Home Gatti Salute dei Gatti Sindrome di Manx nel gatto: che cos’è, quali sono i sintomi e...

Sindrome di Manx nel gatto: che cos’è, quali sono i sintomi e come si cura

La sindrome di Manx nel gatto è una particolare anomalia genetica che colpisce soltanto alcune razze feline: scopriamo che cosa comporta.

Sindrome di Manx nel gatto
(Foto Adobe Stock)

Anche i nostri amici a quattro zampe possono essere affetti da malattie genetiche, ereditarie o meno. Alcune di esse sono strettamente correlate alla razza di appartenenza del gatto: è il caso della sindrome di Manx, a cui sono particolarmente predisposti, per l’appunto, i felini dell’omonima razza.

La sindrome di Manx: il gatto senza coda

La sindrome di Manx è un’anomalia genetica che si sostanzia nell’assenza della coda nel gatto.

American Bobtail manx differenza
(Foto Adobe Stock)

A tale patologia sono particolarmente soggetti i gatti di razza Manx (originari dell’isola di Man, dalla quale, appunto, ne deriva il nome). Basti pensare, infatti, che circa il 30% degli esemplari presentano l’anomalia: una percentuale decisamente alta.

Altra razza esposta al disturbo è il Cymric; fermo restando che l’anomalia genetica, indipendentemente dalla razza di appartenenza dell’esemplare che ne è colpito, è nota come sindrome di Manx.

Purtroppo non si tratta di un semplice difetto estetico: la mancanza della coda è indice di una spina dorsale troppo corta.

Potrebbe interessarti anche: Megacolon nel gatto: che cos’è, cause, sintomi e rimedi

Gli effetti

La coda del gatto può essere considerata come l’estensione della spina dorsale; pertanto è fondamentale per assicurare al felino l’equilibrio, dote naturale in cui eccelle.

gatto grigio senza coda
(Foto Pixabay)

Una spina dorsale troppo corta, inoltre, può provocare disfunzioni intestinali: il gatto affetto dalla sindrome di Manx sarà soggetto ad incontinenza fecale e/o urinaria.

Anche l’aspettativa di vita è decisamente bassa: il gatto senza coda non supera, di norma, i 4 anni. Non di rado il felino muore improvvisamente.

Potrebbe interessarti anche: Distrofia corneale nel gatto: cause sintomi e rimedi

Come si cura

Purtroppo non esiste alcuna cura per la sindrome di Manx; d’altronde si tratta di una malattia genetica, che impone doverose riflessioni morali.

gatto Manx
(Foto Adobe Stock)

Vale la pena, per puro capriccio estetico, acquistare un gatto di razza Manx, alimentandone l’offerta sul mercato, quando sappiamo che ben il 30% degli esemplari avrà vita breve, afflitta da diversi disturbi patologici?

È pur vero che gli allevatori vendono soltanto gatti sani, osservando, nei primi quattro mesi di vita, l’eventuale manifestazione della patologia; ma ciò non toglie che un terzo degli esemplari nati andrà comunque incontro al disturbo.

Senza dimenticare che i gatti Manx sono particolarmente predisposti all’insorgenza di altre patologie, quali il megacolon, l’intertrigine e la distrofia corneale. È bene, pertanto, prima di procedere all’acquisto, porsi tale interrogativi.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.