Ascesso dentale nel gatto: di cosa si tratta e come si cura

Foto dell'autore

By Raffaella Lauretta

Salute dei Gatti

Ascesso dentale nel gatto: un’infezione che si forma intorno alla radice del dente morto. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

denti gatto
Ascesso dentale nel gatto. (Foto AdobeStock-Amoreaquattrozampe.it)

L’ascesso dentale del gatto è una reazione infiammatoria all’infezione che genera un dente morto che distrugge l’osso.

Quest’infezione, può causare gonfiore ai tessuti molli del viso, dolore osseo e infiammazione.

Il gonfiore può poi anche arrivare a rompersi, rilasciando liquido o anche detto pus con all’interno anche presenza di sangue.

Sfortunatamente, un ascesso dentale nel gatto non può guarire fino a quando il dente morto non viene rimosso dal veterinario.

Vediamo quindi quali le cause, i sintomi e il trattamento dell’ascesso dentale nel gatto.

Cause

La causa principale è un dente fratturato, spesso legate all’accumulo di placca e tartaro, che può portare alla carie e alla morte del dente.

Lo smalto sottile dei gatti li rende più suscettibili a fratture dei denti, soprattutto i canini.

Anche la polpa (l’insieme di nervi, vasi sanguigni e tessuti molli che vivono all’interno di un dente) viene esposta quando il dente si rompe, infiammandosi e morendo totalmente a causa dell’invasione batterica.

Altre cause possono essere:

È bene sottolineare che tutti i denti fratturati richiedono un trattamento veterinario.

Sintomi

La maggior parte dei gatti che hanno i denti fratturati non mostrano sintomi evidenti.

denti del gatto
Denti del gatto. (Foto AdobeStock-Amoreaquattrozampe.it)

Questi infatti, vengono scoperti solo durante un esame veterinario di routine.

Tuttavia, alcuni dei segnali che si possono verificare nel gatto con ascesso dentale, possono essere:

  • gonfiore facciale;
  • alito cattivo nel gatto;
  • difficoltà a trattenere il cibo mentre mangia;
  • difficoltà a raccogliere il cibo;
  • piaga drenante sul bordo gengivale;
  • aumento della produzione di saliva o difficoltà a masticare;
  • rifiuto del cibo;
  • apatia o cambiamento dell’abitudine;
  • febbre nel gatto.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 

Diagnosi

Il veterinario sospetterà un ascesso dentale se ci sono denti fratturati, gonfiore del viso o piaghe drenanti sul bordo gengivale.

Farà la diagnosi con un esame dentale sotto anestesia, radiografie dentali e campionamento del tessuto attorno alla radice.

Tutti i denti fratturati e quindi morti, richiedono un trattamento per prevenire l’ascesso e il dolore nel gatto.

Potrebbe interessarti anche:Iperplasia gengivale nel gatto: le cause, i sintomi e il trattamento

Trattamento dell’ascesso dentale nel gatto

Il trattamento per un ascesso dentale nel gatto, prevede l’uso di antidolorifici, antibiotici e l’estrazione del dente, naturalmente sotto anestesia e blocco nervoso locale.

Successivamente all’intervento, ovvero l’estrazione dentale, il gatto mangerà cibo morbido per 14 giorni e dovrà evitare giocattoli duri durante il periodo di guarigione.

Per prevenire futuri ascessi, si raccomanda una valutazione annuale della bocca del gatto con un esame orale e radiografie dentali.

Il trattamento di un dente fratturato in gatti giovani può includere la terapia canalare per mantenere la struttura e l’uso del dente, ma poiché i gatti spesso non mostrano dolore, è importante che il proprietario e il veterinario siano pronti ad identificare eventuali problemi dentali.

Gestione cookie