Home Gatti Salute dei Gatti Leucemia felina: la causa, i sintomi e il trattamento

Leucemia felina: la causa, i sintomi e il trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:54
CONDIVIDI

La leucemia felina è un virus chiamato anche FeLV, che è molto comune nella popolazione mondiale di gatti. Vediamo la causa, i sintomi e il trattamento.

gatto triste
Infezione molto pericolo e insidiosa nel gatto.( Foto Pixabay)

Il virus della leucemia felina è un virus diffuso in tutto il mondo. La sua diffusione è molto irregolare e dipenderà da fattori come: l’ambiente, il tasso di gatti randagi, le misure sanitarie preventive riguardanti la malattia e i contatti tra gatti infetti.

Qualsiasi gatto è suscettibile alla malattia, anche se il rischio di contagio è molto variabile e dipende dall’età dell’animale, dal suo stato di salute, dalle sue abitudini e dall’ambiente in cui vive. La prevenzione in questo caso avviene attraverso la vaccinazione.

È molto importante sottolineare che FeLV non influisce sugli altri animali domestici e non interferisce con la salute umana. Pertanto, ad eccezione di altri gatti, la leucemia felina non costituisce un pericolo per altri esseri viventi.

Contagio della leucemia felina

gattini
La forma di trasmissione avviene tramite contatto molto ravvicinato.(Foto Pixabay)

La forma di trasmissione avviene tramite contatto molto ravvicinato, tra il gatto sano e il gatto infetto in quanto si verifica con altre malattie virali come il calicivirus felino. In effetti, il virus non può continuare a vivere a lungo al di fuori del corpo del felino. La leucemia felina è quindi data dal contatto diretto e dallo scambio di fluidi corporei.

Un modo molto comune di contagiare la malattia è la toelettatura ma anche leccandosi a vicenda, per pulirsi, la saliva si trasmette al gatto sano. Il virus si trova anche nel latte materno, nelle lacrime, nelle urine e nelle feci del gatto. Infatti una madre può trasmettere il virus della leucemia felina ai cuccioli durante la gestazione e successivamente durante l’allattamento.

Inoltre il contagio può verificarsi nei combattimenti, attraverso i morsi. Un retrovirus come questo è un virus che contiene informazioni genetiche sotto forma di RNA. Tuttavia, quando una cellula viene invasa, si replica come DNA. Il virus alla fine entra nel nucleo della cellula e si mescola con il suo materiale genetico.

Quando ciò accade, il virus può moltiplicarsi e diffondersi nel sangue del gatto. In questa fase iniziale della malattia, l’animale può vincere la battaglia e porre fine all’infezione. Mentre alcuni gatti che hanno un sistema immunitario non abbastanza forte da uccidere il virus, finiscono per essere persistentemente infettati per tutta la vita.

Sintomi della leucemia felina

gatto malato
I gatti contaminati possono manifestare sintomi come: febbre e apatia.(Foto Pixabay)

I gatti contaminati possono manifestare sintomi come: febbre, riduzione dell’appetito e apatia nel felino. Questi sintomi, di solito sono legati alla presenza del virus nel sangue. La debolezza e l’anoressia possono anche essere causate da anemia. Inoltre, i sintomi di infezioni ricorrenti come perdita di peso, naso e occhi che colano e diarrea nel gatto, sono spesso osservati quando il virus è tenacemente presente nel sangue.

A seconda degli organi e dei tessuti interessati, saranno chiari i sintomi più specifici. Durante l’esame fisico, potresti osservare depressione, debolezza e cattive condizioni fisiche causate da immunosoppressione, infezioni croniche o cancro. I linfonodi possono essere ingrossati, l’anemia può causare pallore nelle mucose, una diminuzione del numero di neutrofili può causare segni di infezione massificata e una diminuzione del numero di piastrine nel sangue può essere responsabile di emorragie.

La presenza di un nodulo al petto può rendere difficile la respirazione del gatto. Non abitualmente, si possono rilevare sintomi connessi all’anemia causata dalla distruzione dei globuli rossi da parte del sistema immunitario, danno renale e danno articolare.

Diagnosi della leucemia felina

Esistono test sierologici per accertare la leucemia felina in modo diretto. Questi sono il test ELISA (dosaggio immunoassorbente enzimatico) e il test IFA (anticorpo fluorescente). Il primo test rileva l’antigene del virus libero nel sangue, mentre il secondo rileva l’antigene nei globuli bianchi e nelle piastrine infetti.

Un risultato positivo in quest’ultimo test indica che le cellule del midollo osseo generano attivamente il virus. Logicamente questi test sono preceduti da Test di base come i profili ematici che possono rivelare cambiamenti che potrebbero essere non specifici e / o associati all’infezione del midollo osseo.

Un’analisi delle urine può essere del tutto normale o avvalorare la presenza di infezioni e proteine ​​opportunistiche. Con le radiografie del torace, a volte puoi vedere un nodulo e un accumulo di liquido intorno ai polmoni.

Trattamento della leucemia nel gatto

gatto tiger
Non esiste un farmaco che elimini il virus FeLV(foto unsplash)

A dire il vero non esiste un farmaco che elimini il virus FeLV. In questi casi, può essere somministrata solo una terapia aggiuntiva forte. Questa terapia viene utilizzata in modo che l’animale possa migliorare la sua qualità di vita per mesi o addirittura anni. Questi trattamenti di solito includono antibiotici e si raccomanda di evitare situazioni stressanti.

Inoltre, è importante evitare il contatto con altri gatti che potrebbero essere malati, poiché il loro sistema immunitario sarà molto debole per combattere contro altre malattie. Nel caso in cui l’animale sviluppi un tipo di tumore, la chemioterapia ha dimostrato di essere relativamente efficace, in quanto dopo un po’ perde la sua utilità.

Vaccino contro la leucemia felina

Il vaccino non avrà alcun effetto, se il gatto è già infetto da leucemia felina. Ecco perché se hai accolto in casa un gatto randagio, dovresti fare degli esami con il veterinario per determinare se la sua salute è perfetta.

Si consiglia di vaccinare tutti i gatti, sia quelli che hanno la possibilità di vivere l’esterno sia i gatti di casa. Questo è l’unico modo per evitare di contrarre la malattia, sebbene il vaccino contro la leucemia felina non sia efficace al 100%.

Prospettive di vita

L’infezione può regredire se il virus non si è diffuso al midollo osseo

Successivamente all’ottenimento del virus, l’infezione può regredire o progredire. Normalmente, l’infezione può regredire se il virus non si è diffuso al midollo osseo. Possiamo quindi aspettarci un miglioramento completo. Durante un’infezione progressiva, il gatto sarà affetto in modo persistente, quindi suscettibile di sviluppare l’una o l’altra delle malattie causate dalla leucemia.

Quando un gatto asintomatico ha un risultato di test IFA (test immunoenzimatici) positivo o un gatto con sintomi compatibili ha un risultato positivo su uno qualsiasi dei test, si ritiene che abbia un’infezione persistente. Entro 4 anni, il 90% di questi gatti morirà, ma la loro qualità di vita durante questo periodo è spesso eccellente. Ci sono anche alcuni gatti che sembrano vivere più a lungo del previsto anche se il loro test ELISA è persistentemente positivo.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI