Home Gatti Salute dei Gatti Le lesioni alla coda del gatto: un vero disagio per il felino

Le lesioni alla coda del gatto: un vero disagio per il felino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:55
CONDIVIDI

Lesioni alla coda del gatto: morbida e allo stesso tempo sferzante, elegante ma anche utile. Purtroppo soggetta a questa problematica.

coda gatto
Coda del gatto.(Foto Adobe Stock)

La coda del gatto, elemento di bellezza essenziale nel felino, la coda, oltre ad essere molto ornamentale per la sua figura e aiutarlo a mantenere l’equilibrio durante i salti, è anche strumento di espressione per l’animale.

Lesioni alla coda del gatto

malattie dei polmoni nel gatto
Diagnosi della salute del gatto (Foto AdobeStock)

La coda dei gatti ha quindi diversi usi. Funge da timone quando si tratta di fare grandi salti e piroette. Può anche essere usato come giocattolo perché i gatti usano la coda per intrattenere i loro cuccioli, stimolando così le loro capacità motorie, la curiosità e gli istinti di caccia.

Un’altra utilità che ha la coda del gatto è quella di mostrare tramite essa l’umore. Ma spesso è soggetta a problematiche come delle lesioni. Di seguito elencheremo le varie situazioni in cui possono verificarsi le lesioni alla coda del gatto.

Infezione della pelle

I sintomi più evidenti e comuni della infiammazione della pelle del gatto sono: graffi e sfregamenti su aree pruriginose, nonché pelle infiammata e irritata, in questo caso della coda. Il gatto può mostrare uno o più segni di disagio, che possono comportare un punto fisso sul corpo o un problema più generale.

Il percorso verso la diagnosi, che comporta l’identificazione della causa principale di una malattia della pelle, dovrebbe essere fatto con calma, non rapidamente. In primo luogo, il veterinario otterrà una storia completa dello stile di vita e dei sintomi del tuo gatto ed eseguirà un accurato controllo fisico durante il quale cercherà ovvi problemi come le pulci.

Il veterinario eseguirà anche un’analisi fecale per cercare la presenza di parassiti interni. Se durante queste diagnosi non viene trovato nulla, la ricerca continuerà con gli esami del sangue, alla ricerca di cause sistemiche di dermatite felina, comprese le malattie autoimmuni.

Se l’esame del sangue del tuo gatto è normale, il passaggio successivo è spesso cercare reazioni di ipersensibilità con cause alimentari o ambientali. Per il trattamento, una volta individuata la causa si procederà innanzitutto tenendo pulita la coda, disinfettandola con betadine due volte al giorno.

Utilizzare un collare elisabettiano (collare a E) montato, nella maggior parte dei casi, per interrompere il ciclo prurito-leccare-graffio. E infine procedere con la terapia topica trattando esclusivamente la zona lesionata.

Abrasioni

Se non è troppo grave, la ferita probabilmente guarirà in tempo con un trattamento minimo. È fondamentale in questa fase il controllo di eventuali sintomi di infezione o se il gatto tiene o muove la coda in modo diverso.

Questo comportamento può esserci utile per poter identificare la presenza di un infortunio più grave e magari sottoporre l’animale ad una visita veterinaria. Una semplice abrasione, che si tratti di un graffio o di un piccolo taglio, può essere tenuta sotto osservazione in casa e con un po’ di cura con perossido di idrogeno.

Questo per poter mantenere pulita la coda e di attenzione a non farlo leccare o graffiare l’area, sarà presto in ottime condizioni di salute e pronto a ritornare attivo come prima.

Ferite da morso

Niente di probabile che il gatto si possa trovare a combattere, in particolare se ha la possibilità di recarsi all’esterno e incontrare altri gatti.

Il pericolo delle ferite da morso è dietro l’angolo e ciò di cui bisogna preoccuparsi è dell’entità della ferita, eventuali infezioni e da non sottovalutare la possibilità che se si tratti di un morso di un gatto randagio, e perciò non sottoposto alla vaccinazione contro per la rabbia.

Dato l’alto rischio di lotte tra gatti all’aperto, è anche importante mantenere aggiornate le vaccinazioni contro la rabbia del tuo animale domestico. Ragion per cui nel caso ci siano lesioni alla coda del gatto è meglio rivolgersi al veterinario, il quale appurerà la situazione e farà una diagnosi della condizione dell’animale, valutando evidenti elementi quali: arrossamento, calore, dolore e infiammazione.

Si assicurerà che la ferita non venga infetta ulteriormente e laddove fosse particolarmente grave, addormenterà l’animale tramite sedazione e procederà con irrigare e detergere l’area.

A termine di ciò probabilmente prescriverà antibiotici e possibilmente antidolorifici per il trattamento del gatto da eseguire con estrema cura, tenendo pulita la coda del felino e tenendolo in casa, cercando di evitare le uscite in giardino, per poter così impedire alle larve di mosca di crescere nelle ferite.

Fratture e lussazioni

A causa delle sue abitudini predatorie, il gatto è un animale che è costantemente esposto a incidenti e fratture. Possiamo definire una frattura come rottura parziale o completa di un osso o cartilagine. La coda è una parte importante dell’anatomia felina ed è in realtà un’estensione della colonna vertebrale.

Questa complessa struttura della coda di ossa, muscoli, nervi e vasi sanguigni può essere facilmente ferita. Alcune delle cause per cui si verifica la frattura della coda del gatto sono: la chiusura in una porta, viene calpestata accidentalmente, morsa da un altro animale o colpita da un’auto o da un altro veicolo, le vertebre che compongono le code possono rompersi.

La posizione della frattura ha molto a che fare con la gravità della lesione. Se la frattura si trova sulla punta della coda, di solito guarisce bene senza alcun trattamento. Se le ossa della coda sono schiacciate, potrebbe essere necessario amputare parte della coda. Le lesioni vicino alla base della coda spesso comportano danni ai nervi e sono più gravi.

Di seguito un elenco dei diversi sintomi che si possono notare nel caso in cui la coda fosse fratturata. Alcune delle indicazioni comuni che il tuo gatto potrebbe aver subito una lesione alla coda includono:

  • una notevole torsione nella coda indica che si è verificato un infortunio;
  • dolore al tatto in alcune zone della coda;
  • prova di un morso o altra lesione;
  • gonfiore nella zona della coda;
  • la coda pende e non regge correttamente;
  • problemi di equilibrio e / o difficoltà a camminare o muoversi;
  • incontinenza fecale e / o urinaria o incapacità di svuotare la vescica e / o l’intestino.

La diagnosi da parte del veterinario verrà coadiuvata da un insieme di esami diagnostici come: nei casi di trauma più gravi, possono essere utilizzati emocromo completo, analisi delle urine, radiografie e altri test diagnostici standard. A seconda poi della gravità si procederà con il  trattamento, che può essere chirurgico o probabilmente un’amputazione.

Lesioni da auto

Quante volte durante il periodo invernale di forte freddo, ci ritroviamo qualche gatto sotto l’auto per ripararsi? Questo accade perché l’animale sente il calore del motore dell’auto, ma questa situazione può portare ad un grosso pericolo per il gatto, in quanto nel momento in cui l’auto viene riavviata, la coda può essere intrappolata e tirata nel motore dell’auto in corsa.

Questo tipo di lesione può causare paralisi della coda e danni ai nervi. E a volte può danneggiare i nervi che alimentano la vescica, quindi il gatto potrebbe non essere in grado di urinare.

Innanzitutto soccorrere l’animale immediatamente portandolo dal veterinario, il quale in questi casi procederà con l’unica soluzione che resta sempre l’amputazione della coda. Purtroppo però ci sono casi in cui le lesioni della cinghia del ventilatore a volte fanno danni irreparabili e possono persino portare alla morte.

Auto-mutilazione della coda

Ci sono alcune lesioni alla coda del gatto che in determinati casi sono auto-mutilazioni e ciò può essere provocato da: allergie da pulci, allergie alimentari e stress. Ma c’è un’altra condizione che genera l’automutilazione ossia una patologia chiamata sindrome da iperestesia felina “.

La sindrome da iperestesia felina, è una condizione in cui i gatti mostrano contrazioni o” rotolamento “della pelle e del pelo, lungo la colonna vertebrale.” Ciò può causare al gatto un disagio estremo, che può indurlo a “auto-traumatizzare gravemente la pelle.

La semplice irritazione della pelle può essere trattata allo stesso modo di un’infezione della pelle, con antibiotici e occasionalmente steroidi prescritti da un veterinario. Mentre la patologia viene trattata come si trattano le convulsioni nel gatto e perciò con l ‘utilizzo degli antidolorifici.

Potrebbero interessarti anche:

Raffaella Lauretta