Caracat, proprio come il Caracal, è un animale notturno e non ama trascorrere la notte chiuso all’interno di casa, perciò potrebbe passare l’intera notte a miagolare e ad emettere suoni striduli.

Anche l’allevamento è qualcosa di molto delicato a partire dal parto, sono pochi i cuccioli che sopravvivono per questo motivo il prezzo lievita.

Per fortuna in Italia è illegale tenere in casa animali esotici e alcune specie di animali selvatici, specie le razze potenzialmente pericolose per l’uomo.

Abissino

gatto abissino malattie comuni
(Foto Adobe Stock)

Il gatto Abissino è un gatto di taglia media, il cui peso oscilla tra i 3 e i 5 kg, possiede un corpo allungato e ben proporzionato e molto armonioso, con un portamento elegante che ricorda molto il Caracal.

Possiede occhi ovali e obliqui, di colore gialli, verdi o nocciola; le orecchie sono grandi e triangolari; il mantello è corto, più scuro lungo la spina dorsale e presenta bande di colore su ciascun singolo pelo.

Diventa poi più attenuato sotto il collo, sulla parte ventrale e nell’interno zampa. Caratterialmente si tratta di un gatto molto vivace, attivo, giocoso e molto affettuoso.

Ama stare in compagnia della sua famiglia umana e socializzare con tutti i membri sia umani che altri animali presenti in casa.

Infatti è in modo particolare molto adatto a famiglie con bambini e con altri animali domestici. Adora molto arrampicarsi e stare all’aperto, perciò non ama restare tutto il tempo in casa e non essendo una razza particolarmente delicata può restare tranquillamente all’aperto senza subire malanni.

Bengala

gatto bengala malattie comuni
(Foto Adobe Stock)

Il Bengala è un gatto di taglia grande il cui peso può arrivare anche a 9 kg, possiede un corpo dalla forma allungata, muscoloso ma dinamico e veloce.

Ad oggi gli esemplari di gatto del bengala di terza generazione ricordano lontanamente i loro antenati ma è ciò che lo rende somigliante al Caracal.

Generalmente si dimostrano molto tranquilli e docili rispetto a quello che è l’apparenza. Possiede una testa triangolare, occhi grandi, di colore giallo, verdi o azzurri, orecchie erette e triangolari. Il mantello è a macchie o striato ed è corto, setoso e denso.

Caratterialmente viene fuori il suo lato selvatico, essendo alquanto imprevedibile e iperattivo, necessita di spazi per correre e saltare.

In poche parole può vivere in appartamento ma ha bisogno di abbastanza spazio e di qualcuno che giochi con lui. Infatti non è adatto per padroni pigri ma sicuramente può creare un ottimo rapporto con i bambini.

Potrebbe interessarti anche: Razze di gatti più costose al mondo: caratteristiche e virtù

Savannah

Savannah
(Foto AdobeStock)

Il Savannah è un gatto di taglia grande il cui peso può arrivare ai 15 kg, ha un corpo lungo e snello, una testa di forma triangolare (anche di profilo) e piccola rispetto al resto del corpo. Gli occhi hanno una linea scura che ne delimita l’arco superiore e le orecchie sono a punta arrotondata.

Il mantello è ciò che invece lo rende selvatico ancor di più, in quanto soprattutto nelle prime generazioni erano presenti delle macchie scure su fondo chiaro.

Il Savannah è molto abile nei salti, adora stare in alto sopra i mobili o sulle piante e può saltare fino a 2.5mt.

Nonostante la sua selvaticità si lega molto al suo padrone e seppur molto attivo e vivace, riesce a ben tollerare il guinzaglio. Ciò non toglie che è un animale che soffre dentro un appartamento e come i precedenti esemplari citati ha bisogno di spazi aperti dove trascorrere il suo tempo in piena libertà di movimento.

Potrebbe interessarti anche: Curiosità sui gatti: fatti poco noti e interessanti sui nostri felini

Pixie Bob

pixie bob
(Foto AdobeStock)

Il Pixie Bob rientra anch’esso nelle razze di gatti che assomigliano al Caracal proprio per il suo aspetto selvatico, ma a differenza degli altri esemplari è perfetto per l’ambiente domestico.

Si tratta di un gatto di taglia grande di corporatura massiccia, un’aria selvaggia e imponente, il cui peso oscilla tra i 5 e i 7 kg.

Possiede la testa di dimensioni medio-grandi, gli occhi socchiusi e a forma di triangolo arrotondato e le orecchie di media grandezza, larghe alla base.

Una caratteristica particolare di questo gatto e che molto spesso nascono esemplari “polidattili”, ovvero con più dita rispetto alla norma. Un’altra peculiarità è la fantastica pelliccia che gli permette di non patire per nulla le stagioni fredde.

Caratterialmente parliamo di un gatto socievole, legato alla famiglia umana e al suo padrone in particolare. Molto spesso infatti il suo carattere è stato associato a quello di un cane.

Nonostante il suo corpo è comunque un abile saltatore che ama stare su mobili e pensili alti, per osservare il tutto dall’alto. E anche se non ama stare da solo è comunque in grado di intrattenersi con giochi che si trova al momento, è davvero un gatto estremamente intelligente.

Toyger

gatto toyger
(foto iStock)

Anche il Toyger rientra tra le razze che assomigliano al Caracal per questo suo aspetto simile a quello di uno gatto selvatico, ma leggermente più piccolo dei precedenti.

Si tratta infatti di un gatto di taglia media il cui peso oscilla sui 6 kg. Possiede una corporatura muscolosa e forte, la testa e gli occhi rotondi che ricordano un po’ quelli della tigre, le orecchie anch’esse arrotondate.

Un’altra caratteristica di questo gatto sono le zampe, leggermente più corte in proporzione alla lunghezza del corpo. Infine ciò che lo accomuna molto alla tigre è il mantello corto e morbido che è del tutto simile a quello della tigre, essendo a strisce scure su base arancione.

Caratterialmente parliamo di un gatto molto dolce, in cerca di coccole, vivace e giocherellone, socievole e per questo non adatto alle persone che trascorrono la maggior parte del tempo fuori casa.

Il Toyger è una razza particolarmente predisposta a vivere in appartamento l’importante che abbia con chi condividere gli spazi, perché non ama essere lasciato solo.

I gatti trattati in questo articolo, hanno per la maggior parte caratteristiche e indole che li rendono selvatici e per questo molto spesso la cosa migliore da fare è quella di farli vivere in un habitat quanto più similare a quello naturale. Costringerli ad una cattività in sofferenza è un vero peccato.

Potrebbe interessarti anche: La differenza tra gatto selvatico e domestico caratteristiche e comportamento

Raffaella Lauretta