Home Gatti Struvite nel gatto: cos’è, come riconoscerla e prevenirla

Struvite nel gatto: cos’è, come riconoscerla e prevenirla

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:15
CONDIVIDI

Cos’è la Struvite nel gatto? È una patologia che coinvolge le vie urinarie del nostro amico peloso. I suoi sintomi possono condurci a riconoscerla e a prevenirla grazie a sane abitudini alimentari e non

gatto dolorante
Il miagolio dolorante durante la minzione può essere sintomo di Sturvite (Foto Pexels)

Cos’è la struvite nel gatto? Questo astruso termine si riferisce ad una cistite di tipo alimentare nei gatti che porta all’alterazione del valori del PH nell’urina dei felini. Quando l’urina si basifica, comincia a formare i cristalli di Struvite che nelle migliori delle ipotesi formano lesioni interne alla vescica. Il gatto tenderà a sottolineare il problema alterando le sue abitudini per attirare la nostra attenzione. Sia dopo la contrazione di questa patologia che prima è possibile regolarizzare la salute del felino con una corretta alimentazione e un’alta assunzione di liquidi.

Potrebbe interessarti anche: Come riconoscere le carenze nutrizionali nel gatto: sintomi e rimedi

Struvite nel gatto: una patologia che coinvolge le basse vie urinarie

lettiera gatto
Se sentiamo parlare di Sturvite dobbiamo subito pensare al sistema urinario del nostro gatto (Foto Pexels)

Se vi state chiedendo cos’è la Struvite, oltre a essere un minerale è una patologia che colpisce il sistema urinario dei nostri gatti. Per aggregazione infatti, si formano all’interno della vescica un insieme di cristalli di ammonio, fosfato e magnesio.

Oltre ad alterare sensibilmente il PH delle urine del nostro gatto, questi cristalli rimangono sospesi nella vescica e portano all’insorgere di micro lesioni alle pareti vescicolari. Se la patologia viene ignorata, l’aggregazione di questi cristalli può degenerare nella creazione di una densa sabbiolina, denominata renella, che porta alla formazione di veri e propri calcoli o nel peggiore dei casi un’ostruzione urinaria. 

I calcoli a volte non possono essere corretti con adeguate terapie farmacologiche ma devono essere rimossi con una pericolosa operazione chirurgica che risulta essere sempre molto delicata per i nostri amici a quattro zampe.

Il nostro gatto ci avverte dell’iniziale disagio

gatto sul letto
Il gatto ci avverte della patologia a modo suo (Foto Unsplash)

Purtroppo per noi padroni è difficile constatare l’insorgere di questo tipo di patologie interne. Ma sarà il comportamento del felino stesso ad indicarci il malfunzionamento. I sintomi più comuni della Struvite sono simili a quelli di una normale cistite.

Inappetenza e vomito sono due buoni campanelli di allarme. Anche se quelli più convincenti hanno a che fare con il rapporto del micio con la sua lettiera. Il gatto la visiterà molto più frequentemente ma riuscirà a produrre solo poche gocce di pipì. Quest’azione potrebbe essere accompagnata da un miagolio di sofferenza.

Un altro comportamento tipico è quello di urinare ai bordi della lettiera o di tentare di fare pipì in luoghi del tutto inusuali come divani, tappeti o letti. Anche se, un gatto che urina su divani e letti lo fa per motivi diversi.

Se poi il gatto comincia a leccarsi gli organi genitali di continuo, lo fa per lenire il bruciore che prova. Potreste anche trovare tracce di sangue all’interno delle sue urine, ma non sempre ciò avviene. Anche in questo caso, la presenza del sangue nelle urine feline può avere differenti cause.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto si lamenta: cosa significa questo suono nel linguaggio dei mici

Soggetti più a rischio

gatto siamese
Le razze pure, come i Siamesi, possono essere soggetti più a rischio (Foto Unsplash)

Anche se la Struvite si presenta presso ogni gatto che viene ripetutamente alimentato in maniera scorretta, con il tempo, si è potuto notare come l’insorgere di questo disturbo sia più comune in alcuni esemplari. Le razze pure con linee di sangue molto strette fra loro sono ad esempio più soggette a questa patologia.

Siamesi, Persiani e Abissini sono di costituzione più gracile e delicata e quindi più a rischio. Le femmine in genere sono meno colpite da questa patologia per un fatto puramente fisiologico. La lunghezza della loro uretra è sensibilmente ridotta rispetto a quella dei maschietti.

Quella maschile infatti si estende per tutta la lunghezza del pene e si restringe proprio all’altezza di quest’ultimo. Questo restringimento comporta un ulteriore ostacolo all’emissione urinaria. La castrazione nei soggetti maschili perciò aumenta ancora di più l’insorgere di questa patologia.

Struvite nel gatto: i migliori modi per prevenirla

gatto che mangia
Una corretta alimentazione può prevenire la Struvite (Foto Pexels)

Una delle cause maggiori per l’insorgere di questa patologia, che è considerata come una cistite di tipo alimentare, è proprio una dieta errata del felino. Quando la sua alimentazione ad esempio è troppo ricca di grassi al posto che di proteine.

Questo succede quando il gatto è in balia di un’alimentazione troppo casalinga, fatta ad esempio da scarti e avanzi dei nostri pasti. Anche se una dieta casalinga felina vantaggiosa può essere un’opzione sana ed equilibrata se fatta con i giusti criteri.

O quando la scelta di crocchette e umido sono di bassa qualità. In questo caso l’animale non assumerà i valori nutrizionali corretti per godere di buona salute. Tutte scorrettezze che portano l’urina a alcalinizzarsi troppo e a favorire la formazione di Struvite nella vescica.

Altri due fattori da stimolare nel gatto per prevenire la Struvite sono una buona attività motoria e un’idratazione costante.

C.F.