Home Gatti Salute dei Gatti Labbro leporino nel gatto: cause e rimedi della malformazione congenita

Labbro leporino nel gatto: cause e rimedi della malformazione congenita

Il labbro leporino è una malformazione congenita che può colpire anche il gatto: scopriamo quali sono le cause ed i rimedi del disturbo.

Labbro leporino nel gatto
(Foto Adobe Stock)

Una delle più note malformazioni congenite, che comporta qualche disagio anche dal punto di vista estetico, è il labbro leporino, che può colpire anche il gatto. Scopriamo insieme di cosa si tratta, quali sono le cause più frequenti, e quale il trattamento terapeutico più efficace per la risoluzione del problema.

Che cos’è

Il labbro leporino è una malformazione che riguarda la cavità orale, ed anche il gatto può esserne affetto.

La palatoschisi nel gatto
(Foto Adobe Stock)

A causa dell’anomalia, naso e bocca non risultano separate correttamente, dando luogo a problemi respiratori e di deglutizione.

Si tratta di un disturbo molto spesso confuso con la palatoschisi, anche perché nella maggior parte dei casi le due malformazioni coesistono; raramente è riscontrabile il solo labbro leporino. Tuttavia, mentre la palatoschisi coinvolge il palato molle o duro, il labbro leporino interessa appunto anche la zona del labbro.

Potrebbe interessarti anche: Parvovirosi gatto: sintomi, cause e trattamento

Quali sono le cause

A differenza della palatoschisi felina, il labbro leporino non ha mai origine traumatica.

gatto veterinario
(Foto Adobe Stock)

Dunque, nella maggior parte dei casi, è dovuta ad un’anomalia genetica trasmessa da almeno uno dei genitori. Vi sono altre cause che danno luogo al problema, seppur più rare.

Uno scompenso alimentare può causare la malformazione: un’alimentazione errata o un apporto nutrizionale non sufficiente nella gatta incinta possono infatti dare luogo alla problematica. Anche l’obesità della gestante può avere lo stesso effetto.

Ulteriori cause che possono dare origini al labbro leporino nel gatto sono l’infezione virale contratta dalla mamma, l’avvelenamento o l’assunzione di determinate tipologie di farmaci.

Potrebbe interessarti anche: Punti di sutura nel gatto: ecco cosa fare dopo un intervento chirurgico

Il trattamento terapeutico

Il labbro leporino è un disturbo da non sottovalutare.

Ricetta veterinaria elettronica
(Foto Getty images)

Al contrario di quanto si possa pensare, non consiste soltanto in uno sgradevole effetto estetico, privo di ripercussioni sulla vita del gatto.

Innanzitutto va considerato che il disturbo, nella maggior parte dei casi, è di origine genetica. Questo vuol dire che si presenta nel gattino fin dalla nascita, ed è in grado di condizionare sia l’atto respiratorio sia quello di deglutizione.

Pertanto, se non curato, il labbro leporino può perfino causare la morte del piccolo. La malformazione, infatti, non consente al gattino la presa sulle mammella della madre, o comunque la rende più difficoltosa.

Inoltre parte del latte finisce nelle vie respiratorie del piccolo, favorendo l’insorgenza di infezioni come la rinite. Pertanto, accertata la sussistenza del problema, è necessario rivolgersi al proprio veterinario di fiducia.

La malformazione è facilmente individuabile, anche da chi non ha particolare esperienza. D’altronde, a differenza della palatoschisi, il labbro leporino è visibile all’esterno.

Gli effetti negativi, conseguenza del labbro leporino, possono essere neutralizzati solo sottoponendo il gatto ad un intervento chirurgico. Tuttavia, ricordando che la malformazione si manifesta fin dalla nascita, il gattino non potrà essere sottoposto immediatamente all’operazione.

Occorrerà attendere quanto meno due o tre mesi. Nel frattempo quindi si renderà necessario allattare il gattino per mezzo di una sonda.

Molto importante la prevenzione, da attuare, prima di tutto, non permettendo ai soggetti portatori della malformazione di riprodursi; dunque è necessaria la sterilizzazione del gatto con labbro leporino.

Per ciò che concerne le altre cause, va prestata attenzione all’alimentazione e alla salute in generale di mamma gatto, onde evitare l’insorgenza del problema.

Antonio Scaramozza