Home Gatti Salute dei Gatti Sindrome da fading nel gatto: cause, sintomi e trattamento

Sindrome da fading nel gatto: cause, sintomi e trattamento

Sindrome da fading nel gatto, riguarda la mortalità neonatale dei gattini. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

gattino su termosifone
(Foto AdobeStock)

Sebbene davanti alla gravidanza della gatta siano tutti felici per l’arrivo dei gattini da coccolare, si tratta di un momento molto delicato per la mamma quanto per i piccoli.

In questa fase della vita delle femmine degli animali (come anche per la donna), il parto è sempre un momento in cui sia mamma che figlio rischiano la vita.

Tale condizione si verifica anche nel gatto, in questo caso con la Sindrome da fading anche detta mortalità neonatale.

Questa sindrome si manifesta nel gattino nel giro di pochissime settimane di vita, ossia meno di due. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

Cause della sindrome da fading nel gatto

Le cause della Sindrome da fading nel gatto possono essere legate a fattori diversi.

Legate alla madre:

  • alimentazione inadeguata;
  • infortunio;
  • parto difficile o travaglio prolungato;
  • problemi con la perdita di latte.

Legate all’ambiente:

  • temperature e umidità estreme;
  • scarsa igiene.

Altre cause possono essere, difetti congeniti e le infezioni.

Sintomi

Nella Sindrome da fading nel gatto, i segnali che si possono individuare sono diversi.

gattino malato
(Foto AdobeStock)

I sintomi che si manifestano nel gattino sono:

  • debolezza/letargia;
  • scarso peso alla nascita;
  • perdita di peso nel gatto;
  • mancato aumento di peso;
  • poco movimento;
  • scarso appetito;
  • vocalizzazioni costanti e irrequiete nella fase iniziale, successivamente può diventare inattivo e silenzioso;
  • si allontana dalla cucciolata;
  • diarrea nel gatto;
  • temperatura corporea bassa.

Inoltre, un altro segnale può riguardare il controllo della glicemia.

Si possono infatti, verificare scarsi livelli di glucosio nel sangue e scendere al di sotto dei valori normali in caso di disturbi nutrizionali. Tale condizione porta ad uno stato di ipoglicemia nel gatto.

Potrebbe interessarti anche: Il gattino è debole dopo il parto: cause e rimedi

Diagnosi e trattamento della sindrome da fading nel gatto

Per poter stabilire una diagnosi, il veterinario dovrà venire a conoscenza della storia della salute del suo paziente, inclusi il momento in cui si sono manifestati i primi segnali e anche la storia dei genitori del gattino, per lo più si tratta di informazioni di base.

Dopodiché il veterinario eseguirà sul gatto un esame fisico completo e test di laboratorio, quali:

  • esame emocromocitometrico completo: può individuare un’anemia, alterazioni della conta dei leucociti (globuli bianchi, leucociti), incluso un numero anormalmente basso di piastrine (le cellule responsabili della coagulazione del sangue) e un aumento del numero di globuli bianchi, che è ciò che si osserva di solito nelle infezioni;
  • profilo biochimico: può verificare i livelli anormalmente bassi di glucosio (ipoglicemia) insieme ad altri cambiamenti, a seconda degli organi più colpiti;
  • analisi delle urine: possono stabilire la presenza di emoglobina e mostrare batteri presenti nelle urine, indicando un’infezione del tratto urinario;
  • esame fecale: per verificare la presenza di parassiti.

Stabilita la diagnosi di Sindrome da fading, il veterinario potrà procedere con il trattamento idoneo.

In questi casi la terapia antibiotica verrà inclusa solo nel caso in cui sia presente un’infezione batterica.

Mentre, nella maggior parte dei casi, poiché il gattino mostra una temperatura del corpo bassa, verrà effettuato il riscaldamento lento del corpo, per diverse ore, fino a una temperatura corporea normale per evitare di scioccare il suo sistema.

Inoltre, il veterinario valuterà se somministrare ulteriore ossigeno e una fluidoterapia per via endovenosa per correggere i deficit di liquidi.

Il gattino fino a che non raggiungerà la giusta temperatura del corpo non riuscirà ad alimentarsi da solo.

In questa fase, è molto importante seguire la terapia del veterinario e somministrare i farmaci all’esatto dosaggio e tempo prescritti.

Anche piccoli cambiamenti nel dosaggio del farmaco possono essere dannosi per la guarigione del gattino.

Osservate il comportamento e monitorate anche il peso del gattino quotidianamente. Inoltre, assicuratevi che la madre stia allattando correttamente i gattini.

Controllate il suo stato di idratazione attraverso il colore delle urine del gattino e osservate se sono presenti segni di secchezza nella bocca del gatto.

Tutte queste attenzioni e tanto amore, permetteranno al vostro gattino di riabilitarsi quanto prima ed in maniere efficiente.