Home Gatti Salute dei Gatti Uveite nel gatto: come riconoscerla e curarla

Uveite nel gatto: come riconoscerla e curarla

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:47
CONDIVIDI

E’ un problema di vista molto comune tra i felini: ecco quali sono i sintomi da riconoscere, le cause e come curare l’uveite nel gatto.

Uveite nel gatto
Uveite nel gatto: cause, sintomi da riconoscere e cure (Foto Pixabay)

Chi ha un gatto in casa sa quanto può essere delicata la loro vista: tra i problemi più frequenti agli occhi si riscontra la cosiddetta uveite. L’articolo non vuole essere un trattato scientifico sulla patologia, ma semplicemente dare alcune indicazioni ai padroni inesperti per riconoscerne subito i sintomi ed allertare in tempo l’esperto. Riconoscerla in tempo può fare la differenza e c’è anche altro che possiamo fare per aiutare il nostro gatto in difficoltà. Ecco quali sono i segnali a cui prestare attenzione e in che modo è possibile limitarne gli effetti.

Uvea e uveite nel gatto: di cosa si tratta

La prima è il rivestimento vascolare dell’occhio, tra la sclera fibrosa e la retina. La sua funzione è quella di nutrire il bulbo oculare con la produzione di umore acqueo, quindi ha una funzione sia vascolare sia protettiva. L’uveite invece è l’infiammazione di una delle parti che compongono il bulbo oculare, ovvero l’iride e il corpo ciliare o coroide. Solitamente questo disturbo oftalmologico colpisce i gatti randagi, più soggetti a ferite e contusioni, rispetto a quelli che vivono in casa. Si distinguono tre tipologie di uveite, che vedremo qui di seguito.

  • Irite: infiammazione a livello dell’iride, ovvero solo della parte anteriore, e iridociclite, ovvero della camera e del vitreo anteriori.
  • Ciclite: quando l’infiammazione è al livello del corpo ciliare, quindi intermedio.
  • Coroidite e Retinite: quando l’infiammazione colpisce la parte posteriore o coroide.

I sintomi

Uveite nel gatto
Uveite nel gatto: tutti i segnali da osservare in un gatto malato (Foto iStock)

Quali sono i primi segnali di un gatto che soffre di uveite? Dovremmo fare particolare attenzione osservando il nostro gatto e sottoponendolo ad una scrupolosa visita dal veterinario. I sintomi più frequenti di uveite sono:

  • fotofobia (ipersensibilità alla luce),
  • occhi rossi (approfondisci qui: occhi rossi nel gatto: cause, sintomi correlati e rimedi)
  • pupille ristrette (Miosi),
  • lacrimazione eccessiva,
  • presenza di secrezioni oculari (muco o pus),
  • opacità della pupilla,
  • difficoltà a deambulare (per l’abbassamento della vista).

Le conseguenze più frequenti di una uveite mal curata sono spesso: la cataratta nel gatto, il distacco della retina, un glaucoma fino alla cecità permanente. Osserviamo gli occhi del nostro gatto: se ci appaiono opachi o velati, siamo di fronte al cosiddetto ‘effetto Tyndall’: si tratta di una patologia dovuta a un accumulo di eritrociti, leucociti e proteine che opacizza l’occhio. Potremmo notare che queste particelle si rifletteranno se sottoposte a luce diretta.

Se temete il rischio di contagio, esso è valido solo quando la causa dell’uveite è una malattia infettiva contagiosa. Se si tratta di una malattia sistemica che ha provocato l’infiammazione allora il pericolo di contagio c’è tra felini; mentre se alla base vi è la Toxoplasmosi nel gatto, la malattia può essere infettata non solo da gatto a gatto ma anche all’umano.

Cause e trattamento

Uveite nel gatto
Uveite nel gatto: i rimedi farmacologici per aiutarlo (Foto Pixabay)

Dalla causa dipende anche il tipo di trattamento che l’esperto sceglierà di adottare. I motivi possono essere sia esterni, quindi legati a traumi o lesioni (dette appunto cause esogene), oppure interni e quindi di natura patologica (cause endogene). Tra queste ultime si annoverano: infezioni virali, di natura batteriologica, parassitaria, malattie metaboliche, diabete nel gatto, la Toxoplasmosi felina, aumento della pressione, FeLV o Leucemia felina, FIV e FIP e infine Herpesvirus felino. Anche l’aumento della pressione intraoculare può causare l’uveite, ma anche trombosi ed emorragie.

La cura scelta dal veterinario è di certo legata alla causa dell’uveite che ha provocato l’infiammazione. Innanzitutto si proverà a ridurre il dolore agli occhi del gatto con degli analgesici. Se sono presenti delle ferite vanno prima curate con terapia antibiotica e poi eventualmente si penserà ad un intervento chirurgico, necessario spesso nei casi di tumore. Inizialmente si prova a ridurre l’infiammazione con delle sostanze applicate localmente (ad esempio i colliri). In caso di patologie sistemiche invece la cura avviene attraverso farmaci immunosoppressori.

Uveite nel gatto: si può curare?

Purtroppo non vi sono belle notizie a riguardo: la prognosi dell’uveite felina purtroppo non dà grandi risultati soddisfacenti, infatti solo una percentuale pari al 33% dei felini colpiti riesce a guarire. Ciò accade perché i farmaci scelti per la terapia hanno effetti collaterali che creano altre complicazioni alla salute del gatto. Se pensiamo ai farmaci a base di corticosteroidi, essi possono aggravare la malattia sistemica; i farmaci antinfiammatori o FANS invece ritardano la guarigione. Ma ciò non toglie che una diagnosi precoce da parte di un padrone attento e scrupoloso possa migliorare le probabilità di guarigione del gatto colpito.

LEGGI ANCHE:

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI