Home Gatti Salute dei Gatti Le malattie trasmesse dal gatto all’uomo. Le zoonosi più pericolose

Le malattie trasmesse dal gatto all’uomo. Le zoonosi più pericolose

Il nostro gatto può trasmettere varie malattie, sia alle persone che ad altri animali domestici con cui vive. Vediamo quali le malattie trasmesse dal gatto all’uomo.

gatto e bambino
Malattie trasmesse dal gatto all’uomo: riconoscerle e saper individuare i loro sintomi è fondamentale .(Foto iStock)

La trasmissione di malattie dagli animali all’uomo si chiama zoonosi. È molto importante essere consapevoli di eventuali anomalie nella salute e nel comportamento dei nostri animali domestici.

Anche il gatto, che ha la possibilità di uscire di casa, può avere malattie. Le malattie trasmesse dal gatto all’uomo o ad altri animali domestici con cui divide gli spazi, sono molteplici. Riconoscerle e saper individuare i loro sintomi è fondamentale per agire rapidamente e capire quando andare dal veterinario.

Malattie trasmesse dal gatto all’uomo

gatto coccole
Le malattie trasmesse dal gatto all’uomo o ad altri animali domestici con cui divide gli spazi, sono molteplici (Foto Pixabay)

Laddove non vengono effettuate le normali visite veterinarie che includono la vaccinazione del gatto e la sverminazione dello stesso felino, diventa facile che il gatto possa trasmettere all’uomo determinate malattie. Essendo in grado di trasmettere alcune malattie alle persone quando entrano a contatto con feci, saliva, urina, peli o graffi del gatto, è sempre meglio dedicargli una buona cura.

Poiché quando non sono curati adeguatamente, possono essere un serbatoio di alcuni parassiti, funghi, batteri e virus. Al fine di evitare malattie e mantenere la salute del tuo animale da valutazione, è importante portarlo dal veterinario almeno una volta all’anno, in modo che venga valutato, vaccinato e sottoposto a sverminazione.

Sarà necessario adottare alcune buone abitudini, per evitare i problemi di salute più comuni che possono essere causati da questi animali.

Alcuni esempi sono: prendersi cura di esso, offrendo un luogo tranquillo, acqua pulita e cibo secco per gatti, perché si tratta dell’alimento più adeguato e completo, che aiuta per mantenere il gatto libero da malattie, riducendo così il rischio che tu e la tua famiglia vengano infettati da qualsiasi malattia. Le malattie che il gatto diffonde fondamentalmente nella sua famiglia composta da umani, sono quelle che andremo a spiegare nei prossimi paragrafi.

1. Allergia respiratoria

Una delle principali cause di allergia respiratoria, scatenando una serie di sintomi come starnuti, gonfiore delle palpebre degli occhi, problemi respiratori e persino l’asma in alcune persone, sono i peli del gatto. Gli esperti suggeriscono alle persone che hanno un’allergia ai gatti di evitare il contatto e di non averli a casa, o di adottare una razza non allergica. Sebbene non sia una malattia “trasmessa” dai felini, è provocata da loro.

2. Parassiti

I parassiti più comuni nel gatto sono vermi intestinali, amebe, solitario o tenia, ossiuri, ister e giardia. Questi parassiti sono insetti che vivono nel corpo del gatto, perché solo così riescono a sopravvivere. Fra questi abbiamo la giardia, la quale produce una malattia chiamata giardiasi. Questo parassita si  si nutre dell’intestino dell’animale e se non curata può distruggere la flora intestinale del gatto. Tra i sintomi quelli evidenti sono:

  • stanchezza;
  • dolore addominale;
  • vomito e diarrea.

3. Campilobatteriosi

Questa malattia viene trasmessa dal campylobacter, un batterio, quando il gatto diventa portatore di batteri, viene trasmesso all’uomo, tramite il contatto con le feci del gatto. Fra i sintomi riconosciamo:

  • febbre;
  • enterite acuta;
  • dolore addominale.

4. Scabbia

La scabbia è un’altra malattia che i gatti trasmettono alle persone. È causata da un acaro chiamato sarcopto scabei e si manifesta attraverso i seguenti sintomi:

  • piccoli solchi nella pelle con intenso prurito.

5. Tigna

La Tigna nel gatto, è un’infezione della pelle causata da parassiti chiamati dermatofiti, la trasmissione della tigna all’uomo è molto semplice, i bambini sono coloro maggiormente a rischio. È necessario trattare il gatto con la tigna ed evitare il contatto con esso fino a quando non è completamente guarito.

Il gatto infetto da tigna ha funghi nel pelo che vengono trasmessi dalle spore e rilevabili solo al microscopio.  La diffusione avviene per contatto diretto o aereo, quando gli spazi sono condivisi con un animale malato.

I sintomi sono:

  • pelle traballante,
  • rossore;
  • infiammazione;
  • mancanza di pelo nella zona interessata.

6. Rabbia

È una delle malattie che i cani e i gatti trasmettono quando mordono o graffiano un essere umano, facendo entrare il virus nel corpo attraverso la ferita aperta. Questa malattia è causata dal virus Rhabdoviruses e può essere fatale per il gatto. Viene trasmessa dal gatto non vaccinato e i sintomi della rabbia nell’uomo sono:

  • episodi di eccessiva euforia e rabbia;
  • iperattività;
  • eccitazione;
  • idrofobia e aerofobia;
  • paralisi muscolare graduale;
  • arresto cardiorespiratorio.

7. Toxoplasmosi

La toxoplasmosi nel gatto è un’altra delle malattie che il felino, trasmette più frequentemente. La malattia è causata dal parassita Toxoplasma gondii, che è diffuso in tutto il mondo. L’infezione è causata dal contatto diretto con le feci dell’animale infetto, o mangiando carne poco cotta, ad esempio maiale.

Colpisce maggiormente le persone con basse difese o che, a causa di determinate circostanze, sono più deboli a livello immunologico, come bambini, anziani, donne in gravidanza. I sintomi diffusi quando la malattia non è asintomatica, sono:

  • febbre;
  • stanchezza ingiustificata;
  • ghiandole gonfie;
  • dolore muscolare;
  • eruzioni cutanee.

8. Anchilostoma

L’anchilostoma è una malattia causata dal parassita Ancylostoma duodenale o Necator americanus che penetra nella pelle della persona. Il gatto lo trasmette all’uomo a causa del contatto con le feci infestate e della penetrazione attraverso la pelle.

È fondamentale che l’animale sia vaccinato e che vada dal veterinario almeno 1 volta all’anno, in modo da tenere sotto controllo, la sua salute e garantire al gatto una vita sana. Tra i sintomi riconosciamo i seguenti:

  • emorragie epatiche;
  • anemia;
  • perdita di appetito e affaticamento.
  • tosse;
  • febbre.

9. Sporotrichosi

La sporotrichosi, è causata da un fungo,chiamato Sporothrix schenckii. Questa malattia può essere trasmessa attraverso il morso o il graffio di un gatto infetto.

Al fine di evitare il contagio, l’uomo deve tenersi a distanza dagli animali feriti e bisogna trattare il gatto, con guanti di gomma molto spessi, oltre a seguire tutti i trattamenti indicati dal veterinario per salvare la vita del felino. Laddove la persona sia stata graffiata o morsa dal gatto, dovrebbe recarsi dal medico per il trattamento più appropriato.

10. Malattia di Lyme

Questa malattia viene trasmessa dalle zecche e il gatto può trasmetterla all’uomo. La zecca che trasmette la malattia di Lyme porta un batterio appartenente al genere Borrelia. Nella prima fase della malattia è possibile notare determinati sintomi e successivamente compaiono altri più gravi. Questi sono:

  • eruzioni cutanee;
  • febbre;
  • brividi;
  • fatica;
  • mal di testa.

Successivamente nella seconda fase, compariranno invece i seguenti:

  • problemi cardiaci;
  • meningite;
  • paralisi facciale;
  • allucinazioni.

11. Toxocariasi

Il Toxocariasi è un’infezione causata da un parassita che colpisce il gatto, Toxocara cati. Questa infezione è detta sindrome della larva migrans viscerale, quando colpisce l’uomo. Questa malattia viene trasmessa ingerendo le uova di questo parassita presente nelle feci del gatto infetto.

Poiché il Toxocara cati è inadeguatamente adattato all’organismo umano, il parassita si sposta in varie regioni dell’organismo e quindi può colpire l’intestino, il fegato, il cuore o i polmoni, causando una serie di complicazioni nella persona, infatti è una malattia al quanto pericolosa. Tra i sintomi si evidenziano i seguenti:

  • gonfiore del fegato;
  • febbre;
  • linfonodi ingrossati.

Prevenzione

gatto veterinario
Ciò che è importante sapere che qualsiasi gatto senza cure veterinarie può essere portatore di queste malattie

Con semplici e specifiche raccomandazioni spesso è facile previeni molte malattie. Ciò che è importante sapere che qualsiasi gatto senza cure veterinarie può essere portatore di queste malattie e di conseguenza mettere noi stessi in pericolo. Ecco perché abbiamo pensato di consigliare alcuni piccoli suggerimenti:

  • Vaccinazione del gatto contro le principali malattie.
  • Portare il gatto a un controllo medico generale due volte all’anno.
  • Non condividere il cibo con il tuo gatto o baciarlo in bocca.
  • Mantenere gli spazi puliti in cui il gatto dorme e gioca.
  • Controllare il pelo del gatto per liberarlo da pulci, zecche.
  • Impedire al gatto di entrare in contatto con animali randagi.
  • Lavarsi le mani con acqua e sapone dopo aver accarezzato l’animale e dopo aver pulito la lettiera del gatto.
  • Impedire ai bambini piccoli di toccare le feci del gatto o di pulire la lettiera.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI