Home Gatti Salute dei Gatti Emorragia retinica nel gatto: le cause, i sintomi e il trattamento

Emorragia retinica nel gatto: le cause, i sintomi e il trattamento

Emorragia retinica nel gatto, una condizione che colpisce l’occhio del micio. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

occhi di gatto
(Foto Pixabay)

Per capire cosa sia in effetti l’emorragia retinica nel gatto, è importante partire dalla spiegazione di cosa della parola retina.

La retina è il rivestimento interno dell’occhio, si trova appena sotto il rivestimento coroideo centrale, che contiene tessuto connettivo e vasi sanguigni, i quali forniscono nutrienti e ossigeno agli strati esterni della retina.

Se la retina si separa da questo strato, avviene il distacco di retina e di conseguenza un’emorragia retinica nel gatto.

Anche se è la malattia sottostante la vera minaccia per la salute del gatto piuttosto che il distacco vero e proprio. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento per la cura del gatto.

Cause dell’emorragia retinica nel gatto

Le cause di un’eventuale emorragia retinica nel gatto possono essere di natura genetica o acquisita.

Il gattino si arrabbia se lo tocco
(Foto Pixabay)

Quando è presente dalla nascita e quindi di natura genetica si tratta di uno sviluppo difettoso della retina o dei fluidi lubrificanti degli occhi.

Nel caso invece, il motivo scatenante si dovesse manifestare dopo la nascita e quindi in un secondo momento, le cause possono essere le seguenti:

  • aumento dei livelli di alcuni steroidi;
  • aumento dei livelli di ormoni tiroidei;
  • diabete nel gatto;
  • disturbi della coagulazione del sangue;
  • infezioni fungine e batteriche;
  • infiammazione dei vasi sanguigni;
  • malattie renali, malattie cardiache;
  • pressione sanguigna alta (sistemica);
  • trauma/lesione;
  • tumore.

Inoltre nei gatti più anziani con pressione alta, si possono anche sviluppare emorragie o distacco della retina.

Sintomi

L’emorragia retinica nel gatto si manifesta come piccole o grandi macchie di sangue situate negli strati più profondi della retina e, in genere, si associano a gravi alterazioni dell’occhio dell’animale.

Altri sintomi possono essere:

  • cecità nel gatto;
  • sanguinamento in altre parti del corpo;
  • piccoli lividi in tutto il corpo
  • sangue nelle urine;
  • sangue nelle feci del gatto;
  • pupilla dall’aspetto biancastro.

Potrebbe interessarti anche: Atrofia progressiva della retina nel gatto: cos è, sintomi e cause

Diagnosi e trattamento dell’emorragia retinica nel gatto

Per poter effettuare una diagnosi il veterinario, dovrà effettuare un esame fisico completo del gatto ed essere messo a conoscenza della storia medica pregressa dell’animale, fino all’insorgere dei primi segnali di malessere.

Successivamente, procederà con altri esami specifici di laboratorio che includono:

  • profilo chimico del sangue;
  • esame emocromocitometrico completo;
  • pannello elettrolitico;
  • un test della pressione sanguigna;
  • analisi delle urine del gatto;
  • ecografia dell’occhio;
  • campioni di umor vitreo (liquido oculare).

Tuttavia l’esame fisico è quello più importante, ovvero l’esame oftalmico che avviene tramite microscopio a lampada a fessura.

Grazie a questo test, la retina nella parte posteriore dell’occhio sarà attentamente osservata per eventuali anomalie e anche per l’attività elettrica della retina.

Stabilita la diagnosi, l’animale verrà trattenuto in clinica, per essere osservato e curato da un veterinario oculista, il quale provvederà prima di tutto a curare la causa sottostante.

Dopodiché, valuterà eventualmente un intervento chirurgico per riattaccare la retina al rivestimento coroideo.

Purtroppo, in determinati casi, il gatto resta cieco e nonostante la cecità non sia reversibile, l’animale può comunque condurre una vita felice, in quanto l’occhio non è più dolorante.

Nel tempo, il gatto imparerà a compensare la mancanza di vista con gli altri sensi e memorizzerà la disposizione della casa.

Ecco perché è importante che l’ambiente in cui vive possa essere sempre ordinato nello stesso modo e che eviti di uscire all’esterno.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.