Home Cani Salute dei Cani Prendersi cura del pelo del Maltese, dalla toelettatura al bagnetto

Prendersi cura del pelo del Maltese, dalla toelettatura al bagnetto

Prendersi cura del pelo del Maltese, tutte le attenzioni necessarie per questa razza dal pelo immacolato. Vediamo come spazzolarlo e fare il bagno.

toelettatura del maltese
(Foto AdobeStock)

Il Maltese è un cane da appartamento di piccola taglia dall’andamento fiero e l’aspetto elegante.

Il suo tronco è un terzo più lungo dell’altezza al garrese, dando l’impressione di essere stretto e lungo, mentre la testa è di forma triangolare, gli occhi sono arrotondati e molto scuri e le orecchie pendenti.

La sua caratteristica principale tuttavia è il pelo, il quale si presenta lungo e candido. E come per tutti i cani bianchi, soprattutto quelli a pelo lungo, è un problema riuscire a mantenerli puliti.

Questo suo mantello è ciò che rende davvero impegnativa la toelettatura di tale razza. Vediamo in effetti come prendersi cura del pelo del Maltese.

Prendersi cura del pelo del Maltese

tolettatura maltese
(Foto AdobeStock)

Il pelo del Maltese scende lungo il corpo, dritto per tutta la sua lunghezza senza alcuna increspatura o ondulazione particolare.

Si presenta di colore bianco puro o avorio ed al tatto è molto fitto, luminoso e splendente.

Il Maltese pur essendo un cane molto tranquillo e desideroso di coccole, per poter accettare con entusiasmo la quotidiana attenzione che il padrone deve rivolgere al suo mantello, dovrà essere abituato fin da cucciolo alla spazzolatura.

Occorre perciò stabilire una routine e di conseguenza una sorta di rituale che prevede lo stesso posto, la stessa ora e la stessa persona, in modo tale che l’animale si mostrerà più accondiscendente e pacifico verso la toelettatura quotidiana.

La spazzolatura

Fissare un giorno e un orario preciso in cui creare questa routine con il proprio amico a quattro zampe, tornerà utile anche per rinsaldare il rapporto tra padrone e animale.

Gli esperti che si occupano del comportamento del cane suggeriscono di abituare il cucciolo alla spazzolatura quotidiana.

Questo serve all’animale per iniziare a familiarizzare con gli accessori utili alla toelettatura.

Prima di procedere con le spiegazioni relative alla spazzolatura del Maltese, è necessario soffermarci sul problema principale di questa razza, ovvero l’epifora.

Questa problematica non è nient’altro che un’eccessiva lacrimazione oculare. Siccome a differenza delle nostre lacrime, quelle dei cani non sono sempre trasparenti.

Ragion per cui questo liquido “aggredisce” la colorazione del pelo e lo rende marroncino per la presenza di enzimi.

Sono infatti molti i Maltesi in cui si nota, il pelo rossiccio-brunastro al di sotto degli occhi per via dell’effetto ossidativo delle lacrime sul pelo.

I prodotti oggi in commercio possono senza dubbio ridurre il fattore anti-estetico, ma la prevenzione è sempre la migliore delle ipotesi, cercando di intervenire asciugando tempestivamente le lacrime.

In alternativa, è possibile usare prodotti naturali, facendo però ben attenzione che tali prodotti non vengano a contatto con gli occhi.

Inoltre, è importante non tagliare mai i peli al di sotto degli occhi del Maltese, che ricrescerebbero puntando verso la cornea provocando una brutta cheratite.

In merito invece alla spazzolatura del Maltese, questa deve essere effettuata quotidianamente, la regola generale è almeno una volta al giorno, per evitare la formazione di nodi.

Basteranno 5 minuti per dare una pettinata veloce e questo eviterà il peggio.

Laddove invece fossero già presenti nodi, sarà opportuno procedere per passi, ovvero:

  • utilizzare un cardatore curvo per andare a eliminare ciascun nodo, dando piccoli colpetti di spazzola veloci, un colpetto alla volta, verso l’esterno del pelo;
  • evitare di graffiare l’animale e quindi facendo attenzione che i dentini del cardatore non tocchino direttamente sulla pelle del cane;
  • puntare i denti del cardatore sempre verso l’esterno del pelo e mai dritto sulla pelle.

A seconda del nodo è possibile alternare anche l’utilizzo del pettine mentre si districano i nodi. Il pettine risulterà indispensabile per le zone molto sensibili, come alla base della coda, nell’incavo delle zampe e sulle zampe stesse.

Di seguito alcuni suggerimento su come spazzolare il pelo del Maltese:

  • spazzolare partendo dal collo o dal garrese verso la coda;
  • spazzolare sempre nel verso del pelo e mai contro pelo;
  • spazzolare delicatamente le aree sensibili come: testa, orecchie e collo;
  • eliminare principalmente pelo morto;
  • usare un cardatore o un asciugamano umido per rimuovere la forfora e il pelo morto.

Non dimenticare di premiare il cane con piccoli snack di tanto in tanto, per rendere la cosa un po’ più piacevole.

Potrebbe interessarti anche: Razze di cani a pelo lungo: stupendi ed eleganti esemplari

Il bagnetto

Come abbiam appena spiegato, il Maltese è un cane che deve essere spazzolato nei modi e nei tempi dettati dal tipo di pelo e se rispettati, non si ha la necessità di effettuare bagnetti frequenti.

Ad ogni modo di sicuro l’animale non dovrà subire un bagnetto fino a che l’età non lo permetterà e meglio ancora se la stagione è quella estiva.

Successivamente si potrà eseguire un bel bagnetto, utilizzando prodotti adatti al cane e non prodotti per uso umano, i quali potrebbero danneggiare il pelo e la pelle del cane.

Prima di intraprendere il tutto è sempre meglio fare riferimento al proprio veterinario, il quale saprà sicuramente consigliarvi.

Di seguito alcuni consigli per lavare e prendersi cura del pelo del Maltese durante il bagno:

  • coprire le orecchie del cane con dei batuffoli di cotone, per evitare che penetri acqua all’interno;
  • bagnare il mantello con acqua calda ma non caldissima, partendo dalla testa;
  • insaponare dal collo alla coda;
  • non utilizzare il soffione della doccia si potrebbe innervosire;
  • sciacquare dal collo alla coda. Attenzione al muso e alle orecchie e che l’acqua non vada nel naso o dentro al canale uditivo;
  • non dimenticare di togliere i batuffoli dalle orecchie e di asciugare anche sotto le zampe;
  • prendere degli asciugamani e tamponare per asciugare;
  • utilizzare il phon fino a che non risulterà totalmente asciutto.

Potrebbe interessarti anche: Come lavare il cane in casa senza sforzo, in modo semplice ed efficace

Le attenzioni nel prendersi cura del pelo del Maltese

asciugatura maltese
(Foto AdobeStock)

Per il bagnetto da effettuare al Maltese è necessario utilizzare uno shampoo specifico per manti bianchi, utile a donare luminosità e brillantezza al bianco naturale del suo mantello. Subito dopo aver prima utilizzato uno shampoo districante e delicato.

Infine applicare anche un balsamo, indispensabile per rinforzare il pelo, lenire la cute e prevenire la formazione di nodi.

Risciacquare e spruzzare su tutto il pelo la speciale Guaina spray, apposita per l’asciugatura, in modo da proteggere e rinforzare il pelo, da questo momento si potrà procedere con l’asciugatura.

Raffaella Lauretta