Home Gatti Razze di gatti Gatto Burmese: carattere, prezzo, cuccioli, salute, alimentazione

Gatto Burmese: carattere, prezzo, cuccioli, salute, alimentazione

Scheda completa sul gatto Burmese: ecco tutto quello che c’è da sapere sul cosiddetto “gatto visone”, proveniente dalla Birmania.

micio visone
(Foto Pixabay)

Il gatto Burmese è un micio dal carattere affettuoso e dall’aspetto affascinante. Stai pensando di accoglierlo nella tua vita? In questo articolo scopriamo insieme tutto ciò che riguarda questa splendida razza felina, da origini e stile di vita ideale, a curiosità e informazioni su accoppiamento, riproduzione e cuccioli.

Informazioni generali sulla razza

Iniziamo le presentazioni con il meraviglioso Burmese elencando una serie di informazioni generali che riguardano questa meravigliosa razza.

gatto burmese
(Foto Adobe Stock)
  • Soprannome: gatto zibellino, gatto visone, Malayan
  • Origine: Birmania
  • Vita media: 13-15 anni
  • Dimensioni: medie
  • Peso: 3-6 kg
  • Anallergico: no
  • Tendenza a fuggire: può allontanarsi per via della sua curiosità
  • Tendenza ad ingrassare: sì
  • Tendenza a miagolare: sì
  • Tendenza a soffrire la solitudine: no
  • Clima: caldo-temperato, tende a soffrire le basse temperature
  • Compatibile con bambini: sì
  • Compatibile con altri animali: non sempre va d’accordo con cani e gatti

Quanto costa un gatto Burmese

Stai pensando di accogliere un gatto Burmese nella tua casa e nel tuo cuore? Il costo di un esemplare di questa razza è compreso tra i 1000 e i 1500 euro. La differenza di prezzo dipende da una serie di fattori, tra cui: età, sesso, allevamento cui ci si rivolge.

Non solo: sulla cifra di acquisto del micio influisce anche il fatto che si tratti di un animale da compagnia, da esposizione o da riproduzione. Per quanto riguarda le spese di mantenimento mensili, esse ammontano a circa 30 euro.

Habitat e stile di vita ideale

Vista la sua curiosità, il gatto Burmese ha bisogno di vivere in un ambiente stimolante e ricco di giochi e attività. L’area in cui scatenarsi può essere sia all’aperto che all’interno dell’abitazione.

Se si tratta di un giardino o di un terrazzo, è fondamentale mettere la zona in sicurezza, per evitare che il micio possa scappare e farsi del male.

Un ulteriore fattore importante è che il quattro zampe abbia a disposizione accessori e strumenti per sfogare tutte le se energie e soddisfare i suoi bisogni etologici.

Naturalmente, il posto del micio visone è in casa, insieme alla sua famiglia umana. A maggior ragione considerando il fatto che gli esemplari di questa razza soffrono il freddo.

Origini e storia della razza

Da dove viene il gatto Burmese e quali vicissitudini hanno caratterizzato la sua storia? Scopriamolo insieme in questo paragrafo.

gatto burmese
(Foto Adobe Stock)

Le origini del micio visone affondano nella leggenda. Infatti, si racconta che dei piccoli felini dal mantello marrone lucido vivevano nel Regno del Siam. Questi mici, chiamati Copper, Daeng o Supelak, erano considerati sacri dai monaci birmani.

Nel 1930, una femmina di Burmese venne portata negli Stati Uniti da uno psichiatra della marina americana.

Da quel momento ebbe origine l’allevamento moderno della razza. Il gatto Burmese fu ufficialmente riconosciuto nel 1936.

Aspetto e caratteristiche fisiche

Soprannominato “gatto visone” o “micio zibellino” per il suo pelo peculiare, il Burmese presenta numerose caratteristiche che rendono il suo aspetto davvero affascinante.

Burmese
(Foto Pinterest)

Corpo

Il micio visone è un felino di taglia media, dalla corporatura muscolosa ed elegante. Il suo peso è compreso tra i 3 e i 6 kg, per una lunghezza massima di 28 cm.

Testa

La testa del gatto Burmese è rotonda, dai lineamenti particolari. Sul capo spuntano le orecchie dalla punta arrotondata. Gli occhi, grandi e leggermente sporgenti, sono color giallo oro intenso.

Manto

Il micio visone ha un pelo corto e fitto, dall’aspetto lucente e setoso. Il mantello presenta una colorazione più scura su zampe e dorso.

La colorazione del manto più frequente è lo zibellino, che presenta sfumature brune, nocciola e marroni. Inoltre, altre cromie possibili nella razza sono cioccolato, rosso, blu e crema.

Zampe

Le zampe del gatto Burmese sono mediamente lunghe, muscolose e ben proporzionate rispetto al resto del corpo.

Carattere del gatto Burmese

Il gatto Burmese è noto per la sua indole decisamente dolce e tenera: ecco svelati tutti i lati del suo carattere.

Razze di gatti più tolleranti verso altri animali: il burmese europeo
(Foto Adobe Stock)

Placido e tranquillo, ama trascorrere del tempo in compagnia della propria famiglia.

Nonostante il suo temperamento affettuoso, questo micio mantiene una buona dose di autonomia, che lo porta a non soffrire la solitudine in assenza del proprio umano di riferimento.

Il gatto Burmese non è privo di un lato curioso ed estroverso: esploratore e giocherellone, gli piace divertirsi sia da solo che insieme ai membri della sua famiglia.

Compatibilità con bambini e altri animali

Gli esemplari di questa razza risultano pazienti e ben disposti nei confronti dei più piccoli, con cui amano interagire e giocare.

Al contrario, non sono propriamente indicati per la convivenza con altri gatti o cani.

Naturalmente, l’inserimento dipende dal carattere specifico del singolo micio, ma tendenzialmente necessitano di tempo e una buona dose di pazienza per andare d’accordo con altri quattro zampe.

Salute e cura del gatto Burmese

Generalmente gli esemplari di questa razza godono di buona salute. La durata media della loro vita è di 13-15 anni.

gatto burmese
(Foto Adobe Stock)

In ogni caso, esistono una serie di malattie comuni nel gatto Burmese, che si trasmettono principalmente per via ereditaria da una generazione all’altra. Tra le patologie più frequenti rientrano:

  • Obesità;
  • Cardiomiopatia ipertrofica;
  • Miopatia ipokaliemica;
  • Anomalie cranio-facciali;
  • Gangliosidosi GM2.

Come prendersi cura del gatto Burmese? Trattandosi di un micio a pelo corto, è sufficiente spazzolare il suo mantello una volta a settimana.

Questo non solo contribuirà a rimuovere lo strato di pelo morto, riducendo la possibilità di formazioni di boli e nodi, ma anche a verificare l’eventuale presenza di parassiti come pulci e zecche.

Alimentazione ideale

Cosa dare da mangiare al gatto Burmese, per fare in modo che il proprio amico a quattro zampe sia sempre forte e sano?

Burmese

In primo luogo, occorre prestare attenzione alle quantità. Se da un lato, infatti, il gatto Burmese necessita di un sostanzioso apporto calorico che possa soddisfare il suo fabbisogno nutrizionale, dall’altro c’è il rischio che accumuli peso in eccesso.

Gli esemplari di questa razza, infatti, risultano predisposti all’obesità. Quali alimenti somministrare al proprio amico a quattro zampe?

Trattandosi di un carnivoro, la sua dieta deve essere principalmente basata su proteine di origine animale, presenti in alimenti come pollo, manzo e coniglio.

Via libera anche al pesce, seppur con minore frequenza. Completano la sua alimentazione ideale cereali, grassi, vitamine e sali minerali.

Riproduzione e cuccioli

Stai pensando di far accoppiare il tuo gatto Burmese? Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere su riproduzione e cuccioli di questa razza.

Questi mici raggiungono le dimensioni di un animale adulto tra 9 e 12 mesi. La gestazione ha una durata di circa 64-68 giorni, al termine dei quali possono venire alla luce fino a sei gattini.

Alla nascita, il mantello del gatto Burmese risulta più chiaro. Nel corso di qualche tempo, il pelo comincerà a scurirsi progressivamente.

Anche il colore grigio/blu degli occhi tenderà a mutare durante i mesi successivi alla nascita.

Nomi per il tuo gatto Burmese

Hai deciso di adottare un gatto Burmese? La prima cosa da fare è allestire gli spazi della tua casa a prova di micio.

gatto burmese

Dopodiché, non ti resta che scegliere il nome da dare al tuo nuovo amico a quattro zampe. Se sei alla ricerca di idee e proposte, consulta questo articolo, in cui troverai più di 6500 nomi di gatto femmina e maschio.

Per scegliere l’appellativo perfetto, metti in pratica qualche piccolo accorgimento. Il primo consiste nel puntare tutto su una peculiarità del tuo amico a quattro zampe, che rifletta la sua unicità.

Il secondo è quello di scegliere un appellativo breve, che aiuti il micio nella memorizzazione. Tra i nomi più gettonati per il gatto Burmese ci sono:

  • Femmine: Idra e Sissy;
  • Maschi: Burmie e Micio.

Curiosità sul gatto Burmese

Infine, chiudiamo la nostra scheda completa con una carrellata di imperdibili curiosità sul gatto Burmese.

  • Esistono due differenti varianti di questa razza. La prima è nota come Malayan inglese e ha dimensioni più ridotte rispetto alla seconda, nota come Burmese americano;
  • Il gatto Burmese è decisamente curioso e perspicace. Non è raro che, per esplorare il contenuto di armadi e cassetti, riesca ad aprire da sé i mobili della casa;
  • Gli esemplari di questa razza sono ancora oggi molto rari in Europa;
  • Durante le prime esposizioni feline, il gatto Burmese non ottenne particolare successo, poiché si riteneva che fosse uno strano esemplare di Siamese;
  • Il gatto visone non ha problemi a spostarsi in macchina e in treno. Per questo, è il perfetto compagno a quattro zampe di chi ama viaggiare, ma non vuole lasciare il proprio pelosetto da solo;
  • La particolare colorazione degli esemplari di questa razza è dovuta alla presenza di un gene particolare, noto come gene Burmese.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Laura Bellucci