Home Gatti Salute dei Gatti Tigna del gatto: la causa, i sintomi, la cura e il contagio

Tigna del gatto: la causa, i sintomi, la cura e il contagio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:37
CONDIVIDI

In questo articolo, tratteremo della tigna del gatto. Vediamo la causa, i sintomi, la cura e il contagio di questa malattia.

gatto che dorme
Una delle malattie della pelle più comuni è la tigna nel gatto.(Foto Pixabay)

Adottare in casa un animale domestica a prescindere che sia un gatto, un cane, un criceto o altro, sappiate che bisogna essere consapevoli che essi richiederanno tanto amore e cura della loro salute. Nel caso del gatto ad esempio, una delle malattie della pelle più comuni è la tigna felina.

La malattia si diffonde rapidamente, ma progredisce in fasi sempre più visibili nella stragrande maggioranza dei casi. A differenza di altre zoonosi, come infezioni da pulci, zecche o altre infezioni comuni, non può essere prevenuta con vaccini, applicazione di repellenti o farmaci antiparassitari. Tuttavia, è una malattia curabile e non mette a rischio la vita del gatto.

Causa e contagio della tigna nel gatto

A differenza di altre zoonosi, come infezioni da pulci, zecche o altre infezioni comuni, non può essere prevenuta con vaccini

La tigna è molto contagiosa e ha anche una capacità infettiva molto elevata. La tigna è una malattia dermatologica generata da funghi microscopici che si diffondono nei peli e sulla pelle del gatto. Questi funghi sono dermatofiti e quindi causano un’infezione del lievito profondamente contagiosa.

La tigna può essere contagiata da diversi tipi di funghi, il che richiede un trattamento specifico per una concreta efficacia. Tuttavia, il più comune è il Microsporum canis, che colpisce anche i cani, ma anche l’uomo. È fondamentale disinfettare qualsiasi elemento a contatto con un animale contaminato, poiché il fungo può sopravvivere fino a un anno su altri oggetti o animali e quindi essere trasmesso senza fine.

Sintomi della tigna nel gatto

gatto sul mobile
Gli animali che soffrono di carenze alimentari, stress e disturbi digestivi siano più inclini alla malattia. (foto Pixabay)

Individuare la patologia nel gatto non è proprio semplice, senza un controllo molto regolare del pelo del gatto, terrà conto dell’età del nostro gatto, di altre possibili malattie e parassiti, Tuttavia, se ci sono alcuni dei segnali, si può dire che i seguenti sintomi sono i più comuni:

  • Un’area rotonda senza peli con un diametro da 1 a 8 cm appare principalmente nella testa e nella parte posteriore.
  • Questa zona è ricoperta da pelle squamosa e/o rossa e irritata.
  • La formazione di croste sulla superficie della pelle è comune.
  • A volte si vede una perdita di peli del gatto, diffusa.

Sembra che gli animali che soffrono di carenze alimentari, stress e disturbi digestivi siano più inclini alla malattia, perché le loro difese immunitarie sono indebolite.

Diagnosi e trattamento della tigna nel gatto

scabbia nel gatto
Per il trattamento il veterinario terrà conto dell’età del nostro gatto, di altre possibili malattie e parassiti.(Foto iStock)

Una volta che compaiono le lesioni, il veterinario può diagnosticare la tigna con un esame diretto del pelo, ma a volte è necessario prelevare un campione e una coltura per garantire la presenza di dermatofiti. L’esame delle lesioni con la lampada UV consente in alcuni casi di rilevarle.

La diagnosi è essenziale prima di iniziare il trattamento della tigna felina. In caso di dubbi, consultare il veterinario per un esame dermatologico perché solo lui può confermare con certezza la presenza dei funghi. La tigna non deve davvero essere trascurata a causa del rischio di trasmissione all’uomo.

Quando il veterinario deciderà quale trattamento sia più adatto, terrà conto dell’età del nostro gatto, di altre possibili malattie e parassiti del gatto, dello stato del suo sistema immunitario e del rischio di contagio per altri animali, da lì ipotizzerà il trattamento più adeguato. Esistono trattamenti orali ma sono molto più aggressivi e tossici per l’organismo del nostro gatto, ecco perché sono preferibili i trattamenti topici.

Tuttavia, se la malattia persiste, sarà necessario optare per un trattamento sistemico per eliminare del tutto la malattia. Il trattamento sarà lungo e bisognerà essere molto persistente, avere molta pazienza, ma man mano si vedrà la ripresa fisica del nostro amico, ma bisognerà procedere e non bloccare il trattamento fino a quando non sarà guarito completamente.

Normalmente i trattamenti dovrebbero durare da 1 a 3 mesi, ma qualsiasi trattamento contro la tigna dovrebbe essere fatto per altre 2 o 4 settimane, dopo che il gatto affetto sembra essere guarito. Alla fine della cura prevista, bisognerà ripetere i test per essere completamente sicuro che la malattia sia stata superata.

Prevenzione

gatto
Non esiste un trattamento preventivo o un vaccino contro la tigna.(Foto Pixabay)

In Italia, il vaccino, per la prevenzione e la terapia della dermatomicosi da Microsporum canis, è stato regolarmente autorizzato, dal Ministero della Salute ed è disponibile in commercio, dietro presentazione di ricetta medico veterinaria. Inoltre è importante esaminare regolarmente il pelo del tuo animale domestico per accertarti che non abbia possibili lesioni e fare attenzione a mantenere il tuo gatto in buona salute con adeguate cure e una dieta equilibrata. Non lasciare che il suo sistema immunitario si indebolisca.

Consigli

  • Pulisci casa: disinfettare e pulire a fondo la casa è molto importante, perché se non eliminiamo i funghi dall’ambiente, non importa quanto il nostro animale domestico riesca a curare facilmente i dermatofiti, agiranno di nuovo.
  • Aceto con sale: mescolare il sale iodato con aceto fino a quando non diventa una specie di pasta. Applicare questa pasta nelle aree con la tigna. Lasciare agire per circa 5 minuti, rimuovere e lavare bene l’area. Ripetere questo processo per almeno una settimana.
  • Aglio: un potente disinfettante e un ottimo antifungino. Tritare e mescolare con vaselina neutra per poi spalmarlo nelle zone della tigna. ripetere questo rimedio casalingo per almeno 3 giorni.
  • Taglia i peli: per evitare che il fungo Microsporum Canis si diffonda rapidamente attraverso il corpo del nostro gatto, possiamo tagliare i capelli attorno a lesioni
  • Spazzola: spazzolare il nostro gatto per aiutare a eliminare le spore fungine, ma soprattutto è un buon metodo per diffondere le polveri o altri prodotti antifungini prescritti dal nostro veterinario in tutto il corpo.
  • Olio di Neem insieme all’aloe: questo olio ha forti proprietà antifungine. Lo possiamo trovare in farmacia ed erborista.
  • Olio di semi di pompelmo: quest’altro olio ha proprietà antibatteriche e antimicotiche molto potenti. Mescolare l’olio di semi di pompelmo con un po ‘d’acqua tiepida da applicare due volte al giorno.
  • Olio dell’albero del tè: questo olio essenziale ha proprietà antisettiche molto potenti, lo troviamo anche nelle farmacie e negli erboristi.

Logicamente tutto questo deve essere anticipato dalla pulizia e disinfestazione dell’intera casa e in particolare le aree in cui il nostro amico trascorre più tempo, dobbiamo usare guanti in lattice monouso per toccare e curare il felino.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI