Home Curiosita Curiosità sui gatti: fatti poco noti e interessanti sui nostri felini

Curiosità sui gatti: fatti poco noti e interessanti sui nostri felini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:34
CONDIVIDI

I mici sono gli amici fedeli di tantissimi amanti degli animali. Ma nascondono sempre un po’ di mistero: scopriamo qualche curiosità sui gatti meno nota.

curiosità sui gatti
Qualche curiosità sui gatti che non avevamo mai sentito. (Foto Unsplash)

Come per i cani, l’addomesticamento dei gatti si è basato sul reciproco vantaggio. Nei primi tempi dell’agricoltura, l’uomo è stato costretto ad affrontare una conseguenza imprevista: i roditori che divoravano il suo raccolto e rovinavano il suo grano. Seguendo voracemente le loro piccole orme c’erano predatori come serpenti, gufi e – soprattutto – gatti. I gatti, che tra i tre predatori avevano l’atteggiamento più amichevole, furono infine accolti negli insediamenti umani, molto apprezzati per la loro capacità di scacciare i parassiti. Il gatto domestico è stato addomesticato dal gatto selvatico africano circa 10.000 anni fa in Medio Oriente, e da allora si è raramente allontanato dal nostro fianco, venendo anche adorato in alcune culture come divinità, e insultato in altre come manifestazioni del diavolo stesso.

10 curiosità sui gatti poco note

Gatto su un albero
10 curiosità sui gatti: le più interessanti. (Foto Adobe Stock)

Acchiappatopi

I gatti furono inizialmente addomesticati per il loro appetito per topi e ratti. Oggi, il padrone medio di questo pelosetto domestico è contento di avere un micetto che fa poco più di un pisolino, ma il gatto possiede ancora un feroce istinto di caccia. Quei padroni che permettono ai loro gatti di vagare fuori, spesso si ritrovano a ricevere “regali” sullo zerbino, i cadaveri di uccelli e roditori che il loro animale domestico ha cacciato. Ancora oggi, i gatti vengono impiegati per uccidere topi e ratti in luoghi come Disneyland e il Museo dell’Ermitage di Stato a Mosca, in Russia.

Sebbene la storia ci abbia probabilmente fatto avere esempi di cacciatori ancora più voraci, il Guinness mondiale dei record riconosce Towser, il gatto della Glenturret (una distilleria di whiskey), come campione del mondo di caccia al topo. Una femmina dal pelo lungo tricolore, Towser (che visse quasi fino al suo 24° compleanno), viveva in una distilleria a Crieff, in Scozia, casa del famoso whiskey. Durante il suo regno, uccise circa 28.899 topi (secondo il record del Guinness). Il successore di Towser a Glenturret è stato un gatto di nome Amber, che, nonostante una carriera quasi ventennale, è diventato famoso per non aver catturato un singolo topo.

Accoppiamento

Una curiosità sui gatti vietata ai minori… Chiunque abbia mai posseduto una gatta non sterilizzata può probabilmente attestare l’assoluta miseria dei suoi cicli di calore. La gatta in quei periodi grida, e tenta costantemente di fuggire da casa per incontrarsi con i suoi pretendenti. I gatti maschi che riescono a percepire il suo entusiasmo si riuniscono in attesa della loro chance. L’effettivo processo di accoppiamento è uno scambio volgare, tanto lontano dalle romanticherie che si immaginano. La femmina lancia urla terribili durante l’incontro, e per una buona ragione: l’organo sessuale di un gatto maschio non è tanto uno strumento di piacere, quanto un oggetto di tortura medievale. Sfoggia barbe rivolte all’indietro, come ami da pesca, in cheratina che rastrellano l’interno del canale vaginale della femmina. Si pensa che questa parte angosciante del corteggiamento porti all’ovulazione.

Vittime della strada

Probabilmente, è inevitabile che a un certo punto della tua vita, si abbia qualche incidente con un animale durante la guida. Per la maggior parte di noi, è una sensazione disgustosa e ci fermeremo per fare tutto il possibile per aiutarlo, specialmente se l’animale è anche un animale domestico. Sfortunatamente, ci sono molte persone (un numero scioccante!) che continueranno a camminare anche dopo aver colpito le persone, figuriamoci un animale. In molti paesi, Italia compresa, è illegale non denunciare un incidente d’auto che coinvolge un animale.

L’amore per il latte

Cose velenose per il gatto
Cose dannose per il gatto: il latte (Foto Unsplash)

Anche se il micio medio si lancerà su un piattino di latte come se fosse la dolce ambrosia, una curiosità sui gatti molto strana è che questi animali sono intolleranti al lattosio. Come alcuni umani, quando crescono, i gatti smettono di produrre l’enzima lattasi, che processa il latte materno. Ciò che il nostro amichetto peloso lascerà nella lettiera dopo aver ricevuto questo trattamento regale con il latte, probabilmente ci convincerà a non dare mai più questo alimento al nostro micio. Stranamente, il gatto (e la sua nemesi mortale, il topo), ha dei reni abbastanza efficienti da permettergli di bere acqua di mare per reidratarsi, a differenza della maggior parte delle specie.

Eroi pelosetti

I cani sono ben noti per le storie di eroismo salvavita, ma la maggior parte delle persone pensa che i gatti siano in genere troppo concentrati su sé stessi per dare valore alla vita degli altri. Ma in realtà, non è così. Nel 2012, un gatto che era stato salvato dalla Humane Society solo poche ore prima, è riuscito a salvare la vita della sua nuova padrona quando ha avuto un attacco diabetico. Il gatto le balzò sul petto mentre perdeva conoscenza, toccando e mordicchiando il suo viso fino a quando la donna si svegliò. Il gatto poi sfrecciò nella stanza del figlio della sua nuova padrona, e lo assillò fino a quando non si svegliò per chiedere aiuto.

Una curiosità sui gatti ancora più incredibile arriva dall’Argentina nel 2008, quando un bambino di un anno è stato trovato dalla polizia nella città di Misiones, mentre veniva tenuto in vita da una banda di gatti selvatici. Il bimbo, che era stato separato dal padre senzatetto, sarebbe probabilmente morto senza l’intervento dei gatti. I mici invece si rannicchiavano intorno a lui di notte per tenerlo al caldo e gli portavano frammenti di cibo. Quando la polizia si avvicinò, i pelosi tutori del bambino iniziarono a sibilare e soffiare ferocemente contro di loro.

Savannah

savannah pinterest
Un meraviglioso Savannah (Foto Pinterest)

La tradizione di accoppiare i gatti domestici con i loro antenati risale a più di cento anni fa, quando furono prodotti i primi gatti del Bengala (felini domestici incrociati con leopardi asiatici). Tuttavia, nonostante il loro aspetto esotico, i gatti del Bengala sono per la maggior parte ormai lontani molte generazioni dalla giungla dei loro antenati, e possiedono una natura devota e completamente addomesticata.

Il serval è un piccolo gatto africano con macchie di leopardo, del peso tra i 9 e i 18 kg, forse più famoso per le sue gambe estremamente lunghe. A differenza di molti gatti selvatici, i serval possono essere buoni animali domestici. Nel 1986, un primo gatto domestico fu incrociato con un serval, producendo il gatto Savannah. Da quando è diventato disponibile al pubblico negli anni ’90, il Savannah ha goduto di una crescente popolarità.

I ​​proprietari affermano che i gatti Savannah hanno un temperamento simile ai cani; tendono a seguire i loro padroni e possono persino imparare a camminare al guinzaglio, e giocare a riportare oggetti. Hanno un’incredibile capacità di saltare e molti sembrano amare l’acqua. A seconda della località, potrebbe essere illegale tenere uno di questi gatti. L’Australia in particolare, che ha già un terribile problema con i gatti selvatici che decimano la fauna autoctona, ha vietato l’importazione dei gatti Savannah. E anche se i regolamenti ci consentono di avere uno di questi splendidi animali esotici, è meglio prepararsi a spendere molto, se ne vogliamo uno – a seconda della quantità di serval nella linea di sangue, possono essere venduti per circa 10.000€ ciascuno.

Il Padrino

“Il Padrino” è riconosciuto come uno dei più grandi film della storia, vincitore di tre premi Oscar, tra cui Miglior film, Miglior attore e Miglior sceneggiatura, ogni aspetto del film è stato studiato in modo esauriente, in particolare il patriarca della famiglia, Vito Corleone. Quando ci viene presentato questo spietato boss della mafia, arriva vestito in smoking, mentre celebra il matrimonio di sua figlia, accarezzando distrattamente il suo gatto. È un momento potente, la dicotomia del potere spietato del Don e la sua tenerezza verso il suo animale domestico. È stato, tuttavia, del tutto accidentale. Il gatto non appariva per niente nella sceneggiatura: era un randagio che stava vagando sul set. Marlon Brando lo raccolse per giocarci, e il resto è storia cinematografica.

La morte Nera

gatti mitologici gatto nero leggende
Il mito del gatto nero esiste in molte leggende. (Foto Pinterest)

Gregorio IX fu Papa dal 1227 fino alla sua morte nel 1241, e il suo regno caratterizzato dall’aver provocato le crociate e dalle brutali inchieste contro quelli che erano ritenuti eretici. Sembrava anche convinto che il popolo adorava i gatti neri come manifestazioni del diavolo. La sua influenza ha portato a massacri su larga scala di gatti in tutta Europa, una campagna che avrebbe avuto conseguenze orribili e impreviste fino a 100 anni dopo. Alla fine del 1340, quando i topi infettati dalla peste nera scapparono via dall’Asia, scoprirono che l’Europa era una vera utopia, non protetta dai gatti che avrebbero ridotto i loro ranghi (e probabilmente salvato milioni di vite). Per fortuna, i papi recenti sono stati più tolleranti nei confronti dei gatti. Papa Benedetto era noto per avere una particolare affinità per i felini, che lo seguivano spesso tra i terreni del Vaticano.

Togliere gli artigli

Come il taglio delle orecchie e l’ancoraggio delle code nei cani, l’asportazione delle unghie nei gatti è un problema molto sentito nella comunità degli animali domestici. Anche se molti proprietari che una volta tornati a casa si sono ritrovati un divano distrutto potrebbero credere che questa operazione sia una soluzione ragionevole al loro problema, l’intervento chirurgico necessario per rimuovere gli artigli è piuttosto brutale. Poiché l’unghia cresce fuori dall’osso, il veterinario è tenuto a tagliare l’estremità del dito del gatto, qualcosa di simile a staccare le dita alla prima nocca. Togliere gli artigli è un processo relativamente comune negli Stati Uniti, con solo poche aree localizzate che lo vietano (come la città di San Francisco), ma è visto come crudeltà sugli animali ed è illegale in diversi paesi del mondo, inclusa la maggior parte dell’Europa, Israele, Brasile e Giappone.

Nove vite

Gatto sta per saltare
Il gatto sta per saltare… tanto ha nove vite! (Foto Pixabay)

Concludiamo le nostre curiosità sui gatti con un classico. La frase “i gatti hanno nove vite” è diventata una parte così comune del linguaggio comune che pochi si fermano per considerare le sue implicazioni. Il gatto, con la sua velocità e la sua straordinaria agilità, sembrerebbe sfidare la morte ad ogni momento. Il più grande potere di questo animale sembrerebbe essere la sua capacità di sopravvivere regolarmente alle cadute da qualsiasi altezza. Gli esseri umani, per mancanza di un diverso confronto, sono terribili a cadere. Anche se ci sono casi di persone che sopravvivono a folli cadute (nel 1972, l’hostess Vesna Vulovic è sopravvissuta dopo essere caduta per oltre 9.000 metri da un aereo danneggiato), un essere umano è generalmente in grossi guai, dopo circa tre piani. 

Un gatto che cade ha diversi meccanismi per sopravvivere. Probabilmente è soprattutto il suo senso dell’equilibrio che agisce come una sorta di giroscopio interno, chiamato “riflesso di raddrizzamento aereo”. Dopo essere caduto di qualche metro, è quasi garantito l’atterraggio sulle quattro zampe. Le gambe grandi e muscolose del gatto agiscono come molle all’atterraggio, distribuendo l’impatto improvviso. Essendo relativamente leggero, il gatto ha una velocità terminale molto più bassa (la velocità massima alla quale può cadere) rispetto a un essere umano: i gatti raggiungono quasi i 100 km orari; gli umani lo raddoppiano facilmente. 

Questo è più che una semplice congettura; ci sono dozzine di segnalazioni di gatti che cadono da altezze enormi e si allontanano con poco più di qualche livido. Nel 2011, un gatto anziano di nome Gloucester è caduto da un’altezza di 20 piani, da un appartamento nell’Upper West Side di Manhattan con ferite lievi. L’anno seguente, un gatto a Boston, Sugar, è precipitato da 19 piani restando in vita. Nel 2009, un altro gatto di Manhattan è caduto da un’altezza sorprendente di 26 piani, questa volta con prove fotografiche scattate dai vicini lavavetri. Questo fortunato felino si chiamava – appunto – Lucky.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello