Home Gatti Salute dei Gatti La toxoplasmosi nel gatto: la causa, i sintomi, il trattamento e il...

La toxoplasmosi nel gatto: la causa, i sintomi, il trattamento e il contagio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:43
CONDIVIDI

In questo articolo parleremo della toxoplasmosi nel gatto e di come avviene il contagio, quali sono i sintomi e la cura per il felino.

rabbia nel gatto
La toxoplasmosi nel gatto, è una malattia causata dal parassita Toxoplasma gondii.(Foto Pixabay)

La toxoplasmosi nel gatto, è una malattia causata dal parassita Toxoplasma gondii. Si tratta di un parassita intracellulare, della famiglia dei coccidi e genera è una delle malattie parassitarie più comuni negli animali e nelle persone.

La sua particolarità è che nonostante possa contagiare molti animali, inclusi gli umani, il suo unico ospite definitivo è il gatto, essendo questo l’unico animale che rilascia oocisti nell’ambiente.

Causa e contagio della toxoplasmosi nel gatto

Nomi di gatti con la M
Un gatto viene contaminato da cucciolo dai parassiti della toxoplasmosi o quando esce e va a caccia di piccoli roditori (Foto Pixabay)

In generale, un gatto viene contaminato da cucciolo dai parassiti della toxoplasmosi o quando esce e va a caccia di piccoli roditori che trasportano le forme incistate di questo parassita. Questi roditori vengono definiti ospiti intermedi, in quanto non sviluppano la malattia, ma sarà il gatto in quanto ospite definitivo di questo parassita, a sviluppare la malattia, poiché le larve ingerite maturano fino allo stadio adulto di sviluppo nel corpo del felino.

Una volta che le larve sono diventate adulte nell’intestino del gatto, iniziano a deporre milioni di uova, che il gatto espelle e diffonde nelle sue feci. Pertanto, il ciclo di toxoplasmosi continua, portando a nuove contaminazioni. La toxoplasmosi è una zoonosi abbastanza comune, nella maggior parte dei casi è un’infezione senza conseguenze per un animale sano.

Solo nel momento in cui il gatto è indebolito da una grave patologia, come il cancro o la leucemia felina, può vedere sviluppare la malattia e il peggioramento della salute a causa di questa infezione. Ma peggio ancora, se un gatto infetto convive con una donna incinta, i rischi di malformazione per il feto sono molto reali.

In questo caso, quindi parliamo di una malattia da tenere d’occhio per una donna incinta che non è immunizzata. Una cosa certa da fare è evitare accuratamente di entrare in contatto con le feci del gatto.

Ad esempio toccando i suoi rifiuti, anche le verdure non lavate possono anche essere la fonte di contaminazione, quando portano particelle di terreno che sono stati contaminati da feci del gatto. Si consiglia l’uso di guanti di gomma per le donne incinte che fanno il giardinaggio o maneggiano il terreno in un luogo frequentato dal gatto.

Sintomi della toxoplasmosi nel gatto

Nomi di gatti con la U
La toxoplasmosi è difficile da rilevare senza un esame del sangue, il gatto non mostra sintomi. (Foto iStock)

La toxoplasmosi nei gatti è asintomatica, cioè non osserveremo dei chiari segnali che possono dare un’avvisaglia, che si è verificato un contagio. Ecco perché, il più delle volte, il gatto non mostra segni di malattia.

La toxoplasmosi è difficile da rilevare senza un esame del sangue, è possibile a limite, osservare un po ‘di febbre, un certo stato di affaticamento o diarrea. Mentre in caso di infezione secondaria, gli animali immunocompromessi, come quelli colpiti dal virus della leucemia felina, sono più suscettibili alla sofferenza di una toxoplasmosi acuta generalizzata, oltre ai seguenti problemi di salute:

  • Necrosi organica
  • Polmonite interstiziale
  • miocardite
  • meningoencefalomielite
  • corioretinite
  • linfoadenopatia
  • miosite

Diagnosi e trattamento della toxoplasmosi nel gatto

gatto veterinario
il trattamento maggiormente utilizzato, continua ad essere la clindamicina per 30 giorni.

La diagnosi di toxoplasmosi è problematica, e La toxoplasmosi è difficile da rilevare senza un esame del sangue, una diagnosi definitiva si basa su campioni prelevati in un esame post mortem o mediante biopsie.

Nella toxoplasmosi nel gatto, La toxoplasmosi è difficile da rilevare senza un esame del sangue, il trattamento maggiormente utilizzato, continua ad essere la clindamicina per 30 giorni.La sintomatologia si inverte rapidamente, ad eccezione dei sintomi oculari e neurologici. Il trattamento delle lesioni oculari è la clindamicina topica insieme ai corticosteroidi topici o sistemici.

Prevenzione

è fondamentale seguire delle misure minime d’igiene e fare attenzione, nella conservazione della carne. (foto iStock)

Si può, per fortuna, ridurre in modo considerevole il rischio di infezione umana, seguire misure minime d’igiene e fare attenzione, nella conservazione della carne. Di seguito alcuni consigli degli esperti:

  • Pulire la lettiera del gatto ogni giorno e disinfettarla con acqua bollente. Se viene fatto quotidianamente, anche se il tuo gatto defeca le feci con le oocisti, non si saranno ancora riprodotte e quindi non saranno contagiose al momento della pulizia quotidiana.
  • Evitare che il gatto possa cacciare ed evitare di dar loro da mangiare con carne cruda o poco cotta.
  • Cuocere la carne perfettamente almeno a 70 ° C
  • Lavare con cura le mani, gli utensili e le superfici dopo aver maneggiato cibi crudi.
  • Lavare con attenzione e scrupolosità tutte le verdure
  • Indossare guanti quando si maneggia il terreno del giardino potenzialmente contaminato da feci di gatto.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI