Home Gatti Salute dei Gatti Fasciare la coda al gatto: quando e come medicarla in modo corretto

Fasciare la coda al gatto: quando e come medicarla in modo corretto

Credi che sia rotta o debba essere immobilizzata? Ecco qual è il modo migliore per fasciare la coda al gatto e guarirla con le mosse giuste.

Fasciare la coda al gatto
(Foto Pexels)

Non si può mai stare tranquilli! Anche il più atletico e coraggioso dei gatti può farsi male e provocarsi ferite più o meno gravi su tutto il corpo. Cosa fare se la parte interessata è la coda, uno degli strumenti che utilizza per comunicare ed è fondamentale per la sua deambulazione e il suo equilibrio? Ecco cosa fare se è necessario fasciare la coda al gatto e come rendere questa operazione più semplice in poche mosse.

Come il gatto può rompersi la coda

Se lo vediamo saltare giù da altezze pericolose e sgattaiolare come un razzo tra le macchine in strada, non è così difficile immaginare che micio possa farsi male. E se a farne le spese è la coda, una delle parti più importanti del suo corpo, bisogna correre ai ripari.

Gatto per strada
(Foto Pixabay)

Ma come può rompersi una coda? Innanzitutto potrebbero esserci lesioni e ferite da cui fuoriesce del sangue (il che non fa presagire nulla di buono). Quando la coda si rompe per una frattura, il felino non riuscirà a muoverla: se essa tende a restare a terra e a trascinarsi come una zavorra rispetto al resto del corpo, potrebbe essere rotta.

Se esce del sangue è probabile che il micio si sia azzuffato con un suo simile o qualche altro animale, oppure che si sia ferito con un pezzo di vetro o qualche altro oggetto tagliente che gli ha lesionato questa importante parte del corpo.

Quando il gatto si rompe la coda solitamente sente dolore quando proviamo a toccarla, quindi tenderà anche a ‘metterla al riparo’ dalle nostre mani curiose. Infatti non sarà così semplice convincerlo a farsi fare una medicazione, eppure è il modo migliore per tenere ferma la coda rotta del gatto in attesa che il veterinario ci accolga in visita.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto alza la coda, e tutte le altre posizioni: cosa vuole comunicare

Fasciare la coda al gatto: come farlo in poche mosse

Un micio può ferirsi facilmente quindi imparare qualche nozione essenziale di primo soccorso è assolutamente necessario, se non vogliamo correre dal veterinario per ogni singolo trauma.

Fasciare la coda al gatto
(Foto Pexels)

Quindi imparare a gestire il gatto in quei momenti dolorosi e imparare a fare fasciature e medicazioni in poche mosse, è una cosa che dovremmo fare al più presto. Innanzitutto bisognerà saper valutare il danno e le condizioni della coda felina: se è ben visibile una fuoriuscita di sangue è necessario disinfettarla con garze sterili e disinfettante.

Immobilizzare il gatto

Se pensiamo di fare una fasciatura al nostro micio dolorante senza prima immobilizzarlo, lo diciamo subito: è un’idea folle. Il micio non si farà mai toccare da nessuno, neppure dal suo umano preferito: il dolore lo farà dimenare e potrebbe anche diventare aggressivo pur di non  farsi toccare.

Un collare elisabettiano è la soluzione migliore per tenere fermo il micio e anche per mettere noi stesso al riparo dai suoi graffi e i suoi morsi; ma dobbiamo anche farci aiutare da qualcuno che gli tenga ferme le zampe per poter procedere.

Valutare la ferita-frattura

Se sospettiamo che la coda sia rotta ma non vi sono macchie o fuoriuscite di sangue, possiamo procedere alla fasciatura. Nel caso in cui notassimo delle tracce ematiche facciamo in modo da disinfettare la ferita prima che possa evolversi in infezione e poi farla controllare dal veterinario di fiducia.

Utilizziamo tutti materiali sterili e stendiamo il gatto su un panno pulito. Tagliamo eventuali peli lunghi che possono infettare la ferita e procediamo a disinfettarla con acqua ossigenata o con un disinfettante specifico che non bruci. Togliamo con una pinzetta sterilizzata eventuali peli o residui di terra o altro.

Mettere la stecca alla coda

Sarà il veterinario a procedere, qualora lo ritenga necessario, ad un bendaggio antinfiammatorio e antibiotico con una stecca. Si tratta infatti di un’operazione delicata e non è consigliabile farlo da soli a meno che non siamo esperti.

La stecca può essere costituita anche da due pezzi di cartone rigidi, avvolti con del nastro adesivo: attenzione a non stringere troppo il bendaggio attorno alla coda! La stecca dovrà essere ben aderente alla coda del gatto, in modo che sia salda e non si muova, ma non troppo stretta, poiché gli provocherebbe ulteriore dolore.

Disinfettare la ferita del micio

Nel caso in cui vi fosse una ferita o una lesione da curare con del disinfettante, dobbiamo fare in modo che si asciughi rapidamente per evitare che la parte interessata resti umida sotto la fasciatura.

In pratica dobbiamo lasciare ‘respirare’ la ferita disinfettata, facendo attenzione che niente possa andarci su. Solitamente il veterinario consiglia di procedere con la medicazione almeno due volte al giorno e valutare, volta per volta, lo stato della coda.

Potrebbe interessarti anche: Le lesioni alla coda del gatto: un vero disagio per il felino

Fasciare la coda al gatto: qualche consiglio in più sulla medicazione

La prima cosa da fare è non improvvisarci veterinari: se non siamo sicuri di cosa fare o non abbiamo dimestichezza con medicazioni di questo tipo, portiamo immediatamente il gatto dall’esperto.

Micio a pancia sotto
(Foto Pexels)

Lungo il tragitto potrebbe essere utile fasciare la coda ferita o fratturata con i metodi prima descritti, per immobilizzarla il più possibile ed evitare altro dolore al micio. Quando sarà tornato a casa è probabile che il gatto sia ancora aggressivo e sofferente per il dolore: dobbiamo fare in modo che si tocchi il meno possibile, cosicché il trauma o la ferita guariscano più in fretta.

Il collare elisabettiano per gatti può essere ancora una volta una soluzione per impedire al micio di tirare via con la bocca la fasciatura e per non farsi toccare. In commercio ve ne sono di tutti i tipi: magari possiamo sceglierne uno morbido che sia meno fastidioso possibile da indossare per micio.

Francesca Ciardiello