Home Gatti Salute dei Gatti Calicivirus nel gatto: cause, sintomi e trattamento

Calicivirus nel gatto: cause, sintomi e trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:07
CONDIVIDI

I calicivirus felini sono virus molto diffusi nei gatti. Scopri i diversi sintomi, trattamenti e metodi di prevenzione contro il calicivirus nel gatto.

calicivirus nel gatto
calicivirus nel gatto (Foto iStock)

Questa malattia è molto contagiosa e presenta quindi forme più o meno gravi, che vanno dalla forma asintomatica alla forma cronica, arrivando fino ad alcuni casi di calicivirosi iper-virulenta. 

La calicivirosi è una malattia virale causata da calicivirus, coinvolta anche nel comune raffreddore del gatto. Esistono diverse varianti di questo virus e i sintomi si differenziano a seconda del ceppo virale ritenuto colpevole.

Sintomi

Gatto disidratato
Gatto con gengivite

L’intensità dei sintomi dipende dalla potenza del ceppo virale, ma anche dalla salute generale, al momento, del gatto in questione. 

Un gatto con un sistema immunitario più debole (gattino giovane, femmina incinta, gatto con un’altra malattia) può presentare sintomi più gravi di un gatto adulto e sano. 

I sintomi più comuni sono:

  • una gengivite cronica;
  • sintomi di interessamento del tratto respiratorio superiore,  congiuntivite e rinite o, in rari casi, segni di polmonite, tosse nel gatto;
  • ulcere della lingua o della bocca.

Diagnosi di calicivirus nel gatto

Battito accelerato nel gatto
Sintomi e diagnosi del veterinario

La diagnosi si basa innanzitutto sull’esame clinico dettagliato del gatto. Il veterinario cerca anche alcuni fattori di rischio che potrebbero spiegare l’infezione, valutando poi diversi fattori.

Per essere sicuro che il calicivirus sia responsabile dei sintomi, il veterinario può prelevare un campione di secrezioni oculari o nasali.

Per fare questa operazione usa un tampone sterile, che viene successivamente inviato al laboratorio per farlo analizzare. Il laboratorio esegue una PCR che consente di evidenziare il DNA del virus incriminato.

Trattamenti e prevenzione della calicivirosi

@Getty images

Sfortunatamente, ad oggi non esiste un trattamento efficace specifico contro la calicivirosi. I trattamenti proposti si basano quindi essenzialmente sulla gestione dei sintomi e del dolore.

Gli antibiotici e gli antinfiammatori saranno somministrati al gatto malato per rallentare l’avanzare dei sintomi (trattamento antivirale) e alleviarli (con un unguento per gli occhi, inalazioni, cura della bocca e dei denti del gatto).

Il veterinario può considerare il ridimensionamento e l’estrazione dei denti colpiti dall’infezione, laddove dovesse essere necessario. Per l’animale malato che non ha più il desiderio e l’istinto di nutrirsi, verrà presa in considerazione l’idea di reidrarlo con tubi e con lavaggi.

Se trattati in tempo, la terapia antibiotica è generalmente efficace per prevenire l’insorgenza di infezioni secondarie che possono indebolire ulteriormente l’animale e il suo sistema immunitario. Inoltre  i sintomi della calicivirosi possono scomparire in pochi giorni.

Se la calicivirosi dovesse presentarsi nella forma molto più violenta, un’iniezione antivirale basata su interferoni può essere utilizzata per rallentare la replicazione del virus nel corpo.

Tuttavia, la calicivirosi rimane una malattia cronica e incurabile, quindi è fondamentale proteggere il gatto domestico dall’età di 8 settimane con il  vaccino contro il tifo / corizza, efficace anche contro la calicivirosi.

Medicina naturale contro la calicivirosi

aromaterapia gatti
Oli essenziali per aromaterapia dei gatti (Foto fonte Pixabay)

Per ridurre i sintomi della calicivirosi non appena compaiono i primi segnali, si può ricorrere all’aromaterapia per gatti, con la quale si ottieni buoni risultati. Questi metodi naturali possono aiutare a limitare la presenza cronica dell’infezione e una probabile forma acuta successiva.

Tuttavia, questi metodi, devono essere praticati con cura e diligenza per essere efficaci. Come in molte condizioni croniche, si consigliano terapie alternative per cercare di alleviare il circolo infernale di sintomi persistenti a cui si aggiunge lo stress avvertito dal gatto.

 Trasmissione del calicivirus nel gatto

eredità colonia gatti

Il calicivirus si è un virus contagioso. La sua  trasmissione può essere effettuata:

  • Per contatto diretto con un gatto malato o un gatto portatore asintomatico del virus. Il virus è presente nelle secrezioni nasali e oculari del gatto e può anche essere trasmesso durante lo starnuto.
  • Per contatto indiretto, durante la contaminazione dell’ambiente da parte di un gatto malato: gabbia, lettiera del gatto, ciotole o vestiti del proprietario.

Potendo essere trasmesso anche durante un breve contatto con un oggetto contaminato, si raccomanda quindi di vaccinare tutti i gatti, compresi quelli che non escono poiché è purtroppo possibile segnalare il virus a casa se incontriamo un gatto malato.

Vaccinazione della calicivirosi nel gatto

Questo è il vaccino “tifo/corizza” offerto dal veterinario e protegge il tuo animale dal virus della panleucopenia felina , quello della rinotracheite felina e del calicivirus.

Il vaccino calicivirus è un cosiddetto vaccino essenziale nei gatti. Si raccomanda di vaccinare tutti i gatti, compresi quelli che non escono di casa.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI