Home Gatti Salute dei Gatti La dispnea nel gatto: quando il micio non respira bene

La dispnea nel gatto: quando il micio non respira bene

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:16
CONDIVIDI

La dispnea nel gatto: quando il micio non respira bene è necessario un intervento tempestivo. Scopriamo sintomi e rimedi della patologia.

La dispnea nel gatto (Foto Adobe Stock)
La dispnea nel gatto (Foto Adobe Stock)

La difficoltà o l’impossibilità di respirare si presenta sempre quale emergenza medica, da affrontare nella maniera più rapida possibile; la tempestività del soccorso è fondamentale per salvare la vita del paziente. Anche i nostri amici animali purtroppo sono soggetti a questo disturbo: ecco cosa occorre sapere sulla dispnea nel gatto.

Le cause della dispnea nel gatto

tumore polmoni gatto
(Foto Adobe Stock)

La dispnea, ovvero il distress respiratorio, è un disturbo legato all’atto della respirazione, che si può presentare indifferentemente nella fase di inspirazione ed espirazione, e che si traduce nella difficoltà od impossibilità a respirare.

La dispnea è del tutto normale in determinate situazioni (ad esempio per chi abbia appena compiuto uno sforzo fisico); in quelle in cui la difficoltà di respirazione non è giustificata da alcuna causa ordinaria, il disturbo diviene patologico.

Questo vale anche per i nostri amici animali. La dispnea nel gatto può essere dovuta a varie cause:

  • Infezioni ai polmoni (come la polmonite) o altre malattie del sistema respiratorio
  • Tumore: tra le neoplasie, la principale tra le responsabili della dispnea felina è il tumore ai polmoni. Lo stesso effetto può essere provocato anche da altri tumori, la cui massa sia tale da premere ed opprimere le vie respiratorie;
  • Obesità nel gatto;
  • Occlusione delle vie respiratorie: può essere causata da una lesione oppure dalla presenza di un corpo estraneo all’interno dell’animale;
  • Edema polmonare (accumulo anomalo di liquidi all’interno dei polmoni) o versamento pleurico (quando l’accumulo si verifica all’interno della cavità toracica);
  • Emorragia polmonare;
  • Insufficienza cardiaca o altre malattie del cuore: la menomazione dell’apparato circolatorio del gatto potrebbe far si che non giunga sufficiente sangue ai tessuti e muscoli dell’organismo.

Quali sono i sintomi

dispnea gatto
(Foto Pixabay)

I sintomi della dispnea del gatto sono evidenti e semplici da ricollegare ad un disturbo respiratorio. Il gatto ansima, ha il fiato corto, annaspa alla ricerca di aria. La dispnea felina può presentarsi all’improvviso, così come può manifestarsi in maniera graduale.

In quest’ultima ipotesi, prima delle difficoltà respiratorie, possono presentarsi altri sintomi, quali la letargia e la perdita di peso; il gatto può avere difficoltà, o essere impossibilitato, al compimento di uno sforzo fisico.

Potrebbe interessarti anche: Come salvare un gatto che soffoca: la manovra di Heimlich

La terapia della dispnea felina

a controllo dal veterinario
(Foto iStock)

La dispnea nel gatto, specie se si manifesta all’improvviso, senza particolari preavvisi, si presenta come una vera e propria emergenza. Pertanto si rende necessario agire tempestivamente, portando il felino dal proprio veterinario di fiducia.

Molto probabilmente sarà necessario stabilizzare la condizione del felino, fornendogli l’ossigeno che lo aiuti nella respirazione; il passo successivo sarà il compimento di tutti gli esami necessari alla corretta diagnosi del disturbo respiratorio. Il trattamento terapeutico sarà differente a seconda del responso dei test.

Potrebbe essere altresì necessario un periodo di ricovero, la cui durata dipende dallo stato in cui versa l’animale. Oltre alla terapia prescritta, molto probabilmente si renderà necessaria una modifica del regime alimentare. Anche la dieta del gatto malato si differenzierà a seconda della malattia diagnosticata.

Potrebbe interessarti anche: L’asma nel gatto: sintomi, cause, cura e trattamento

Antonio Scaramozza