Home Gatti Salute dei Gatti Infertilità nella gatta: cause e rimedi da conoscere

Infertilità nella gatta: cause e rimedi da conoscere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:38
CONDIVIDI

Se la gatta non riesce a rimanere incinta, potrebbe esservi un problema di infertilità: scopriamo quali sono le cause principali e quali invece i rimedi.

Infertilità nella gatta (Foto Adobe Stock)
Infertilità nella gatta (Foto Adobe Stock)

L’infertilità non colpisce solo gli esseri umani; anche i nostri amici animali possono essere colpiti da tale problema. Se la gatta non rimane incinta, la causa va ricercata anche nella sua possibile infertilità. Le cause dalle quali può dipendere tale condizione possono essere molteplici. Scopriamo insieme di quali si tratta e quali sono i rimedi da adottare.

Potrebbe interessarti anche: Gravidanza del gatto: le 5 fasi e come prendersi cura di mamma gatta

Le cause dell’infertilità nella gatta

gatta occhi colore diverso
A volte l’infertilità è dovuta semplicemente al mancato raggiungimento della maturità sessuale (Foto Instagram)

L’infertilità è una condizione che impedisce alla gatta di rimanere incinta. Le cause, temporanee e non, possono essere molteplici. Ecco le principali:

  • Mancata maturità sessuale: una delle cause più comuni è il mancato raggiungimento della maturità sessuale. La gatta è ancora troppo giovane dunque per accoppiarsi. Il calore nella gatta insorge, in media, intorno al sesto mese di vita, e comunque entro il primo anno di età. Se l’infertilità dipende da questa causa, si tratta di una condizione temporanea, che verrà meno con il raggiungimento della maturità sessuale, salvo non sorgano ulteriori problemi;
  • Vecchiaia: l’età incide anche nel senso opposto. Se la gatta è troppo in là con l’età, è molto probabile che avrà problemi di infertilità. In questo caso si tratta di una condizione difficilmente reversibile;
  • Problemi di ciclo: il disturbo può essere dovuto anche ad irregolarità del ciclo della gatta; o perché non lo ha mai avuto, e questo potrebbe dipendere da fattori ereditari o malformazioni congenite, o perché ha un ciclo estremamente irregolare. In questo ultimo caso le cause possono essere ricercate anche nello stress felino;
  • Mancato accoppiamento: l’infertilità può essere causata anche dal mancato accoppiamento. La causa può essere ricercata in anomalie o malformazioni dell’apparato riproduttivo della gatta, che rendono impossibile, o estremamente doloroso l’atto dell’accoppiamento;
  • Patologie pregresse: l’infertilità potrebbe essere la conseguenza di altre patologie da cui la gatta è affetta; può trattarsi di tumore all’utero, o ad a infiammazioni che colpiscono l’organo stesso, come ad esempio la piometria felina.

Potrebbe interessarti anche: La sterilizzazione del gatto: perché farlo e come affrontare l’operazione

I rimedi

tumore polmoni gatto
I rimedi all’infertilità nel gatto sono diversi, a seconda della causa alla base del problema: se dipende da un tumore all’utero, potrebbe essere necessario l’intervento chirurgico (Foto Adobe Stock)

L’approccio terapeutico per la cura dell’infertilità della gatta sarà differente a seconda della causa dalla quale dipende. Se il disturbo è dovuto all’età della gatta, laddove sia ancora troppo giovane, non è richiesto alcun tipo di intervento: sarà sufficiente aspettare il raggiungimento della maturità sessuale.

Se al contrario è troppo anziana, difficilmente la condizione di infertilità sarà reversibile. Laddove invece la causa sia da ricercarsi in una patologia pregressa, la terapia sarà rivolta alla cura di quest’ultima, di cui l’infertilità costituisce un effetto collaterale.

In ogni caso è fondamentale la cura dell’alimentazione del gatto: il veterinario prescriverà quella più consona in relazione alla specifica situazione dell’animale. Per favorire la fertilità è necessario anche che la gatta sia esposta alla luce per molte ore al giorno, compatibilmente con la stagione in corso.

Per le gatte impossibilitate all’accoppiamento per malformazioni dell’apparato riproduttivo una possibile soluzione è rappresentata dall’inseminazione artificiale. Per patologie come il tumore all’utero potrebbe essere invece necessario anche il ricorso alla chirurgia.

Antonio Scaramozza