Home Gatti Salute dei Gatti Le malattie del Munchkin: principali patologie che possono colpire la razza

Le malattie del Munchkin: principali patologie che possono colpire la razza

Le malattie del Munchkin, i problemi di salute più comuni in questa razza di gatto. Scopriamo quali possono essere i più frequenti.

gatto munchkin
(Foto AdobeStock)

Nell’articolo di oggi andremo a scoprire quali le malattie del Munchkin, ovvero le patologie più comuni che possono colpire questa razza di gatto di origine americana e molto caratteristica.

Il Munchkin si distingue per le sue zampe corte, frutto di una naturale mutazione genetica, ovvero il risultato di una malattia ereditaria.

Alcuni studiosi sostengono che a causa di questa deformità alle zampe, questa razza sia incline a determinate patologie.

Altri invece sono dell’opinione che le caratteristiche del gatto non rappresentino alcun limite e non lo rendano maggiormente soggetto a problemi di salute rispetto ad altre razze feline.

Malattie del Munchkin: patologie più comuni

Il Munchkin è una razza di gatto nata negli ultimi anni, ha ottenuto lo status di razza da campionato nel 2003.

munchkin
(Foto AdobeStock)

Il Munchkin è un gatto di taglia media ma può arrivare anche a grande, è massiccio con un corpo particolarmente allungato ma tondeggiante.

Lo standard prevede orecchie particolarmente grandi, gli occhi a mandorla e la coda lunga quanto il corpo. Di questa razza esistono due varietà, può essere corto e molto soffice (Munchkin Shorthair) o medio e setoso (Munchkin Longhair).

Tuttavia la caratteristica principale sono le gambe corte ma capaci di correre, arrampicarsi e saltare come un qualsiasi altro gatto.

Proprio a causa della sua struttura fisica, questa razza è predisposta a malattie genetiche quali:

  • lordosi: in molti casi di problemi alla spina dorsale rilevati nei gatti sono malformazioni congenite della spina dorsale e delle vertebre. In questo caso una curvatura a convessità anteriore della colonna vertebrale. Gli esemplari che soffrono di lordosi muoiono spesso in giovane età. Sarà necessario dare al veterinario una storia completa della salute e insorgenza dei sintomi del vostro gatto. Un esame fisico completo sarà eseguita. I raggi X della colonna vertebrale (comprese tutte le vertebre) possono spesso rivelare la malformazione esatto. I gattini Munchkin affetti da lordosi può essere lieve o grave, e se è abbastanza grave, il gattino non vivrà oltre i tre mesi di età;
  • policistosi renali: ovvero piccole cisti sui tessuti del rene e a volte anche del fegato che tendono ad ingrossarsi. Si manifesta all’incirca sui 7 anni, con aumento della sete, aumento della frequenza urinaria, diminuzione dell’appetito. Ma anche vomito, sangue nelle urine e affaticamento respiratorio. Si tratta di una malattia dal decorso lento ceh con le adeguate può lasciare diversi anni di vita al gatto, ma comunque non guarisce. Generalmente la terapia consiste nell’uso di integratori e di un’alimentazione adeguata. In questi casi la diagnosi precoce è ciò che può allungare la vita al proprio amico a quattro zampe. Permettendo di prolungare il più possibile il funzionamento dei reni;
  • petto escavato è un’anomalia congenita della gabbia toracica, a livello del piano sterno-costale, che consiste in un’angolatura dello sterno verso l’interno, in direzione della colonna vertebrale;
  • artrosi o osteoartrosi è una malattia degenerativa che interessa le articolazioni del gatto. I gatti Munchkin affetti mostrano spesso cambiamenti a livello del comportamento. Una certa riluttanza a muoversi, l’evitare di fare grossi salti o il non volersi alzare dopo una lunga fase di riposo sono altri possibili segnali di artrosi nel gatto.

Potrebbe interessarti anche:Il gatto Munchkin, il felino dalle gambe corte: caratteristiche e curiosità

Altre malattie comuni nei gatti possono essere:

  • Allergie;
  • Clamidiosi;
  • FeLV;
  • Filaria;
  • Fip;
  • Fiv;
  • Giardiasi;
  • Ipertiroidismo;
  • Rinotracheite;
  • Toxoplasmosi.

Davanti a queste patologie nessun gattino purtroppo è immune ma per fortuna esistono per tante di esse le vaccinazioni.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea